a-firenze-l’accademia-del-caffe-espresso-possiede-una-piantagione-indoor

A Firenze l’Accademia del Caffè Espresso possiede una piantagione indoor

Dai chicchi alla tazzina. Non serve fare il giro del mondo per conoscere il mondo del caffè da vicino. Alle porte di Firenze, lungo la via Bolognese, sorge l’Accademia del Caffè Espresso con tanto di piantagione di caffè indoor per avvicinarsi a una realtà affascinante e sorprendente. Il centro di formazione cultura e innovazione ha sede nelle Officine che ospitarono dal 1960 al 2009 la famosa azienda produttrice di macchine da caffè: La Marzocco. L’Accademia è quindi un pezzo di archeologia industriale italiana dove attraverso l’archivio aziendale e alcuni laboratori dove si impara l’arte dell’espresso, ci si avvicina al mondo del caffè.

Un luogo per conoscere il caffè a 360 gradi

Storia, tradizioni, culture e territori della celebre bevanda sono raccontati diffusamente attraverso un’area espositiva, piantagione di caffè indoor e officine sperimentali. l’accademia custodisce una piantagione ma anche officine sperimentali per mettere a punto tecniche innovative In una tecnologica serra, un’autentica rarità, si possono vedere da vicino gli arbusti diffusi nelle zone equatoriali e tropicali osservandone la fioritura che darà poi vita alle bacche rosse che contengono due semi: i chicchi. Un tesoro sotto tutti i punti di vista dato che il caffè, dopo il petrolio, è la seconda commodity per interesse economico. All’interno della serra gli esperti dell’Accademia del Caffè Espresso mettono a punto le tecniche più innovative per coltivazioni ecofriendly, con un occhio particolare per il consumatore finale. Insomma ambiente e gusto vanno a braccetto. L’Accademia sta portando avanti l’ambizioso progetto nella consapevolezza che dalla coltivazione di queste piante dipende il futuro del mondo sotto il profilo della sostenibilità economica, ambientale e sociale. In Accademia quindi si può visitare una vera e propria piantagione di caffè: in questo modo si capisce come la bevanda grazie alla tecnologia made in Italy de La Marzocco divenga un’eccellenza e al tempo stesso si può compiere un viaggio virtuale che dalle coltivazioni arriva ai bar e alle cucine di tutto il mondo.

Uno studio sulle coltivazioni sostenibili

In questa direzione si inserisce la collaborazione con lo scienziato di fama mondiale Stefano Mancuso. Il professore, docente di Arboricoltura e Etologia vegetale all’Università di Firenze, dirige il Laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale e attraverso Pnat (Project Nature) studia come le piante possono aiutarci con il disinquinamento dell’acqua e dei terreni.

Nello specifico Pnat, insieme ad Accademia, sta analizzando campioni di caffè provenienti da tutto il mondo per indagare le componenti chimiche e genetiche della pianta, individuando le tecniche di coltivazione più sostenibili. Collaborano al progetto di ricerca triennale, oltre al professor Stefano Mancuso con Pnat, l’Enea e, in veste di partner gli enti garanti del caffè di El Salvador (CSC), Honduras (IHCAFE), Costa Rica (ICAFE) e Guatemala (ANACAFE), oltre Cup of Excellence. A guidare il piano di ricerca l’agronomo Massimo Battaglia.

Se vuoi aggiornamenti su A Firenze l’Accademia del Caffè Espresso possiede una piantagione indoor inserisci la tua email nel box qui sotto:

Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi di cui alla presente pagina ai sensi dell’informativa sulla privacy.

Abbiamo ricevuto la tua richiesta di iscrizione. Se è la prima volta che ti registri ai nostri servizi, conferma la tua iscrizione facendo clic sul link ricevuto via posta elettronica.

Se vuoi ricevere informazioni personalizzate compila anche i seguenti campi opzionali.

Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi di cui alla presente pagina ai sensi dell’informativa sulla privacy.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *