agrigento,-dalle-acque-del-lago-affiora-il-fortino-di-mazzallakkar:-la-sua-origine-nasconde-ancora-segreti-–-video

Agrigento, dalle acque del lago affiora il fortino di Mazzallakkar: la sua origine nasconde ancora segreti – Video

di F. Q. | 17 Luglio 2021

Cos’era Mazzallakkar? Un fortino arabo che proteggeva dal basso il castello di Zabut arrampicato sulla collina? Un presidio più tardo, dopo l’anno Mille, quando l’antica Sambuca era già nata, magari sorto su un’architettura preesistente? Oppure, come ipotizzano gli storici di recente, una masseria fortificata cinquecentesca che i nobili Perollo, i signori della zona, avevano costruito sullo stile dei castelli maltesi, nell’isoletta dove avevano possedimenti? Già il nome, a sentirlo pronunciare, evoca veli, spezie, mercanti, profumi, sete e incensi. Il fortino è riemerso dal lago Arancio, nel territorio di Sciacca, a causa delle scarse precipitazioni. Ora è visitabile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.

Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Libero De Rienzo, non solo un attore di culto generazionale ma un ‘trickster’ a tutti gli effetti

next

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *