aumenti-stipendi-e-arretrati,-per-docenti-e-ata-soldi-in-piu-da-dicembre:-tutto-in-automatico,-senza-fare-alcuna-domanda-–-orizzonte-scuola-notizie

Aumenti stipendi e arretrati, per docenti e Ata soldi in più da dicembre: tutto in automatico, senza fare alcuna domanda – Orizzonte Scuola Notizie

Accordo raggiunto tra il governo e i sindacati sul rinnovo del contratto. Dopo oltre sette ore di trattative, l’intesa è stata raggiunta sul lato economico (relativamente al trattamento fondamentale riguardante gli stipendi tabellari e le componenti fisse del trattamento accessorio), mentre per quanto riguarda l’aspetto normativo tutto sarà spostato nel 2023.

Si prevede per i docenti e il personale Ata un aumento medio già da dicembre pari a 105 euro lordi, che diventeranno 123 euro lordi in media da gennaio.

I fondi stanziati – 2.21 miliardi per aumenti e arretrati, 89 milioni per la retribuzione fissa e altri 100 milioni una tantum – serviranno anche a liquidare entro la fine dell’anno gli arretrati, circa 3mila euro in media. A queste saranno aggiunte le risorse del successivo accordo: il ministro si è impegnato a reperire circa 300 milioni di euro nella prossima legge di Bilancio per completare gli aumenti contrattuali.

Il rinnovo riguarda circa 1,2 milioni di dipendenti pubblici del comparto Istruzione e Ricerca, di cui oltre 850mila insegnanti.

Attualmente gli stipendi dei docenti e del personale ATA sono determinati in base al CCNL Istruzione e Ricerca 2016-2018 del 19 aprile 2018.

In base al grado scolastico e all’anzianità di servizio cambierà l’importo spettante. Chi ad esempio ha una fascia di anzianità fino a 8 anni riceverà di meno rispetto a chi ha circa 20 anni di servizio. Differenza sostanziale anche per il grado scolastico.

Le fasce di anzianità sono sei: 0-8, 9-14, 15-20, 21-27, 28-34 e da 35, mentre i gradi scolastici sono quattro: infanzia e primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado (personale diplomato), secondaria di secondo grado (personale laureato).

È importante sottolineare che tutto avverrà in modo automatico, senza bisogno di presentare alcuna domanda o rivolgersi a strutture intermedie. Il personale scolastico si vedrà corrisposto gli aumenti e gli arretrati, relativi al contratto 2019-21, a partire dal mese di dicembre tramite emissione speciale della Ragioneria dello Stato.

A quanto ammontano gli arretrati? A questa domanda, al momento, è difficile rispondere, molto dipende da quanto percepisce ogni singolo lavoratore in busta paga. Gli arretrati dovrebbero essere all’incirca 2500 euro netti. Per un’analisi più approfondita occorre aspettare ancora qualche giorno.

SCARICA ACCORDO FIRMATO [PDF]

Related Posts