bangladesh,-incendio-in-fabbrica:-oltre-50-operai-morti.-erano-chiusi-a-chiave-dentro-al-reparto

Bangladesh, incendio in fabbrica: oltre 50 operai morti. Erano chiusi a chiave dentro al reparto

Le fiamme sono divampate nello stabilimento di sei piani e l’incendio è andato avanti per ore. Ore durante le quali i lavoratori restavano intrappolati all’interno e centinaia di parenti sconvolti e altri operai hanno aspettato fuori dalla fabbrica, mentre il fuoco continuava a infuriare. Sono almeno 53 gli operai morti all’interno della fabbrica per la lavorazione degli alimenti della Hashem Food and Beverage di proprietà del Gruppo Sajeeb, a Rupganj, città del Bangladesh non lontana dalla capitale Dacca. Ma le vittime potrebbero essere molte di più, anche a causa dell’uscita di un reparto chiuso dall’esterno da un lucchetto.

Al momento in cui è scoppiato l’incendio nella fabbrica, che produceva succhi di frutta, soft drink e altri alimenti, almeno mille persone si trovavano al suo interno. Finora ne sono state tratte in salvo solo 25 che erano riuscite a raggiungere il tetto dell’edificio subito dopo l’inizio dell’incendio, dopo essere riuscite a forzare la serratura di una porta, o si sono gettate dalle finestre del secondo e del terzo piano. I corpi di 49 persone sono stati ritrovati carbonizzati dai soccorritori dopo 20 ore di lavoro per spegnere le fiamme e altri tre subito dopo l’inizio del loro intervento. Il quarto piano, dove si trovavano le vittime ritrovate fino a ora, era chiuso con un lucchetto “per ragioni di sicurezza”, e nessuno è riuscito a fuggire. Le guardie dello stabilimento avevano rifiutato di aprire le porte senza l’autorizzazione della proprietà.

Si tratta dell’ultimo di una serie di disastri che hanno distrutto complessi industriali e condomini a causa del mancato rispetto degli standard di sicurezza. Il più grave nel 2013, quando un complesso di 9 piani è crollato uccidendo 1.100 persone. Da allora, nonostante la promessa di riforme, il livello di sicurezza non è aumentato. Nel febbraio 2019 almeno 70 persone sono morte a causa di un incendio che ha distrutto gli appartamenti di Dhaka dove venivano conservate illegalmente sostanze chimiche.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un’informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Honduras, l’italiano Giorgio Scanu “linciato in un villaggio da 600 persone”. Era sospettato di avere ucciso un vicino

next

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *