biden-censura-press-tv-e-altri-network-iraniani.-deep-state-usa-scatenato-contro-gli-islamici-sciiti

BIDEN CENSURA PRESS TV E ALTRI NETWORK IRANIANI. Deep State USA scatenato contro gli Islamici Sciiti

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Versione originale in Inglese

Fonte originale: articolo di Gospa News

La vittoria del conservatore Sciita Ebrahim Raeisi nelle recenti elezioni presidenziali in Iran ha suscitato reazioni politiche internazionali differenti. A distanza di pochi giorni dalla sua investitura ufficiale a Presidente della Repubblica Islamica dell’Iran le sanzioni americane travolgono la libertà di stampa censurando il principale network mondiale di Teheran.

Mentre il rinnovo del trattato nucleare tra Iran e Usa (Joint Comprehensive Plan of Action) sembra ancora in altomare per la pressione di Israele che si oppone alla concessione a Teheran dell’utilizzo di centrali nucleari (dove l’arricchimento dell’uranio per armi atomiche avviene in sfregio alle normative internazionali) il dominio di Press TV in inglese e di altri siti iraniani è stato bloccato dall’amministrazione di Joseph Biden che prosegue sulla stessa linea di Donald Trump contro il paese mediorientale, a maggioranza Sciita e pertanto inviso ai paesi arabi del Golfo Persico che hanno sottoscrito con Israele, grazie alla mediazione di Washington, gli Accodi di Abramo.

 Ebrahim Raeisi, nuovo presidente della Repubblica Islamica dell’Iran

Sayyid Ebrahim Raisol-Sadati, conosciuto semplicemente come Ebrahim Raisi (persiano: ابراهیم رئیسی‎ “Ibrāhīm Raīsī”; Mashhad, 14 dicembre 1960), è un politico e magistrato iraniano. Ha conseguito una laurea in diritto islamico all’università Motahari di Teheran[4].

Ha iniziato a studiare nel seminario di Qom, dove sorge una delle più importanti moschee dell’Iran a poca distanza da una inespugnabile fortezza nucleare sotterranea, all’età di 15 anni, ed ha successivamente iniziato a frequentare la scuola dell’Ayatollah Sayyed Muhammad Mousavi Nezhad prima e la scuola dell’Ayatollah Borujerdi a Qom nel 1976 poi; è stato allievo di Seyyed Hossein Borujerdi, Morteza Motahhari, Abolghasem Khazali, Hossein Noori Hamedani, Ali Meshkini e Morteza Pasandideh. È stato uno dei giovani rivoluzionari di Khomeini.

Diventa davvero difficile pensare che la sua nomina non abbia nulla a che fare con l’applicazione della censura al più importante network iraniano in un’ottica che conferma l’orientamento dell’Occidente, e del Deep State massonico che ha sostenuto Biden, ha cancellare ogni pensiero differente soprattutto se proviene dalla minoranza musulmana Sciita che in Iran, come in Siria e in Libano (altri paesi colpiti dalle sanzioni Usa), controlla il potere politico.


Articolo di Press TV (versione originale in Inglese qui)

In quella che sembra essere un’azione coordinata, un messaggio simile è apparso sui siti web di una serie di reti televisive iraniane e regionali che affermano che i loro domini sono stati “sequestrati dal governo degli Stati Uniti”.

L’avviso, apparso nella tarda serata di martedì sul sito web della rete di notizie televisive in lingua inglese Press TV, nonché su un certo numero di altri canali di informazione iraniani e regionali, citava le leggi statunitensi sulle sanzioni per il sequestro ed era accompagnato dal sigillo del Investigation (FBI) e il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti.

“Il dominio presstv.com è stato sequestrato dal governo degli Stati Uniti in conformità con un mandato di sequestro… come parte di un’azione di contrasto da parte del Bureau of Industry and Security, Office of Export Enforcement e Federal Bureau of Investigation”, il messaggio letto.

Anche i siti web della rete televisiva iraniana in lingua araba Al Alam, del canale televisivo yemenita al-Masirah e della rete televisiva Lualua del Bahrain erano tra i punti di emissione. Il governo degli Stati Uniti non ha commentato ufficialmente la questione, ma alcuni rapporti hanno affermato che i siti Web potrebbero essere stati violati. Press TV ha annunciato che il suo sito web sarà disponibile sul dominio .ir.

Negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno più volte adottato misure simili contro i media iraniani.

Google rinnova l’attacco all’account YouTube di Press TV iraniana Google ha preso di mira per la settima volta l’emittente iraniana Press TV, bloccando l’accesso della rete di notizie in lingua inglese al suo account YouTube ufficiale senza alcun preavviso. Il gigante tecnologico statunitense Google ha ripetutamente preso parte a Press TV più di qualsiasi altro canale iraniano, data l’ampiezza del suo pubblico e dei suoi lettori.

A marzo, Google per la settima volta ha bloccato l’accesso della rete di notizie in lingua inglese al suo account YouTube ufficiale senza alcun preavviso, citando “violazioni delle linee guida della community”.

Il colosso dei social media con sede negli Stati Uniti Facebook ha anche informato Press TV nello stesso mese che il suo account era stato chiuso per quello che sosteneva essere il fallimento del canale di notizie iraniano nel “seguire i nostri standard comunitari”. La pagina è stata ripristinata pochi giorni dopo.

La rete di notizie in lingua inglese con sede a Teheran è stata ripetutamente vittima della censura su più fronti, tra cui Twitter e Instagram oltre a Google e i suoi servizi. È possibile accedere al sito Web di Press TV anche ai seguenti indirizzi alternativi:

www.presstv.ir

www.presstv.co.uk

www.presstv.tv



Segui Database Italia su Google News: Database Italia


Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *