bollettino-dell’8-febbraio:-salgono-i-casi-di-contagio-in-italia

Bollettino dell’8 febbraio: salgono i casi di contagio in Italia

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi lunedì 8 febbraio, ha reso noti i dati dell’epidemia da coronavirus in Italia tramite bollettino.

Bollettino coronavirus mappa regione
(Ministero della Salute)

Aggiornato lo stato dell’epidemia da Coronavirus in Italia. Stando alla tabella odierna del Ministero della Salute, i casi di contagio sono saliti a 2.644.707 con un incremento di 7.970 unità rispetto alla giornata di ieri. Prosegue il calo dei soggetti attualmente positivi che ad oggi ammontano a 419.604 (-7.420). Salgono, invece, i pazienti ricoverati in terapia intensiva (+36) che ad oggi risultano essere 2.143. I guariti dall’inizio dell’emergenza sono 2.133.523, ossia 15.082 unità in più di ieri. Si aggrava ancora il bilancio delle vittime in Italia con 307 decessi registrati nelle ultime 24 ore che hanno portato il totale a 91.580.

La Regione Emilia Romagna, si legge nelle note, ha comunicato la sottrazione di un caso dal totale dei casi confermati da test antigenico già comunicati, in quanto non confermato successivamente con test molecolare. Il Veneto, per la stessa ragione, ha sottratto 48 casi dal totale dei casi confermati da test antigenico.

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di domenica 7 febbraio

Coronavirus bollettino Italia febbraio
(Getty Images)

Il Ministero della Salute nella giornata di ieri ha pubblicato il bollettino relativo all’epidemia da Coronavirus in Italia. Stando ai dati, i casi di contagio erano saliti a 2.636.738. In calo i soggetti attualmente positivi che ad ammontavano a 427.024, così come i pazienti ricoverati in terapia intensiva che risultavano essere 2.107. Il numero delle persone guarite era giunto a 2.118.441. Saliva il bilancio totale delle vittime in Italia a 91.273.

La Regione Emilia Romagna, si leggeva nelle note, comunicava l’eliminazione di 1 caso dei giorni precedenti, in quanto giudicato non caso Covid-19.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Bollettino del 7 febbraio: 270 decessi registrati nelle ultime 24 ore

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di sabato 6 febbraio

Nella giornata di sabato sono stati divulgati, come di consueto, i numeri relativi all’epidemia da Coronavirus in Italia  tramite tabella sanitaria dal Ministero della Salute. Stando a quest’ultima, il numero delle persone risultate positive al virus dall’inizio dell’emergenza era salito a 2.625.098. Diminuivano i soggetti attualmente positivi che ammontavano a 427.034. Salivano anche i ricoveri in terapia intensiva che contavano 2.110 pazienti. Il numero dei guariti era giunto a 2.107.061. Purtroppo si aggrava ancora il bilancio dei decessi: il totale saliva a 91.003.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Bollettino del 6 febbraio: i dati dell’epidemia di oggi in Italia

Coronavirus, Speranza: “Zona gialla non significa scampato pericolo” – VIDEO

Il weekend appena trascorso, per numerose regioni è stato un ritorno in zona gialla. Purtroppo, la circostanza pare abbia indotto numerosi cittadini a lasciarsi andare a facilonerie di sorta. Un atteggiamento immediatamente condannato dal Ministro della Salute Roberto Speranza il quale ha voluto, tramite i social lanciare un messaggio dai toni duri e chiari.

Bisogna essere prudenti” ha affermato, “Dobbiamo essere prudenti per non vanificare tutti gli sforzi fatti in queste settimane. Essere in zona gialla non equivale ad essere fuori pericolo”. Speranza ha proseguito ricordando come i virus continua a circolare ed il rischio oggi è ancor più alto, anche a causa delle varianti che hanno iniziato a prendere piede. L’invito del Ministro è quello di non scherzare con il fuoco.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, Speranza: “Zona gialla non significa scampato pericolo” – VIDEO

Primo sabato in “giallo”, la Capitale si risveglia ed il fatturato vola

Passare in zona gialla  significa una vera boccata d’aria soprattutto per le attività di ristorazione che possono tornare ad aprire, sempre però attenendosi a tutte le misure di precauzione imposte dal Governo e nei limiti stabiliti dalla legge.

Il weekend appena trascorso ha portato, soprattutto a Roma una sorta di “boom economico”. Complice il meteo che ha regalato alte temperature, la Capitale è sembrata essere risorta.

Stando a quanto dichiarato dal presidente della Fiepet-Confesercenti di Roma e Lazio si sono registrati “dati impressionanti” quanto ad incassi per le attività.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Primo sabato in “giallo”, la Capitale si risveglia ed il fatturato vola

Focolaio Covid, 48 bambini positivi: situazione allarmante

All’interno del Villaggio della Speranza, campo Rom a Castel Romano sulla Pontina, le Asl della Capitale hanno effettuato controlli a tappeto in seguito ad una morte accertata al suo interno per Covid.

I sanitari hanno scoperto, all’esito dei tamponi effettuati sulla stragrande maggioranza degli abitanti, un vero e proprio focolaio. Ben 48 i bambini positivi oltre a tutti gli adulti di cui non si conosce il numero esatto. Una circostanza che sta alimentando non poche ansie, considerando che i piccoli frequentano le scuole elementari di quartieri molto popolati come l’EUR ad esempio.

Stando a quanto riporta la redazione di Leggo, tuttavia, nonostante il rilievo delle Autorità Sanitarie i Rom continuano ad uscire dal campo. Vi sarebbe una totale assenza di controllo e contenimento, nè tantomeno sarebbe stata effettuata un’analisi della cosiddetta rete di contatti.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Focolaio Covid, 48 bambini positivi: situazione allarmante

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.



Numerosi abitanti del campo, inoltre, pare non siano neppure in possesso di documenti di riconoscimento pertanto arduo è il compito di conoscere quale sia il loro domicilio nè quali luoghi abbiano frequentato.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *