charlotte-e-le-continue-afte-in-bocca,-i-medici-le-dicevano:-“e'-colpa-dello-stress”.-poi-la-scoperta:-era-un-tumore-alla-lingua-–-il-fatto-quotidiano

Charlotte e le continue afte in bocca, i medici le dicevano: “E' colpa dello stress”. Poi la scoperta: era un tumore alla lingua – Il Fatto Quotidiano

L’assistente di volo è un lavoro alquanto stressante ma non al punto da considerare ‘normali’ continue afte e ulcere alla bocca. Eppure, è stata questa la diagnosi che, per anni, i medici hanno dato a Charlotte Webster-Salte, una ragazza inglese di 27 anni: “E’ colpa di troppo stress”, le dicevano i diversi specialisti ai quali si era rivolta. Dopo tre anni, finalmente Charlotte ha scoperto che si trattava di un tumore alla lingua e che aveva bisogno di rimuovere metà della lingua. Ma facciamo un passo indietro. Per la prima volta le ulcere sulla lingua compaiono nel 2018, quando Charlotte ha soli 24 anni. In quel periodo, lavorava come assistente di volo e si sentiva sempre sfinita ed esausta, come riferisce al quotidiano The Independent. Decide allora di andare da un dentista e questi attribuisce il suo disagio all’arrivo dei denti del giudizio e allo stress. Ma le ulcere sarebbero ricomparse nello stesso punto nei due anni successivi, anche dopo che si era raddrizzata i denti e si era fatta otturazioni su consiglio del suo dentista. La sua lingua continuava a peggiorare, fino al punto di sviluppare ferite bianche e dolorose. Charlotte si colpevolizzava pensando fossero atteggiamenti poco sani, come i postumi di una sbornia o cibo piccante, ad aggravare la situazione. Finalmente, nel febbraio 2021 Charlotte viene indirizzata a uno otorinolaringoiatra del St. Richards Hospital di Chichester, nel sud dell’Inghilterra, e lì i medici scoprono che trattava di un tumore alla lingua. I test hanno rivelato che Webster-Salter aveva un carcinoma a cellule squamose, un cancro a crescita relativamente lenta che può verificarsi nel rivestimento della bocca e della gola.

Secondo l’American Cancer Society, i tumori orali di solito colpiscono i consumatori di tabacco e alcol, più comunemente uomini di età superiore ai 55 anni, Webster-Salter, un giovane e attivo non fumatore, non si adattava al solito profilo del paziente. “Esiste un forte pregiudizio sul cancro alla bocca, si pensa colpisca solo gli anziani e fumatori incalliti – ha riferito Charlotte – i medici pensavano fosse troppo giovane”. Ora Charlotte sta bene, ma il suo percorso è stato tutt’altro che semplice. A giugno 2022, ha subito una operazione di ben nove ore, nella quale i medici le hanno tagliato parte della lingua e l’hanno sostituita con un lembo cutaneo fatto del suo stesso muscolo della coscia. Durante l’operazione, hanno anche rimosso un linfonodo per il test, in modo da poter controllare se il cancro si era diffuso. Sebbene l’intervento chirurgico iniziale fosse andato bene, la nuova lingua di Webster-Salter ha perso brevemente l’afflusso di sangue e questo ha richiesto un’altra operazione, ha riferito l’Independent. Dopodiché, ha trascorso quattro giorni in terapia intensiva prima di essere trasferita all’unità maxillo-facciale per il recupero. Qui apprende di essere ufficialmente libera dal cancro.

Il recupero dalla chirurgia orale è stato intenso; Charlotte ha avuto bisogno di un tubo nel collo per respirare, per due settimane dopo la procedura. Poi, ha avuto bisogno di terapia per imparare a parlare e mangiare con la sua nuova lingua e di terapia fisica per ritrovare la funzionalità delle gambe. Ad ogni modo, a distanza di pochi mesi dall’intervento chirurgico, Charlotte ha imparato di nuovo a parlare, mangiare e camminare. “Nel momento in cui ho bevuto il mio primo sorso d’acqua è stata onestamente la cosa migliore in assoluto”, ha detto. “Ho sorpreso mia madre e il Tom (il suo fidanzato) parlando con loro quando sono arrivati: è stato un momento molto emozionante”. “Si sente parlare di cancro al seno e cancro alla prostata, ma raramente cancro alla bocca”, ha detto. “La prima volta che ho visto un poster a riguardo è stato nella clinica della testa e del collo. È sicuramente qualcosa di cui si deve parlare di più”, ha riferito Charlotte. Oggi, Charlotte studia per diventare ostetrica. Il suo scopo è condividere la sua storia per aumentare la consapevolezza sui segni e sintomi del cancro orale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:

portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.

Grazie Peter Gomez

Articolo Precedente

Auri Katariina, la “Regina delle pulizie” che gira il mondo per pulire gratis case piene di topi, vermi e muffa

next

Related Posts