cina,-maxi-protesta-nella-fabbrica-iphone-di-foxconn-per-stipendi-e-misure-anti-covid-–-il-fatto-quotidiano

Cina, maxi-protesta nella fabbrica iPhone di FoxConn per stipendi e misure anti-Covid – Il Fatto Quotidiano

Video e immagini postati sui social media forniscono un quadro inequivocabile: manifestazioni, sit-in e scontri con la polizia in tenuta antisommossa. Una nuova maxi-protesta, dopo le fughe di massa di alcune settimane fa per sfuggire ai lockdown, si è verificata nello stabilimento FoxConn di Zhengzhou, il cuore della iPhone City cinese. E l’azienda, dopo ore di silenzio e imbarazzo, è stata costretta a confermare le “violenze” avvenute nella notte e in mattinata nella più grande fabbrica al mondo di iPhone della Apple, nel capoluogo dell’Henan, promettendo di “evitare incidenti simili” in futuro.

Il colosso hi-tech di Taiwan ha chiarito che i lavoratori si sono lamentati per la retribuzione e le condizioni dell’impianto, ma ha negato di aver ospitato i nuovi assunti con personale positivo al Covid. La causa della rivolta, infatti, si lega al bando sulla maxi-assunzione di 100mila persone, come hanno riferito la scorsa settimana i media ufficiali cinesi, con cui Foxconn puntava ad aumentare la produzione e le spedizioni di iPhone 14 in vista dello shopping di fine anno.

Ai neo assunti sarebbero stati assicurati alloggio e lavoro separati rispetto ai dipendenti già attivi nell’impianto per scongiurare il rischio di contagi: le cose però non sarebbero andate così, facendo esplodere il malcontento. Un video mostra decine di lavoratori di notte che affrontano gli agenti scandendo slogan come “difendiamo i nostri diritti” oppure “vogliamo andare a casa”. L’hashtag ‘Foxconn Riots’ sul social Weibo è finito in giornata nelle maglie della censura del Great Firewall che però è stata meno rigida del solito, lasciando post che parlavano della proteste della fabbrica del più grande contractor al mondo di assemblaggio di prodotti dell’elettronica, capace di occupare fino a 300mila dipendenti.

Quella di Foxconn è la spia di un malcontento diffuso in Cina sulla sfiancante politica della ‘tolleranza zero’ al Covid, difesa a spada tratta dal presidente Xi Jinping. La situazione pandemica sta peggiorando mentre, paradossalmente, le autorità nazionali stanno provando ad allentare le misure di contenimento proprio per placare l’insofferenza della gente: i casi registrati martedì sono saliti ancora, a quota 29.000, mentre la provincia del Guangdong, la megalopoli di Chongqing e Pechino sono in sofferenza. Nella capitale, con altre 1.500 infezioni, il distretto di Chaoyang si è trasformato in una città fantasma dopo lo stop a centri commerciali, ristoranti e scuole. Poca gente per strada e complessi residenziali in lockdown in crescita. Anche il Fondo monetario internazionale è intervenuto spronando la Cina a rafforzare le vaccinazioni contro il virus e a ripristinare la fiducia nel settore immobiliare contro un rallentamento dell’economia destinato ad avere conseguenze globali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO

DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.

Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI

Grazie Peter Gomez

Articolo Precedente

Ucraina, gli Usa si preparano alla guerra mondiale. Noi che facciamo?

next

Related Posts