come-misurare-la-qualita-del-sonno-con-iphone-e-apple-watch

Come misurare la qualità del sonno con iPhone e Apple Watch

Lo smartwatch di Apple oggi rappresenta il 33% di share nel mercato per numero di prodotti venduti, ma se guardassimo al fatturato i risultati sarebbero ancora più eclatanti.

Giusto per fare un paragone, dietro Apple che detiene uno share del 33% c’è Huawei che ha poco più dell’8%, tallonata da Samsung con una quota quasi identica.

Questo significa che i cinesi e i coreani insieme fanno la metà degli americani: come si giustifica questa distanza?

Il successo dello smartwatch di Apple ha radici molto lontane, ma alla sua base ci sono soprattutto qualità e semplicità d’uso.

Sono gli ingredienti che la grande azienda ha messo in campo anche per la misurazione del sonno, di cui ci racconta MisterGadget.Tech, tema su cui ha concentrato molti dei suoi sforzi, i cui risultati appaiono in modo evidente nell’ultimo modello di Apple Watch e nella nuova versione del software.

Il monitoraggio notturno non è di per sé una novità rilevante, da anni viene offerta anche da molti altri dispositivi sul mercato, ma in questo caso c’è un approccio diverso.

Apple ha messo a punto una serie di misurazioni del tempo e del modo in cui dormiamo: tali dati possono essere condivisi anche con altre applicazioni dedicate alla salute e al benessere, se l’utente lo desidera.

Non si può parlare di semplice monitoraggio del sonno, perché Apple Watch fa qualcosa di differente: aiuta a creare una routine che accompagna un utente fino a letto, favorendo i propri obiettivi legati al riposo.

Quando si parla di routine, si intende una serie di azioni programmabili, che contribuiscono ad avvicinarsi al momento in cui si va a dormire, attivando una serie di molteplici variabili, come la riduzione delle suonerie, l’abbassamento delle luci di casa se si usano prodotti di smart home, la programmazione di una playlist musicale dedicata e altri dettagli che possono avvicinare al momento del riposo, attuando un vero e proprio “rallentamento” delle attività.

L’esperienza dell’app Sonno include promemoria per andare a letto, sveglie, monitoraggio del sonno, modalità Sonno, rilassamento e una visualizzazione delle tendenze del tuo sonno nel corso del tempo.

L’introduzione di funzioni legate al sonno in un primo momento ci aveva lasciati un po’ perplessi: se si suppone che venga utilizzato l’orologio anche di notte, quando mai lo si potrà caricare?

Apple sottolinea con una sola ora di ricarica Apple Watch 6 arriva all’80%: in pratica, basterebbe approfittare del tempo disponibile tra quando si torna a casa e quando si va a letto per poter indossare l’orologio anche di notte.

Tutte le informazioni vengono raccolte nella app sonno, la stessa che viene utilizzata per fissare le sveglie, che possono essere personalizzate di giorno in giorno.

La mattina, al nostro risveglio, possiamo trovare direttamente sul display dell’orologio un buongiorno con le indicazioni principali sugli appuntamenti della giornata e sul tempo che si prevede.

I dettagli che vengono misurati possono essere condivisi con molte altre applicazioni, tra cui SleepCycle, Loona, Autosleep e Sleepiest.

Apple Music offre alcune playlist dedicate al relax, il cui utilizzo è cresciuto in modo esponenziale nel corso del 2020, mentre Apple podcast propone contenuti che sono creati per aiutare il rilassamento.

Chi possiede una casa intelligente con alcune soluzioni di domotica chiedere al proprio orologio di abbassare le luci e di creare un’atmosfera adeguata per il  riposo.

Se è vero che la qualità del sonno è fondamentale per vivere giornate migliori, il nostro smartwatch può essere un valido alleato per migliorare le proprie nottate e svegliarsi con un carico di energia superiore.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *