comunali-a-milano,-salvini:-“mi-piacerebbe-che-albertini-tornasse-sindaco”-e-lui:-“centrodestra-si-metta-d’accordo,-poi-decido”

Comunali a Milano, Salvini: “Mi piacerebbe che Albertini tornasse sindaco” E lui: “Centrodestra si metta d’accordo, poi decido”

“Stamattina mi vedrò con Albertini, per un caffè lecito, all’aperto. Mi piacerebbe tornasse sindaco della grande Milano che guarda al futuro e costruisce grattacieli e metropolitane, nell’ultimo periodo la mia città si è un po’ fermata”. Lo dice Matteo Salvini, ospite di Rtl 102.5, parlando delle prossime elezioni amministrative: a Milano, appunto, il nome del possibile candidato sindaco del centrodestra è quello dell’ex sindaco Gabriele Albertini, su cui il segretario della Lega ha già dato il suo benestare, mentre nella coalizione ci sarebbero ancora dubbi. Ed è proprio sull’unità del centrodestra che Salvini avverte: “Saremo di nuovo insieme, per ora noi siamo al governo, per le comunali saremo insieme”. L’ex sindaco spiega al TgR Lombardia: “Devono mettersi d’accordo loro, poi quando si saranno messi d’accordo loro devo mettermi d’accordo io, con me stesso – se proprio lo voglio fare – e con la mia famiglia”.

L’incontro è avvenuto questa mattina al ristorante “al Pesciolino” in zona corso Sempione. Tra le altre cose, riferiscono fonti della Lega, hanno discusso del futuro del capoluogo lombardo tra Olimpiadi, stadio e il parco scientifico Mind. Un incontro “positivo, abbiamo parlato del futuro”, ha detto Salvini: “A me piacerebbe, poi sarà una scelta personale. Mi è piaciuto come sindaco e mi ripiacerebbe. Albertini ha lasciato una traccia importante su questa città. Dopo di lui poco”. Secondo l’ex ministro “Milano ha bisogno di concretezza, di visioni. Albertini sarebbe una garanzia da questo punto di vista, poi la scelta è sua. Non può essere accusabile di salvinismo, leghismo o sovranismo. Più di una volta in passato abbiamo avuto visioni diverse, ma Milano ha bisogno di una spinta, di tornare a correre perchè gli ultimi anni, a prescindere dal Covid, di gestione Sala sono stati fermi”. Quanto ai tempi, prima che Albertini sciolga la riserva, Salvini ha risposto: “Entro metà maggio, adesso pensiamo al recovery. Mi auguro che Albertini accetti, sarebbe una buona notizia per i milanesi, magari non per Sala che vedo nervoso e preoccupato”. Per Salvini, però, l’ex sindaco sarebbe un “candidato civico e sfido a dirmi a quale partito è iscritto, non ne ho idea neanche io, è una persone che ha un’idea di città, libera e indipendente”.

Dell’ipotesi che sia l’ex sindaco di Milano dal 1997 al 2006 a tornare in pista per la sfida con Beppe Sala parla anche l’assessora al Welfare della Regione Letizia Moratti, che proprio da Albertini nel 2006 aveva ricevuto la fascia di prima cittadina: “Albertini è stato un ottimo sindaco, molto amato dai milanesi. Buona parte delle trasformazioni e degli ammodernamenti della città sono dovute alla sua amministrazione, dunque il mio giudizio su di lui è molto positivo”, ha detto in un’intervista a ‘La Verità’ la vicepresidente lombarda.

Gabriele Albertini sarebbe “un ottimo candidato” sindaco per il centrodestra a Milano. E’ una persona che stimo molto. Spero che sciolga la riserva in modo positivo”, ha aggiunto il  governatore Attilio Fontana.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *