coronavirus,-il-bollettino-di-oggi-26-aprile-2021:-tutti-i-numeri-regione-per-regione

Coronavirus, il bollettino di oggi 26 aprile 2021: tutti i numeri regione per regione

Coronavirus – foto Ansa

Coronavirus, di seguito verrà riportato tutto il bollettino coronavirus del Ministero della Salute di oggi lunedì 26 aprile 2021 con tutti i numeri dei morti, i contagi, ma anche i numeri degli ospedalizzati di tutta Italia, con la pressione sulle terapie intensive, i reparti ordinari. E poi i numeri della campagna vaccinale, sempre più importante nella lotta al virus. Ancora tutto quello che c’è da sapere per rispettare le regole perché oggi l’Italia ha riaperto e allora, che cosa si può fare nelle regioni gialle, cosa in quelle arancioni e cosa in quelle rosse? Anche questo nell’articolo qui di seguito, aggiornato continuamente per tutta la giornata. 

L’ultimo bollettino coronavirus di ieri domenica 26 aprile registrava 217 morti e 13.158 contagi su 239.482 tamponi. 2.862 i pazienti covid ricoverati in terapia intensiva per Covid in Italia, 20.662 le persone nei reparti ordinari. Intanto da oggi tornano le zone gialle, nuove libertà e limiti. C’è solo la Sardegna in zona rossa. Il resto d’Italia è in zona gialla e arancione (qui tutte le regole). In particolare Sicilia, Calabria, Basilicata, Puglia e Valle d’Aosta in arancione. Il resto tutto giallo. Il coprifuoco non scatterà alle 22 per chi cena al ristorante, assicura il ministro Gelmini. Qui di seguito le ultime notizie in arrivo dalle regioni. 

Tutte le ultime notizie di oggi

Coronavirus, il bollettino di oggi lunedì 26 aprile 2021

articolo aggiornato alle ore 16:40 clicca qui per aggiornare la pagina 

  • Nuovi casi: (ieri 13.158).
  • Casi testati: (ieri 13.158)
  • Tamponi (diagnostici e di controllo): (Ieri 239.482).
    • molecolari: (Ieri 145.442) 
    • rapidi: 
  • Attualmente positivi: (Ieri 461.212) 
  • Ricoverati: (Ieri 20.662)
  • Ricoverati in Terapia Intensiva: (Ieri 2.862 , -32 nuovi ingressi)
  • Totale casi positivi dall’inizio della pandemia: (ieri 3.962.674)
  • Totale Dimessi/Guariti: (ieri 3.382.224)
  • Vaccinati: 5.215.459 persone (17.751.562 dosi somministrate). 

    ovvero l’89.3% delle 13.422.240​ dosi consegnate da Pfizer, delle 1.727.200​ consegnate da Moderna e dei 4.550.800 vaccini AstraZeneca e 179.800 Jonson & JonsonSul sito del Governo il report aggiornato dei vaccini. Ieri somministrate 259.088 (di cui  213.270 prime dosi e 45.818 seconde dosi) rispetto alle 500mila auspicate dal piano vaccinale.  
  • Chi ha avuto il vaccino. La campagna vaccinale ha coinvolto ad oggi 26 aprile 2021: 5.190.351 over 80; 3.409.233 settantenni; 2.259.111 sessantenni. Quanto alla messa in sicurezza delle strutture socio assistenziali risultano vaccinati 639.330 ospiti delle Rsa, 2.400.493 soggetti fragili e caregiver, 3.179.188 operatori sanitari e 876.878 lavoratori del comparto sanità. Risultano inoltre vaccinati 1.149.334 professori o personale scolastico e 314.022 agenti delle forze dell’ordine. 330.919 dosi sono invece finite a persone non ricomprese nelle categorie per le quali è già stata aperta la campagna vaccinale. 

Bollettino 26 aprile 2021: tutti i dati dalle Regioni in formato PDF

I focolai di coronavirus: i dati regione per regione

In attesa di conoscere intorno alle 17:00 i numeri del bollettino coronavirus comunicati dal Ministero della Salute, vediamo gli aggiornamenti in diretta dalle singole regioni iniziando dalle situazioni più calde.​

Di seguito le zone in area rossa*:

  • Sardegna

*Che cosa si può fare in zona rossa.

Gli spostamenti permessi solo per validi motivi dalle 5 alle 22, sempre con autocertificazione. Vietato anche andare i visita dagli amici/parenti. Chiuse anche le scuole materne ed elementari

Di seguito le zone in area arancione**:​

  • Valle d’Aosta: 53 nuovi casi e 3 decessi. Saldo ospedalizzati: –
  • Puglia: 477 nuovi casi e 37 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti – , ricoveri -18.
  • Sicilia
  • Basilicata: 50 nuovi casi e 5 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti -3, ricoveri stabili.
  • Calabria: 158 nuovi casi e 3 decessi. Saldo ospedalizzati Ti  – , ricoveri +11. 

**Che cosa si può fare in zona arancione.

Gli spostamenti sono permessi dalle 5 alle 22 ma con autocertificazione; sarà vietato uscire dal proprio comune, però ci si potrà spostare verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, nel rispetto del coprifuoco e nel limite di quattro persone ulteriori rispetto a quelle già conviventi, oltre ai minorenni sui quali tali persone esercitino la responsabilità genitoriale e alle persone con disabilità o non autosufficienti, conviventi. I bar e ristoranti sono chiusi tutto il giorno, consentito l’asporto. Aperti invece i negozi, i parrucchieri e i centri estetici. Consentito lo sport non di contatto come il tennis.

Di seguito le zone in area gialla***:

  • Piemonte: (ieri 340.851: +978 casi).
  • Liguria: (ieri 98.154: +225 casi). 
  • Lombardia: (ieri 795.417: +1.967 casi). 
  • P.A. Trento: (ieri  43.634: +91 casi).
  • P. A. Bolzano: 10 positivi e zero decessi; Saldo ospedalizzati: Ti – 1, ricoveri -9.
  • Veneto: 535 contagi e 10 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti +1, ricoveri -19.
  • Friuli Venezia Giulia: (ieri 104.437: +184 casi). 
  • Emilia Romagna: 936 nuovi casi e 17 decessi. Saldo ospedalizzati: 
  • Marche:   .Saldo ospedalizzati: stabile sia il numero di Tì che quello dei ricoveri totali. 
  • Toscana: 737 nuovi casi e 22 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti +10, ricoveri +23. 
  • Umbria:  (ieri 53.915: +105 casi) 
  • Abruzzo: (ieri 70.519: +179 casi)
  • Lazio: 964 nuovi casi e 44 decessi. Saldo ospedalizzati: 
  • Campania: (ieri 383.128: +1.854 casi). 
  • Molise:  (ieri 13.103: +29 casi)

***Che cosa si può fare in zona gialla. Ristoranti bar, pub, gelaterie e pasticcerie riaprono “con consumo al tavolo esclusivamente all’aperto”. Potranno sedersi allo stesso tavolo al massimo 4 persone salvo che siano tutte conviventi. Nei ristoranti potrà mangiare al chiuso dal 1 giugno e solo a pranzo. Sì a sport all’aperto, anche di squadra e di contatto, ma senza poter utilizzare gli spogliatoi. Per le piscine occorre aspettare il 15 maggio ma riapriranno solo quelle all’aperto mentre per le palestre il via sarà dal 1 giugno. Riaprono anche i musei, concerti, cinema, live club. Resta il coprifuoco fino alle 22, ma sul tema è in corso una feroce battaglia politica e potrebbero esserci novità nelle prossime settimane. Inoltre fino al 15 giugno è possibile un solo spostamento una volta al giorno verso un’abitazione privata, in un massimo di 4 persone oltre ai minorenni (fino a 18 anni) sui quali si esercita la responsabilità genitoriale. Restano dunque vietate feste e party di ogni genere. Per le scuole in zona gialla e arancione tutti i ragazzi delle elementari e delle medie tornano in classe, mentre per le superiori la presenza è prevista almeno al 70%. In zona rossa, invece, tutti presenti fino alla terza media, mentre alle superiori l’attività in classe si svolge almeno al 50%. 

Le zone in area bianca****:

****Che cosa si può fare in zona bianca.

Non vale la prescrizione del nuovo Dl 12 marzo. Inoltre secondo quanto prescritto dal Dpcm 2 marzo decade il coprifuoco. Le attività di ristorazione avranno la possibilità di apertura serale fino alle 23, i bar fino alle 21. Aperti nei fine settimana anche i centri commerciali. Riaprono musei, teatri, cinema, palestre, piscine e università.

Qui potete scaricare il modulo di autocertificazione per gli spostamenti 

Coronavirus, le ultime notizie 

Il MInistro Speranza ha firmato una nuova ordinanza che vieta l’ingresso in Italia a chi, negli ultimi 14 giorni, è stato in India. I residenti in Italia potranno rientrare con tampone in partenza e all’arrivo e con obbligo di quarantena. “Chiunque sia stato in India negli ultimi 14 giorni e si trovi già in Italia è tenuto a sottoporsi a tampone contattando i dipartimenti di prevenzione” ha detto il Ministro della Salute, che ha spiegato come gli scienziati siano già al lavoro per studiare la variante indiana. 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *