cosa-fare-a-venezia-e-cosa-vedere-nell’ultimo-week-end-della-biennale

Cosa fare a Venezia e cosa vedere nell’ultimo week-end della Biennale

La personale dell’artista colombiano Oscar Murillo, già vincitore Turner Prize (2019),  si conclude con una sfilata di moda. In passerella le 100 sculture indossabili da lui ideate per il progetto Arepas y Tamales, con una una serie di creazioni commissionate, tra gli altri, ai giovani studenti delle scuole di moda veneziane. L’evento sarà accompagnato da una nuova installazione dell’artista, performance, sound art, musica dal vivo e un DJ set a cura di Manuka Honey. La sfilata avrà luogo  nell’ambito dell’ultima installazione che Oscar Murillo ha creato, composta da una sequenza di tele nere tratte dalla serie “Institute of Reconciliation” (2013-in corso). Nel medesimo spazio espositivo prenderà vita la performance Industrial Park,  esibizione dal vivo portata in scena per la prima volta nel 2019 e rappresentata in vari contesti nel corso degli anni successivi.

Venice Art Week

Varie sedi

Fino al 26 novembre 2022

Hedda Sterne, Untitled (Tondo),1973, Photo courtesy Victoria Miro.

Jack Hems

Un programma denso e diffuso di mostre, incontri, momenti conviviali e iniziative itineranti con gli artisti, nel segno di un’identità urbana riconosciuta per l’arte a livello internazionale, da tutelare e valorizzare. Inedite prospettive sul contemporaneo per chi intende confrontarsi con lo spirito dinamico delle gallerie veneziane grazie alla complicità di istituzioni pubbliche quali Bevilacqua La Masa e M9, predisposte al dialogo con spazi indipendenti e altre realtà attente allo sviluppo culturale del territorio. Venice Art Week propone sinergie inedite fra i diversi linguaggi della ricerca contemporanea, restituisce alla città occasioni di contaminazioni tra l’arte e le altre eccellenze lagunari, sviluppa una dimensione empatica e sostenibile con residenti e visitatori, arrivando a riconoscere a Venezia non solo un mero patrimonio artistico e culturale, ma la materia sempre viva di proposte, talenti e spazi reinventati, chiamati a ridiventare “luoghi conversazionali”.

Related Posts