cyber-week-da-record-con-281-miliardi-di-dollari-di-vendite-online

Cyber Week da record con 281 miliardi di dollari di vendite online

Salesforce presenta dati e insight che fotografano il comportamento di acquisto di 1,5 miliardi di consumatori a livello globale durante la Cyber Week.

Cyber Week

Salesforce, azienda globale specialista nel CRM, ha pubblicato i dati relativi alla performance della Cyber Week 2022, frutto dell’analisi degli acquisti di oltre 1,5 miliardi di consumatori avvenuti sulla piattaforma Salesforce Customer 360 utilizzata da migliaia di aziende retail. Complessivamente, le vendite online globali del 2022 hanno raggiunto il massimo storico di 281 miliardi di dollari, registrando un aumento del 2% rispetto al 2021.

I dati hanno mostrato un allontanamento dalle Cyber ​​Weeks nel 2020 e nel 2021, quando lo shopping online era più distribuito su tutto il mese di novembre. In confronto, i dati del 2022 mostrano che sia i rivenditori che gli acquirenti hanno atteso la Cyber ​​Week: i primi per limitare gli sconti e aumentare le pressioni sui margini di ricavo, i secondi per cercare affari migliori.

I dati più interessanti rilevati da Salesforce sui trend di acquisto della Cyber Week 2022 sono:

  • Nonostante l’inflazione e l’incertezza dello scenario economico, le vendite online e il traffico digitale hanno battuto diversi record. Sebbene molti rivenditori abbiano segnalato meno passaggi nei negozi fisici, le vendite online durante la Cyber Week hanno raggiunto 281 miliardi di dollari a livello globale (con un aumento del 2% su base annua). Se i risultati in Europa e nel Regno Unito hanno dovuto fare i conti con i venti economici avversi, le vendite negli Stati Uniti hanno sostenuto la crescita delle vendite online globali, registrando 68 miliardi di dollari per le vendite online e un aumento del 9% su base annua per le vendite online durante la Cyber Week.
  • Gli ordini dai social media hanno raggiunto il massimo storico: la maggior parte (76%) del traffico di e-commerce della Cyber Week è arrivata tramite dispositivi mobili, con i social media che hanno fatto da tramite a quasi il 10% degli acquisti – un aumento del 22% su base annua che rappresenta la percentuale più alta mai registrata durante le festività natalizie. (fonte Salesforce)
  • L’era dei mini-sconti è finita: dopo le offerte poco brillanti all’inizio delle festività natalizie, i tassi di sconto medi sono aumentati durante la Cyber Week, superando i livelli pre-pandemici al 27% a livello globale. Dopo una diminuzione costante registrata nell’arco degli ultimi sette trimestri, il prezzo di vendita medio globale si è finalmente stabilizzato durante la Cyber Week, crescendo del 3% rispetto al 2021. Nello stesso periodo è diminuito del 5% anche il tasso di abbandono del carrello.

    Le principali categorie di prodotti scontati a livello globale sono state:

    – Abbigliamento generico (34%)

    – Cosmetici prodotti per la cura della pelle (32%)

    – Borse e abbigliamento di lusso (26%)
  • L’adozione di flussi BOPIS (modalità di acquisto online e ritiro in negozio) è in aumento: una priorità assoluta per i consumatori è diventato l’acquisto online e il ritiro in negozio (BOPIS) e il ritiro tramite punti di raccolta. Il ricorso a questa modalità BOPIS durante la Cyber Week è cresciuto del 9% a livello globale da giovedì 24 a domenica 27, rispetto alle prime tre settimane di novembre.
  • I sistemi di automazione hanno restituito tempo a rivenditori e consumatori: i rivenditori si sono affidati a sistemi di automazione per i più affollati giorni di shopping online dell’anno, consentendo agli operatori del servizio clienti di risparmiare tempo e di potersi dedicare a problemi più complessi fidelizzando i clienti. I messaggi di chatbot a livello globale sono aumentati del 57% durante il Black Friday e del 53% durante il Cyber ​​Monday rispetto agli stessi giorni del 2021.

Dopo aver inizialmente applicato sconti poco efficaci all’inizio della stagione, i rivenditori hanno intensificato i loro sforzi durante la Cyber Week e i consumatori hanno risposto di conseguenza. I nostri dati mostrano una correlazione incredibilmente diretta tra i tassi di sconto e le vendite digitali poiché i consumatori hanno atteso per poter poi fare gli affari migliori”, commenta Rob Garf, Vice President e General Manager di Salesforce per la divisione Retail. “Avvicinandoci alle festività natalizie, notiamo che i rivenditori debbano preservare i margini facendo ricorso a sistemi di automazione per trovare un equilibrio tra l’efficienza operativa e la fidelizzazione dei clienti. Prevediamo che i rivenditori che si affidano a modalità di acquisto come il BOPIS o il Buy Now Pay Later o altre modalità di personalizzazione del servizio e dell’ottimizzazione dei resi saranno vincenti”.

Related Posts