dall

Un anno da ricordare il 2022 dei brianzoli: ecco le tappe principali (prima parte) 

GENNAIO

La sosta causata dalla pandemia blocca per un mese i campionati. A fine anno 2021 arriva l’ufficialità de primo acquisto nel mercato invernale: si tratta di Gaston Ramirez che vanta una considerevole esperienza in Serie A con Bologna e Sampdoria. Nei primi giorni del nuovo anno viene annunciato l’acquisto del centrocampista Molina dal Crotone e poi la cessione di Finotto, che fa ritorno alla Spal. Recupero della penultima di andata: Benevento-Monza 3-1, biancorossi spenti e senza attaccanti di ruolo, già in 9 dopo poco più di mezz’ora per le espulsioni di Mazzitelli e D’Alessandro, dopo il 2-0 reazione e gol del 2-1 su rigore con Valoti  prima del terzo gol dei locali, partita da dimenticare in fretta. Monza-Perugia 2-2, prestazione abulica dei biancorossi che vanno immeritatamente in vantaggio con il rigore di Valoti, ma vengono rimontati e raggiungono i pareggio al 96’ con Ciurria, la prestazione sottotono viene imputata al Covid, che ha colpito nell’ultima parte dell’anno ben 14 giocatori, 5 dei quali erano schierati nella formazione iniziale. Si conclude il girone di andata che vede al comando il Pisa, con il Monza a 6 punti ed a 5  dalla seconda posizione occupata dal Brescia. L’atteso annuncio dell’acquisto di una punta finalmente: preso Leonardo Mancuso dall’Empoli. Monza-Reggina 1-0, prestazione non entusiasmante contro un avversario in crisi, il gol arriva con Mota e permette di arrivare alla sosta del campionato in tranquillità e preparare un mese di febbraio fitto di impegni.

FEBBRAIO

Cremonese-Monza 3-2, il risultato non deve trarre in inganno, Monza sotto tono soprattutto in fase difensiva che trova l’ennesima sconfitta, la quarta, contro una pretendente alla promozione, gol di D’Alessandro e Ciurria sempre ad inseguire. Monza-Spal 4-0, dal risultato sembrerebbe una vittoria facile, ma seppure con il vantaggio di un uomo in più dal 10’ minuto il Monza fatica non poco a trovare il vantaggio, allo scadere del p.t. con Mota, poi nel s.t. il portiere ospite è ancora imperfetto e ci pensa stavolta Sampirisi a ribadire in rete una respinta, poi è la volta di Ramirez e Colpani. Ternana-Monza 0-1, risolve Valoti su calcio di rigore, si soffre un po’. Monza-Pisa 1-2, illude il vantaggio di Valoti, ma poi è il Pisa a dettare legge, malgrado la prima sconfitta casalinga della stagione la zona promozione non è lontana. Pordenone-Monza 1-4, contro l’ultima della classe è dominio nel p.t. poi nella ripresa i biancorossi dilagano, doppietta di Valoti e reti di Colpani e Gytkjaer. Monza-Lecce 0-1, sconfitta immeritata generata da un rigore dubbio,  anche se agli ospiti vengono giustamente annullati due gol grazie al VAR, il Monza crea ma spreca occasioni da gol, si ferma a 17 la serie di partite con i biancorossi sempre in gol, ora il secondo posto dista 5 punti. 

MARZO

Monza-Parma 1-1, i biancorossi producono gioco senza finalizzare sino a quando gli ospiti passano in vantaggio, poi il Monza va in tilt, il faticato pareggio arriva con Gytkyaer ed il pressing finale non porta all’agognata vittoria. Cittadella-Monza 1-2, partita rocambolesca, con i biancorossi in 9 per circa 40’ per le espulsioni di Carlos Augusto e Donati: l’arbitraggio è discutibile ma i ragazzi ci mettono tanta grinta ed al 93’ arriva il gol della vittoria di Ciurria dopo il pareggio di Valoti. Monza-Vicenza 4-0, contro l’ex allenatore Brocchi il Monza si scatena negli ultimi minuti, dopo essere andato in vantaggio ad inizio partita con Sampirisi, un autorete ed i gol di Barberis e Mancuso completano il tabellino contro un avversario dimesso ed in 10 per buona parte dell’incontro. Alessandria-Monza 0-3, prestazione convincente e di carattere contro la penultima in classifica, decidono un autorete, un euro-gol di Ciurria e Gytkjaer. Monza-Crotone 1-0, quarta vittoria consecutiva in una partita per cuori forti, decide Barberis al 94’ e subito dopo brividi per un rigore giustamente negato agli ospiti, squadra spigolosa contro la quale i biancorossi sfoderano grinta e determinazione. La classifica vede ora il Monza in terza posizione ad un punto dal Pisa ed a due punti dalla capolista Cremonese. 

APRILE

Como-Monza 2-0, con una vittoria sarebbe primo posto in classifica, il Monza gioca un discreto primo tempo, ma nel secondo sbaglia troppo (in tutto 15 conclusioni di cui zero da parte delle due punte…) contro un Como che capitalizza al massimo, la classifica si mantiene cortissima, con sei quadre in tre punti. Monza-Ascoli 2-0, prova di sostanza che riscatta quella deludente nelle finalizzazioni della partita precedente, in gol Valoti e Gytkjaer su rigore. Cosenza-Monza 0-2, partita (la nr. 1500 giocata in Serie B) dominata, ma che il Monza si aggiudica grazie a due indiscutibili calci di rigore realizzati da Valoti e Gytkjaer, qualcosa ancora non funziona negli ultimi 20 metri. Monza-Brescia 1-1, ancora un’occasione sprecata per raggiungere la prima posizione in classifica, che manca in serie B dal 1984, in vantaggio con Machin i biancorossi vengono raggiunti a 10’ da termine con merito dai bresciani, ora in classifica sono terzi ad un solo punto dalla promozione diretta. Frosinone-Monza 4-1, dopo essere andato in vantaggio con Dani Mota ed aver sfiorato in due occasioni il raddoppio, il Monza si eclissa alla mezz’ora e con alcuni svarioni difensivi offre ai ciociari la vittoria su un piatto d’argento, ma resta incredibilmente solitario terzo in classifica per effetto degli svarioni dele avversarie dirette. Monza-Benevento 3-0, prestazione superlativa, malgrado diverse occasioni non capitalizzate nel primo tempo, poi ci pensano Dani Mota, Gytkjaer su rigore ed ancora Dani Mota a demolire la flebile avversaria di alto rango, la concomitante sconfitta interna della Cremonese fa sì che il Monza ora è secondo in classifica, e basterebbe vincere a Perugia per agguantare la promozione diretta e coronare il sogno. 

MAGGIO 

Perugia-Monza 1-0, biancorossi con poca grinta ed in balia per buona parte della partita dell’aggressività degli avversari in cerca dell’ultimo posto utile nei playoff, non basta il sostegno degli oltre duemila tifosi giunti dalla Brianza, svanisce la possibilità di promozione diretta (in A vanno Lecce e Cremonese), il campionato si conclude con il quarto posto con vista sui playoff, in semifinale doppia sfida con la vincente fra Brescia e Perugia.  Brescia-Monza 1-2, vittoria in rimonta con doppietta di Gytkjaer (il secondo gol su rigore), dopo un inizio traballante con i padroni di casa in gol dopo soli 5’ il Monza si assesta e si aggiudica con merito il match di andata. Monza-Brescia 2-1, il Monza  si qualifica alla finale dove affronterà il Pisa che, nell’altra semifinale, ha avuto la meglio sul Benevento. Tramoni porta in vantaggio le Rondinelle al 7′, ma nel finale i biancorossi  ribaltano il risultato con i subentrati Mancuso al 70′ e D’Alessandro al 94’.  Monza-Pisa 2-1, Il Monza domina nella finale di andata dello spareggio per salire in A, Dany Mota, straripante, porta in vantaggio i biancorossi e mette lo zampino sul 2-0 di Gytkjær. La formazione di Stroppa sfiora più volte il tris, ma al 93′, su corner inutilmente provocato da Sampirisi, viene accorciato da Berra. Pisa-Monza 3-4, esulta il Monza all’Arena Garibaldi, l’inizio però è da brividi, con Torregrossa ed Hermannsson che mettono a segno due reti devastanti nei primi 9’, illudendo la squadra nerazzurra. Il Monza reagisce ed al 20’ riequilibra la finale con un gol di Machin. Nella ripresa la tensione è palpabile: Gytkjaer sfrutta un buco difensivo e pareggia la partita, ma quando ormai la Serie A sembra in pugno al 90’ Mastinu pesca il coniglio dal cilindro e si va ai supplementari. Qui il Monza segna due reti con Marrone e Gytkjaer, stavolta quelli decisivi per chiudere definitivamente i conti. Il 29 maggio è una data storica per il club, che centra la prima promozione in serie A. Festa grande a Pisa dove sono accorsi quasi mille tifosi biancorossi ed a Monza con caroselli festanti e dove il martedì sera successivo la squadra sfila per le vie del centro su un bus scoperto tra una folla straripante mai vista. 

GIUGNO  

La società, per voce dell’a.d. Adriano Galliani, dichiara che intende allestire una squadra forte che possa essere in grado di occupare una casella nella parte sinistra della classifica. Si fanno i primi nomi sui possibili rinforzi ed anche alcuni giocatori del Monza molto richiesti anche in serie A. Il primo neo-biancorosso è Andrea Ranocchia, difensore centrale svincolato dall’Inter, arriva in prestito dal Cagliari il portiere Alessio Cragno che orbita anche nel giro della nazionale maggiore. Ed ecco il regista: si tratta si Stefano Sensi dalla Sampdoria via Inter, il giocatore che vanta 9 presenze e 3 reti in nazionale arriva in prestito. 

Giulio Artesani

Related Posts