darpa-e-bill-gates-tra-i-finanziatori-dei-vaccini-auto-diffondenti.-cosa-potrebbe-andare-storto?

DARPA E BILL GATES TRA I FINANZIATORI DEI VACCINI AUTO-DIFFONDENTI. COSA POTREBBE ANDARE STORTO?


Una volta che un vaccino COVID-19 sarà approvato, i funzionari di tutto il mondo dovranno affrontare la sfida monumentale di vaccinare miliardi di persone, un’operazione logistica piena di spinose questioni etiche. E se invece di  orchestrare  campagne complicate e ad alta intensità di risorse per vaccinare gli esseri umani, potessero invece fermare le malattie zoonotiche che a volte passano dagli animali alle persone alla loro fonte? Un piccolo, ma crescente numero di scienziati pensa che sia possibile sfruttare le proprietà di auto-propagazione dei virus e usarli per diffondere l’immunità invece della malattia. 

Un virus che conferisce immunità a una popolazione animale mentre si diffonde in natura potrebbe teoricamente impedire che si verifichi un evento di ricaduta zoonotica, spegnendo la scintilla che potrebbe innescare la prossima pandemia. Se i ratti selvatici che ospitano il virus mortale di Lassa, ad esempio, vengono vaccinati, i rischi di un futuro focolaio tra gli esseri umani potrebbero essere ridotti. Per almeno 20 anni, gli scienziati hanno sperimentato tali vaccini auto-diffondenti, un lavoro che continua ancora oggi e che ha guadagnato l’attenzione delle forze armate statunitensi.

Per ovvie ragioni, l’interesse pubblico e scientifico per i vaccini è incredibilmente alto, anche per i vaccini auto-diffondenti, in quanto potrebbero essere efficaci contro le minacce zoonotiche. I biologi Scott Nuismer e James Bull hanno generato  l’attenzione dei media  esponendo i  vaccini auto-diffondenti  dopo la pubblicazione  di un articolo  sulla rivista  Nature Ecology & Evolution . Ma la successiva relazione sull’argomento dà breve risalto agli svantaggi potenzialmente significativi del rilascio di vaccini auto-diffondenti nell’ambiente.

I vaccini auto-diffondenti potrebbero effettivamente comportare seri rischi e la prospettiva di utilizzarli solleva interrogativi impegnativi.

Chi decide, ad esempio, dove e quando deve essere rilasciato un vaccino? Una volta rilasciato, gli scienziati non avranno più il controllo del virus. Potrebbe mutare, come fanno naturalmente i virus. Può saltare ad un’altra specie. Attraverserà i confini. Ci saranno risultati inaspettati e conseguenze non intenzionali. Ci sono sempre.

Sebbene possa rivelarsi tecnicamente fattibile, come si pesano i benefici rispetto a ciò che potrebbe comportare rischi maggiori?

Come funzionano. I vaccini auto-diffondenti sono essenzialmente virus geneticamente modificati progettati per muoversi attraverso le popolazioni allo stesso modo delle malattie infettive, ma piuttosto che causare malattie,  conferirebbero protezione . Costruiti sul telaio di un virus benigno, i vaccini hanno materiale genetico da un agente patogeno aggiunto a loro che stimola la creazione di anticorpi o globuli bianchi negli ospiti “infetti”.

Questi vaccini potrebbero essere particolarmente utili, dicono alcuni scienziati, per le popolazioni di animali selvatici in cui la vaccinazione diretta è difficile a causa di problemi come habitat inaccessibili, scarse infrastrutture, costi elevati o mancanza di risorse. L’idea, essenzialmente, è vaccinare una piccola percentuale di una popolazione attraverso l’inoculazione diretta. Questi cosiddetti fondatori diffonderanno quindi passivamente il vaccino ad altri animali che incontreranno per contatto, sesso, allattamento o respirando la stessa aria. 

Un diagramma di come un vaccino auto-diffondente potrebbe diffondersi tra i pipistrelli. I pipistrelli “fondatori” inoculati con un vaccino a diffusione automatica diffondono passivamente il vaccino ad altri pipistrelli che incontrano nel tempo, aumentando gradualmente l’immunità a livello di popolazione. Credito: Derek Caetano-Anollés.

I vaccini auto-diffondenti hanno alcune delle loro radici negli sforzi per ridurre le popolazioni di parassiti. I ricercatori australiani hanno descritto  un’immunocontraccezione diffusa viralmente , che ha dirottato il sistema immunitario degli animali infetti – in questo caso una specie di topo non nativo in Australia – e ha impedito loro di fertilizzare la prole. I primi tentativi di auto-diffusione del vaccino miravano a due malattie infettive altamente letali nella popolazione europea dei conigli (virus del mixoma e virus della malattia emorragica del coniglio). Nel 2001, i ricercatori spagnoli hanno testato sul  campo un vaccino  in una popolazione di conigli selvatici che viveva sull’Isla del Aire, una piccola isola spagnola appena fuori Minorca. Il vaccino si è diffuso a più della metà dei 300 conigli dell’isola e la sperimentazione è stata considerata un successo.

Nel 2015, un altro team di ricercatori ha ipotizzato lo sviluppo di un vaccino auto-diffondente per il virus Ebola che potrebbe essere  utilizzato su  grandi scimmie selvatiche come gli scimpanzé. Da allora, gli scienziati sono venuti a vedere una vasta gamma di animali, dalla fauna selvatica come pipistrelli, uccelli e volpi agli animali domestici come cani, maiali e pecore,  suscettibili  di auto-diffusione dei vaccini.

Finora (pare), i ricercatori non hanno sviluppato vaccini sperimentali auto-diffondenti per gli esseri umani; non ci sono prove evidenti che qualcuno stia lavorando attivamente sulla tecnologia. Nuismer e Bull sostengono, piuttosto, che i vaccini auto-diffondenti presentano un approccio rivoluzionario  per controllare le malattie infettive emergenti prima ancora che si diffondano  dagli animali alla popolazione umana.

Lo spillover zoonotico è certamente un problema urgente; Oltre a SARS-CoV-2, HIV, virus Ebola e virus Zika, ci sono oltre mille altri nuovi virus con  potenziale zoonotico  che sono stati rilevati negli animali selvatici nell’ultimo decennio. Prevenire è meglio che curare, affermano Nuismer e Bull in un  articolo del New Scientist  . Nel loro articolo su  Nature Ecology & Evolution  , affermano di essere “pronti a iniziare a sviluppare vaccini auto-diffondenti per colpire un’ampia gamma di patogeni umani” negli animali.

Al di fuori di un esperimento, gli scienziati dovrebbero affrontare enormi ostacoli tecnici e pratici per identificare gli obiettivi più appropriati per l’intervento e garantire che l’immunità sia mantenuta nelle popolazioni della fauna selvatica. Nonostante queste sfide sostanziali, le potenziali implicazioni sulla sicurezza dei vaccini auto-diffondenti sono ancora più gravi.

La principale preoccupazione per la sicurezza è quella del duplice uso. In sostanza, ciò significa che la stessa ricerca utilizzata per sviluppare vaccini auto-diffondenti per prevenire le malattie, potrebbe essere utilizzata anche per  causare deliberatamente danni . Ad esempio, potresti innescare un virus che  causa guasti al sistema immunitario  in persone o animali infetti. Oppure potresti creare trigger in un virus che causano una risposta autoimmune dannosa, in cui il corpo inizia ad attaccare le proprie cellule e tessuti sani.

La domanda sulle armi biologiche.  Mentre i ricercatori possono avere intenzione di fare vaccini auto-diffondenti, altri potrebbero riutilizzare la loro scienza e  sviluppare armi biologiche . Un’arma che si diffonde da sola può rivelarsi incontrollabile e irreversibile.

Non dobbiamo scavare molto a fondo per un esempio storico di biologia armata. Come mostra il programma di guerra biologica sudafricana dell’era dell’apartheid, le pressioni sociali, politiche e scientifiche possono portare a un uso improprio dell’innovazione biologica.

Denominato in codice Project Coast, il programma del Sud Africa era principalmente incentrato su armi segrete per assassinii da usare contro individui ritenuti una minaccia per il governo razzista dell’apartheid. Oltre a produrre aggeggi per iniettare veleni, i ricercatori del Project Coast hanno sviluppato tecniche per allacciare zollette di zucchero con salmonella e sigarette con Bacillus anthracis.

Mentre ci sono stati molti programmi di guerra biologica, compresi molti che erano molto più elaborati e sofisticati, il programma sudafricano è particolarmente rilevante nel pensare attraverso usi dannosi di vaccini auto-diffondenti. 

Uno dei progetti di ricerca di Project Coast mirava allo sviluppo di un vaccino anti-fertilità umano  .

L’idea prese piede in un periodo di diffusa preoccupazione per l’esplosione demografica mondiale. Schalk Van Rensburg, che ha supervisionato il lavoro relativo alla fertilità in un laboratorio del Project Coast, ha detto alla Commissione per la verità e la riconciliazione post-apartheid del Sudafrica, un forum per esaminare la sordida storia dell’epoca e gettare le basi per la pace e la tolleranza future, che pensava il progetto fosse in linea con i tentativi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di frenare l’aumento dei tassi di natalità globale. Credeva che potesse portare al suo laboratorio riconoscimenti e finanziamenti internazionali. Secondo Van Rensburg, Wouter Basson, il direttore del programma di guerra biologica, ha detto che i militari avevano bisogno di un vaccino anti-fertilità in modo che le soldatesse non rimanessero incinte.

Mentre alcuni degli scienziati coinvolti nel progetto hanno negato la consapevolezza di ulteriori intenzioni o addirittura che il loro lavoro di fertilità fosse parte di uno sforzo militare, Van Rensburg e Daniel Goosen, un direttore di laboratorio, hanno detto alla Commissione per la verità e la riconciliazione che la vera intenzione dietro il progetto era quello di somministrare selettivamente il contraccettivo in segreto alle inconsapevoli donne nere sudafricane.

Alla fine, il vaccino anti-fertilità non è stato prodotto prima che Project Coast fosse ufficialmente chiuso nel 1995, 12 anni dopo che era stato avviato. Una prima versione è stata testata sui babbuini, ma mai sugli esseri umani. Il Sudafrica non è l’unico paese a tentare di sterilizzare con la forza parti della sua popolazione. Paesi europei, tra cui la Svezia e la Svizzera, sterilizzarono membri della minoranza rom nella prima metà del 20 °  secolo e alcuni, come  la Slovacchia , hanno continuato anche oltre. Più recentemente, gli analisti hanno  affermato  che il governo cinese stia sterilizzando le donne nello Xinjiang, una provincia con una grande popolazione di musulmani uiguri.

Non ci vuole un enorme salto di immaginazione per vedere come gli obiettivi del progetto del vaccino anti-fertilità del Sud Africa avrebbero beneficiato della ricerca sui vaccini auto-diffondenti, in particolare se combinati con gli attuali sviluppi in farmacogenomica, sviluppo di farmaci e medicina personalizzata. Presi insieme, questi filoni di ricerca potrebbero aiutare a consentire  una guerra biologica ultra mirata .

Un potenziale di abuso in espansione. La Convenzione sulle armi biologiche, il trattato che vieta le armi biologiche, ha quasi 50 anni. Negoziata e approvata nel profondo della Guerra Fredda, la convenzione soffre di  modalità operative obsolete  . Esistono anche sfide significative per la valutazione della conformità  . La convenzione non ha certo impedito al Sud Africa di perseguire Project Coast all’inizio degli anni ’80.

La ricerca sui vaccini a diffusione automatica è un campo piccolo ma in crescita. Al momento, circa 10 istituzioni stanno svolgendo un lavoro significativo nell’area. Questi laboratori si trovano principalmente negli Stati Uniti, ma alcuni si trovano anche in Europa e in Australia. Man mano che il campo si espande, aumenta anche il potenziale di abuso.

Finora la ricerca è stata finanziata principalmente dai finanziatori della scienza e della salute del governo degli Stati Uniti come la National Science Foundation, il National Institutes of Health e il Department of Health and Human Services. Anche organizzazioni private come la Fondazione Gates e istituzioni accademiche hanno finanziato progetti. Recentemente, la Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), a volte considerata l’ala di ricerca e sviluppo delle forze armate statunitensi, è stata coinvolta nella ricerca. L’  Università della California, Davis , ad esempio, sta lavorando a un  progetto amministrato dalla DARPA  chiamato Prediction of Spillover Potential and Interventional En Masse Animal Vaccination to Prevent Emerging Pathogen Threats in Current and Future Zones of US Military Operation. Secondo un opuscolo , il progetto sta “creando il primo prototipo al mondo di un vaccino auto-disseminante progettato per indurre un alto livello di immunità di gregge (protezione a livello di popolazione della fauna selvatica) contro il virus Lassa … e l’Ebola”.

L’investimento militare nell’innovazione biologica per scopi difensivi o protettivi è consentito dalla Convenzione sulle armi biologiche, ma può comunque inviare segnali sbagliati. Potrebbe indurre i paesi a dubitare delle intenzioni reciproche e portare a investimenti tit-for-tat nella ricerca potenzialmente rischiosa, anche nei vaccini auto-diffondenti. Il risultato della ricerca andata storta o della guerra biologica potrebbe essere catastrofico per la salute e l’ambiente.

Conversazioni precoci, aperte e in buona fede   sugli obiettivi scientifici e sui progressi che causano particolari preoccupazioni a duplice uso, come fanno i vaccini a diffusione automatica, sono essenziali per esplorare la posta in gioco più ampia di alcune traiettorie tecniche. Il programma dell’Università della California, Davis, sta cercando modi per incorporare un “interruttore di spegnimento” per controllare in sicurezza la tecnologia. E la DARPA afferma che qualsiasi sperimentazione sul campo relativa al progetto seguirà i protocolli di biosicurezza. Ma questi impegni non saranno sufficienti. La nostra ambizione deve essere quella di prendere e pretendere una decisione collettiva sui percorsi tecnici che siamo disposti, o meno, a intraprendere come società.

Fonte: The Bulletin

Opinione

I vaccini auto-diffondenti quindi non sono un mito come tanti credevano. Anche La Johns Hopkins University lo conferma. Vedere la pagina allegata in basso. 

Riceverai il vaccino che ti piaccia o no.

I vaccini autopropaganti sono stati concepiti dal virologo australiano Nobel Sir Macfarlane Burnet.

Burnet con il suo protetto Sir Gustav Nossal e il CSIRO hanno sviluppato il virus della mixomatosi. Utilizzato per la prima volta in Australia sulle pestilenze dei conigli. È stato il primo virus auto-propagante al mondo a riconoscere se stesso e ha agito come un vaccino che ha causato la soppressione immunitaria. AIDS per i conigli!

L’Australia è il punto zero per il genocidio dei Covid in corso.

Burnet e William Gates erano amici.

William Gates ha avviato la fondazione William Gates, successivamente ribattezzata Bill & Melinda Gates Foundation. Il protetto di Burnet, Gustav Nossal, ha continuato a lavorare per la fondazione e l’OMS dopo la morte di Burnet nel 1985. Ha portato avanti il ​​piano Burnet-Gates Senior per il genocidio.

Gates, Sr. e Burnet hanno ideato e finanziato il messaggio genocida sulle pietre della Georgia Guide. Pensaci.

I due erano amici dell’eugenista William Shockley che ingaggiò un amico, il dottor Herman Kermet, per intraprendere i lavori in incognito. 

Il laboratorio statunitense di armi biologiche a Fort Detrick commissionò a Burnet la proposta di scatenare un virus influenzale Carona sulla Cina nel 1947. La tecnologia dell’epoca non poteva garantire il non ritorno del virus, quindi fu accantonata. Burnet era seriamente connesso.

Alla fine degli anni ’70, il governo australiano CSIRO sviluppò l’editing genetico CRISPR per i coltivatori di tabacco di Myrtleford, Victoria. Inizialmente lo chiamavano Gene Shears. Il ministro della scienza dell’epoca, Barry Jones, affermò che la tecnologia avrebbe cambiato il mondo. E lo ha fatto. Non abbiamo ancora visto nessuno degli orrori completi degli umani chimera e il DNA eticocoinvolge le armi biologiche che erano il sogno di Burnet.

La biotecnologia CRISPR viene utilizzata per l’arma biologica “vaccino” a diffusione automatica di Covid Myxoma.

Melbourne, in Australia, è il punto zero per la tecnologia Covid e il piano famiglia Gates. È stato anche il punto zero per il coprifuoco, i blocchi, la negazione della libertà di movimento e l’uso di maschere. Le tecniche si sono diffuse in tutto il mondo.

Sia Burnet che Gates erano eugenisti legati alla London Eugenics Society (ribattezzato Istituto Gaulton per eliminare il termine “eugenetica”). Bill Gates è stato marinato in questa roba dalla sua infanzia. Sta eseguendo i piani di suo padre e del maniacale Sir Macfarlane Burnet.

Nel 1967 Burnet scrisse “Endurance of Life” (1978). Ha ricevuto un’accoglienza critica per le sue opinioni eugeniste e sociobiologiche. Ha provocato grandi polemiche. Questi punti di vista includevano la pena capitale per liberare la società da persone indesiderabili e mentalmente inadatte, aborto per la selezione della popolazione ed eutanasia per gli indegni. Ciò includeva in particolare l’uccisione di disabili e anziani non più produttivi. Questo nonostante lui stesso avesse 79 anni quando scrisse quel libro. Gli altri 13 libri che Burnet ha scritto in pensione includono quasi parola per parola ciò che abbiamo letto sulle Georgia Guidestones. Ha scritto i principi delle Guidestones con l’avvocato amico William Gates, che era un caro amico di David Rockefeller.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia


Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *