e’-sempre-mezzogiorno-|-ricetta-del-panificatore-fulvio-marino-|-pizza-italia

E’ sempre mezzogiorno | Ricetta del panificatore Fulvio Marino | Pizza Italia

E’ una pizza che sia con i suoi colori ma anche con i suoi sapori è un omaggio al nostro paese. Stiamo parlando della Pizza Italia del panificatore Fulvio Marino.

E’ sempre mezzogiorno | Ricetta del panificatore Fulvio Marino | Pizza Italia
E’ sempre mezzogiorno | Ricetta del panificatore Fulvio Marino | Pizza Italia

La Pizza Italia del panificatore Fulvio Marino è un omaggio a tutti gli italiani per festeggiare questo anno durante il quale i nostri atleti hanno di nuovo brillato nello sport. E’ realizzata con ingredienti tipici nostrani in modo da dargli anche i colori del nostro paese: rosso, bianco e verde.

L’impasto ha una lievitatura a temperatura ambiente abbastanza a lungo: ricordate che la quantità di lievito introdotta nell’impasto è inversamente proporzionale al tempo che lasciamo riposare il composto. In altre parole, più tempo lasciamo riposare l’impasto, meno lievito introdurremo nel composto.

Vi servirà una pietra refrattaria per cuocere questa pizza nel forno di casa perché la loro temperatura è sempre troppo bassa.

Potrebbe piacerti anche: E’ sempre mezzogiorno | Ricetta dello chef  Michele Farru | Tortelli guanciale e scampi

Potrebbe piacerti anche: E’ sempre mezzogiorno | Ricetta dello chef gelatiere Massimiliano Scotti | I fruttini

Realizzato in: pochi minuti

Tempo di cottura: in forno con pietra refrattaria

Tempo di riposo: alcune ore

  • Strumenti
  • una ciotola
  • pellicola trasparente
  • una leccarda
  • una spianatoia
  • una pala
  • una pietra refrattaria
  • Ingredienti
  • per l’impasto
  • 800 g di farina 0
  • 200 g di farina di farro bianco
  • 4 g di lievito fresco di birra
  • 690 ml d’acqua fredda
  • 22 g di sale
  • 30 g d’olio extravergine d’oliva
  • per farcire
  • mozzarella di bufala
  • passata di pomodoro
  • qualche foglia di basilico fresco

Pizza Italia, procedimento

Mescolate le farine e unite il lievito di birra. Unite 600 ml l’acqua e continuate di impastare con il cucchiaio. Unite il sale e l’ultima acqua per farlo sciogliere e continuate a impastare. Lavorate con le mani e inglobate l’olio schiacciando e lavorando il composto con le mani. Coprite l’impasto omogeneo con la pellicola trasparente e fatelo lievitare per 12 h a temperatura ambiente.

E’ sempre mezzogiorno | Ricetta del panificatore Fulvio Marino | Pizza Italia
E’ sempre mezzogiorno | Ricetta del panificatore Fulvio Marino | Pizza Italia

Potrebbe piacerti anche: E’ sempre mezzogiorno | Ricetta dello chef Barzetti | Risotto alla parmigiana di melanzane

Potrebbe piacerti anche: Mele con cannella nella friggitrice ad aria | Leggere e super golose

Trascorso il tempo necessario, con le mani inumidite fate delle palline di impasto di 200 g che posizionerete su una teglia alla giusta distanza tra loro. Fate la seconda lievitazione coprendo la teglia con pellicola trasparente per 4 h, o fino al raddoppio del volume. Spolverizzate leggermente la spianatoia e le palline lievitate che stenderete sulla spianatoia prima di trasferirla sulla pala. Farcite la base della pizza con la passata di pomodoro e infornate per 6 minuti  con la pietra refrattaria sul piano più basso e gli ultimi minuti in quello superiore. Ultimata la cottura, sfornate e farcite la pizza con la mozzarella di bufala sminuzzata e delle foglie di basilico fresco ben lavate a proprio piacimento. Condite con un filo d’olio a crudo e servite.

E’ sempre mezzogiorno | Ricetta del panificatore Fulvio Marino | Pizza Italia
E’ sempre mezzogiorno | Ricetta del panificatore Fulvio Marino | Pizza Italia

Per restare sempre aggiornato su news, ricette e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata a tutte le nostre VIDEO RICETTE puoi visitare il nostro canale Youtube.

E’ sempre mezzogiorno | Ricetta del panificatore Fulvio Marino | Pizza Italia
E’ sempre mezzogiorno | Ricetta del panificatore Fulvio Marino | Pizza Italia

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *