ecco-svelati-gli-effetti-del-covid-sugli-adolescenti:-parla-la-ricerca

Ecco svelati gli effetti del Covid sugli adolescenti: parla la ricerca

A distanza di un anno dopo l’inizio della pandemia gli adolescenti abusano di cellulari e social network.

Adolescenti e tecnologia

Dopo l’epidemia di Covid-19, gli adolescenti milanesi manifestano paure e un rapporto peggiore con il proprio aspetto fisico. Matura la propensione verso il volontariato.

Effetti Covid-19: il Laboratorio Adolescenza

Il Laboratorio Adolescenza e l’Istituto Iard, patrocinati dal Comune di Milano, si sono rivolti a 1914 studenti che frequentano la terza media o le superiori della città.

Ecco cos’hanno scoperto.

Secondo il primo dato riscontriamo una preoccupazione maggiore rispetto ad aprile e maggio 2020: a confessarlo il 70% degli intervistati, percentuale in crescita paragonata al 63,9% del 2020. I dati sono differenti tra maschi e femmine; il 77% delle ragazze verso il 56,9% dei ragazzi ha risentito maggiormente dell’assenza di contatti sociali. I ragazzi di terza media sono i più preoccupati (38,8%) sul tema salute.

Effetti Covid-19: gli adolescenti

Motivo di preoccupazione per gli adolescenti: i problemi economici. La didattica a distanza ha creato difficoltà di concentrazione sugli studenti dei tecnici e dei professionali (55%). Il 63% degli studenti delle superiori, invece, evidenzia una minore perdita di tempo nel tragitto casa-scuola e una migliore organizzazione dei tempi studio.

Dad: amore e odio… Se da un lato il 44,6% vorrebbe eliminarla dalla faccia della terra, il 42,3% valuterebbe volentieri un’integrazione di alcune attività online con le lezioni.

Una piccola percentuale (12,5%) desidererebbe una Dad preponderante.

Laura Galimberti -assessore all’Educazione- ha spiegato “Hanno apprezzato il loro“bozzolo“e questo ci deve fare riflettere, intercettando anche i ragazzi che hanno più difficoltà a relazionarsi e a chiedere aiuto”.

Il 75% degli adolescenti ha drasticamente ridotto la frequentazione degli amici, preferendo maggiormente l’utilizzo dello smartphone. Un vero e proprio “Tsunami social”, i quali dovrebbero essere vietati agli under 13.

Nonostante ciò, è possibile affermare che i “social baby” (con meno di 11 anni) ricoprono il 40,1% della popolazione.

Effetti Covid-19: le parole di Maurizio Tucci e il volontariato

Maurizio Tucci -presidente di Laboratorio Adolescenza- spiega “I tempi social sono brevissimi. C’è un inseguimento tra nativi digitali e una generazione che non lo è: quando i genitori prendono consapevolezza di un social, loro sono già passati a quello successivo“. Gli effetti disagianti si ripercuotono sul sonno e l’alimentazione.

Laura Galiberti aggiunge “L’indagine evidenzia in maniera plastica la misura dei sacrifici di bambini e ragazzi nell’ultimo anno e mezzo e ci indica su cosa dobbiamo lavorare per ricostruire, anche partendo dalla sorprendente propensione a mettersi in gioco attraverso il volontariato”.

LEGGI ANCHE: I milanesi sono i meno vaccinati in Lombardia

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *