edoardo-leo,-il-lutto-che-lo-ha-sconvolto:-“riposa-in-pace”-–-il-democratico-–-giornale-di-libera-informazione

Edoardo Leo, il lutto che lo ha sconvolto: “Riposa in pace” – il Democratico – Giornale di libera informazione

Edoardo Leo e il lutto tremendo che gli ha sconvolto la vita: ecco chi riguarda, i dettagli e le curiosità della vicenda

Uno degli attori tra i pochi apprezzati del cinema italiano con un talento smisurato è proprio lui, Edoardo Leo. L’uomo, originario di Roma ha regalato al pubblico diverse interpretazioni a dir poco fantastico soprattutto sul grande schermo che lo hanno reso unico nel suo genere. Tra i film a cui possiamo far riferimento possiamo citare La classe non è acqua, Dentro la città, Perfetti sconosciuti, Smetto quando voglio, 18 regali e moltissimi altri. Purtroppo, di recente ha dovuto affrontare un grandissima sofferenza per la scomparsa di una persona a lui vicina.

Edoardo Leo serio
Curiosità su Edoardo Leo (foto ANSA-democratico.it)

Prima di diventare attore, Edoardo Leo aveva numerose aspirazioni, una fra tanti era il desiderio di diventare insegnate che lo ha accompagnato per numerosi anni della sua giovinezza. In una intervista, infatti, però ha confessato che nonostante la sua aspirazione era molto affascinato dal cinema tanto da coltivare il desiderio della recitazione. 

Nel dettaglio egli ha rivelato: “Non vengo da una famiglia di artisti, avevo dei sogni più medi: all’inizio ho provato a fare il calciatore, ma non ci sono riuscito. Il piano b era, appunto, fare l’insegnante. A scuola ne ho avuto uno illuminante che mi ha passato la passione per la letteratura, le poesie, e l’arte perché la vedevo nei suoi occhi mentre insegnava. Quella figura mi ha fatto pensare che, quando c’è un grande entusiasmo, riesci a comunicarlo anche agli altri“.

Il successo per l’uomo è avvenuto grazie ad alcuni film che lo hanno reso noto al mondo cinematografico italiano ossia i film Dentro la città, diretto da Andrea Costantini, 69 prima e Tutto in quella Notte, regia di Franco Bertini, e Taxi Lovers, regia di Luigi Di Fiore. A questi si sono susseguiti Ti ricordi di me al fianco di Ambra Angiolini, Noi e la giulia cui si aggiudica  il Nastro d’argento per la miglior commedia e per il miglior attore non protagonista.

Purtroppo, nonostante una carriera a dir poco soddisfacente, anche Edoardo Leo ha dovuto affrontare una grandissima sofferenza circa la perdita di una persona cara che le ha regalato tantissime emozioni.

 Edoardo Leo e la tristezza vissuta in prima persona

Nonostante il suo grande successo, di recente Edoardo Leo ha dovuto affrontare un dramma davvero molto grande dovuto alla perdita di un suo caro amico che insieme ad altri compagni di avventura chiamavano con il soprannome di “Picchio”: si tratta di Libero De Rienzo.

Edoardo Leo screen
Il dramma vissuto da Edoardo Leo (Screenshot Instagram.democratico.it)

Insieme all’uomo, Edoardo Leo aveva collaborato per il film Smetto quando voglio e, ha voluto pubblicare una foto sul suo profilo Instagram cui li ritraeva insieme scrivendo un lungo messaggio molto commovente.

Ha scritto: “ra mi viene in mente solo quanto mi hai fatto ridere e divertire. Nient’altro. È l’unica cosa a cui penso. A quante risate irresistibili ci siamo fatti insieme. Riposa in pace Picchio. È stato bello fare un lungo pezzo di strada con te.”

Related Posts