eurolega,-le-pagelle-di-ax-milano-–-bayern-monaco

Eurolega, le pagelle di Ax Milano – Bayern Monaco

DELANEY 8

Voleva le “Final Four” e se le prende. Quando il Bayern arriva a meno 6, si prende le responsabilità che mandano l’Olimpia a Colonia.

PUNTER 6

Sarebbe la prima punta di Milano, ma non è proprio in partita; ed allora cede il palcoscenico a Shields. Primo canestro al 27′, ha il merito di firmare il massimo vantaggio (70-53).

MICOV 6,5

Lo scout è un rigo, ma il professore si mette al servizio dei compagni, troppo intelligente e con troppa classe per ‘bucare’ queste partite.

LEDAY 7

Impreciso al tiro (2/7), subisce Johnson, poco attento nei tagliafuori e a rimbalzo in generale, ma è sua la giocata della partita con una schiacciata devastante nel quarto periodo.

HINES 9

27 minuti di “clinic” difensivo e offensivo sul ruolo del centro, condito da 12 punti, 7 rimbalzi, e una stoppata pazzesca su Reynolds. Mezzo punto in meno per il furto subito da Gist nel terzo quarto.

RODRIGUEZ 8,5

Mette in ritmo tutti (7 assist), il suo gioco a due con Hines fa a fettine la difesa dei bavaresi, è la miglior medicina al cambio sistematico della difesa ospite.

SHIELDS 10

Indescrivibile, momenti di onnipotenza cestistica allo stato puro. 12 tiri, 34 punti per 41 di valutazione. Sognare si deve e si può.

DATOME 7

Fa canestro, ed è quel che conta. Solido a rimbalzo, non si fa sorprendere nè da Lucic, nè da Zipser.

TARCZEWSKI 6

Soffre qualsiasi situazione, prova mettere il corpo contro Reynolds, si redime con due schiacciate volanti, a correggere gli errori di Punter.

MESSINA 8

Scacco matto e si va a Colonia. Azzecca tutte le mosse, trova le sue sponde offensive (Shields su tutti) e si presenta alle Final Four da “underdog”, ma senza aver paura di nessuno.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *