feste-clandestine-nelle-case-affittate-a-milano:-fino-a-32-ragazzi-riuniti,-tutti-multati-per-le-norme-anti-covid-violate

Feste clandestine nelle case affittate a Milano: fino a 32 ragazzi riuniti, tutti multati per le norme anti-Covid violate

Tre casi di feste private in appartamenti affittati su piattaforme digitali, Booking e Airbnb in testa, in meno di 24 ore, a Milano, riportano attenzione sul fenomeno degli assembramenti in ambienti privati, che secondo le forze dell’ordine è  in crescita.



Il primo caso si è verificato in via Fioravanti, a Chinatown, dove la polizia di Stato, intorno all’1 della scorsa notte, ha identificato e sanzionato 26 persone, prevalentemente sudamericani, in un appartamento dove era in corso una festa, a seguito di una chiamata per schiamazzi. Due di essi, entrambi ecuadoriani, di 21 e 25 anni, sono stati denunciati per aver fornito false generalità. Quando gli agenti hanno suonato alla porta molti dei presenti, visibilmente ubriachi, si sono nascosti negli armadi e sotto i letti.

Il secondo si è registrato in via Bracciano, in zona Isola, dove gli agenti hanno prima notato un giovane su un’auto che all’1 di notte attendeva la ragazza per riportarla a casa dopo una festa. Così, piano, piano, oltre alla ragazza sono scese altre 32 persone, tutte identificate e sanzionate.

Su segnalazione dei vicini i carabinieri sono intervenuti in un’abitazione affittata da un 22enne che aveva organizzato una festa in via Andrea Costa, in zona Stazione Centrale. Sul posto, i militari hanno identificato e sanzionato 27 persone di età compresa tra i 23 ed i 28 anni, prevalentemente studenti universitari.

Milano, ultimo accenno di movida sui Navigli prima della “zona rossa”

Nella notte, alle 2,30, festa in casa anche in via Cesare Correnti con nove universitari di circa 20 anni. Mentre i militari li stavano identificando, un 30enne che si era nascosto sotto il letto, ubriaco, si è improvvisamente scagliato contro di loro, colpendoli con calci e pugni, tanto da rendere necessario immobilizzarlo: il ragazzo è stato arrestato per violenza, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali.

Ancora, tra le segnalazioni delle ultime ore, Rozzano: 17 sanzionati, tutti maggiorenni: a bordo di moto e scooter stavano registrando un video amatoriale di musica rap.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *