finiti-i-lavori-da-70mila-euro-ciclovia-dell’oglio-ora-piu-sicura-|-la-voce-di-mantova

Finiti i lavori da 70mila euro Ciclovia dell’Oglio ora più sicura | la Voce Di Mantova

CANNETO SULL’OGLIO  –  Sono terminati, a cura della ditta Alexia Costruzioni srl di Borgo Virgilio, i lavori di manutenzione straordinaria della variante al percorso della ciclabile “Ciclovia dell’Oglio” in corrispondenza di via Brescia a Canneto, con finanziamento di Regione Lombardia al 90% della spesa sostenuta dal Parco Regionale Oglio Sud per la realizzazione dell’intervento di complessivi 71mila euro.

I lavori di manutenzione straordinaria della variante al percorso della ciclabile “Ciclovia dell’Oglio” in corrispondenza del ponte stradale di viale Brescia tra Canneto e Piadena che sono stati eseguiti e che si sono appena conclusi consentiranno, grazie alla realizzazione di un tratto di sottopasso del manufatto che collega le due sponde del fiume, di rendere maggiormente fruibile e più sicuro per i ciclisti il tratto del percorso che dal Passo del Tonale conduce al fiume Po.

La Ciclovia dell’Oglio è un viaggio di 280 chilometri, tutto in territorio lombardo, dai ghiacciai alpini al Po. È un percorso che attraversa paesaggi molto vari: i boschi e i pascoli della Valle Camonica, le rive del lago d’Iseo, le infinite campagne della pianura lombarda. Un’esperienza alla portata di tutti, che attraversa magnifici scenari naturali ma anche territori ricchi di storia e cultura.

Il percorso consente di poter conoscere i siti archeologici e le meravigliose pievi romaniche affrescate della Valle Camonica. Di effettuare soste negli antichi borghi del lago, con le loro piazze e i loro portici. Andare alla scoperta della lunga pianura che da sud del lago arriva al Po, nei pressi di Mantova, ricca di oasi naturalistiche ma anche di castelli e palazzi incantevoli. È una lunga pedalata per chi ama andare alla scoperta dei tesori meno noti, per chi è curioso e ama lasciarsi sorprendere da un territorio ricco di meraviglie. Un viaggio tra luoghi lontani dai circuiti turistici, che conquistano con i loro ritmi lenti, la loro quiete, i loro antichi equilibri tra uomo e natura.

Related Posts