forestami-coinvolge-sempre-piu-comuni-e-cittadini

Forestami coinvolge sempre più comuni e cittadini

È partita la nuova stagione agronomica di Forestami sulla scia di quella da poco terminata che ha visto la piantumazione di 427.475 alberi e arbusti nella città metropolitana di Milano.

Forestami

Forestami, il progetto promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia – ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano, prevede la piantagione di nuovi alberi e arbusti che andranno a incrementare il capitale naturale della Città metropolitana di Milano (133 comuni), al fine di raggiungere entro il 2030 l’obiettivo dei 3 milioni di alberi (numero corrispondente agli abitanti di Milano e hinterland). Quest’anno, l’obiettivo della stagione agronomica 2021/2022 sono stati pienamente raggiunti.

La programmazione di Forestami prevedeva il raggiungimento di 400.000 tra alberi e arbusti ma il traguardo è stato ampiamente superato, con il raggiungimento di quota 427.475 esemplari piantati, grazie alle piantagioni dell’ultima stagione agronomica – tra novembre 2021 e maggio 2022 -, durante la quale sono stati piantati 127.010 piante.

Nel territorio della Città metropolitana di Milano grazie alle donazioni delle aziende e dei cittadini, nel corso dell’ultima stagione agronomica, sono stati realizzati progetti di piantagione nei comuni di: Canegrate, Colturano, Cornaredo, Dresano, Gudo Visconti, Lainate, Noviglio, Pioltello, Sesto San Giovanni, Trezzano Sul Naviglio, Vimodrone, Bresso nell’ambito di Parco Nord Milano.

Nel Comune di Milano le piantagioni sono avvenute: a Boscoincittà, a Porto di Mare, nel Parco Forlanini, negli svincoli Paullese e Cantalupa, nonché in numerose altre località sparse in tutta la città per un totale di 34.467 piante di cui 21.622 alberi e 12.845 arbusti.

La nuova stagione agronomica 2022-2023

Nella stagione agronomica 2022-2023 di Forestami il Comune di Milano avvia le attività di piantagione prevedendo la messa a dimora di oltre 16.000 piante e oltre 2.000 arbusti all’interno della città, tra cui l’intervento già programmato di via Chiasserini. Un avvio di programmazione in linea con gli anni passati per i quali il Comune di Milano pianta mediamente 20.000 alberi nel corso di ogni stagione.

Nei comuni della Città metropolitana, invece, le primissime piantagioni della stagione 2022-2023 a partire dai prossimi giorni vedranno coinvolti i comuni di: Busto Garolfo, Cassinetta di Lugagnano, Cesano Boscone, Pioltello, Rosate, Vittuone, nei quali saranno piantati oltre 7.000 alberi.

Forestami è uno dei progetti chiave per rendere Milano e la Città Metropolitana sempre più sostenibili e verdi. La nostra città mira alla neutralità climatica. Per raggiungere questo obiettivo, la piantumazione di nuovi alberi è fondamentale, così come determinante è la partecipazione di tante cittadine e cittadini. Grazie anche ai fondi PNRR e agli importanti contributi provenienti dal mondo privato, Forestami continuerà a crescere e a far crescere la sensibilità ambientale della nostra comunità”, commenta il Sindaco di Milano Giuseppe Sala.

Città metropolitana e l’aggiudicazione dei bandi pubblici

Un grande contributo al raggiungimento dell’obiettivo previsto per il 2030 arriva dai bandi per la forestazione urbana del Ministero dell’Ambiente (Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 9 ottobre 2020 dal titolo: “Modalità per la progettazione degli interventi di riforestazione di cui all’art. 4 del decreto legge 14 ottobre 2019, n.111, convertito con modificazioni, dalla legge 12 dicembre 2019, n.141. – Pubblicato sulla gazzetta ufficiale in data 11 novembre 2020 – finalizzato ai seguenti obiettivi: tutelare la biodiversità per garantire la piena funzionalità degli ecosistemi; aumentare la superficie e migliorare la funzionalità ecosistemica delle infrastrutture verdi a scala territoriale e del verde costruito; migliorare la salute e il benessere dei cittadini; contribuire a migliorare la qualità dell’aria).

La Città metropolitana, dopo essersi aggiudicata lo scorso anno 2.289.669,13 di euro per 5 progetti aggiudicatari del primo bando ministeriale con cui sono stati piantati oltre 30mila piante nei comuni di Milano, Rho, Pioltello, Settimo Milanese e Corsico, ha ottenuto a fine 2021 anche un secondo finanziamento pari a 1.803.000 euro con i quali a partire dai prossimi giorni, quindi in questa nuova stagione agronomica, saranno messe a dimora altre 27.831 piante, su una superficie di 15.70,24 ettari.

I comuni interessati sono Paderno Dugnano, dove il progetto è partito ad agosto, Inveruno, Vizzolo Predabissi e Cerro al Lambro, per i quali i cantieri verranno avviati entro fine novembre. Si tratta di progetti complessi che vedranno, imprevisti permettendo, la messa a dimora delle piante entro la primavera 2023 con a seguire 7 anni di manutenzione.

Michela Palestra, Vicesindaca della Città metropolitana, è molto soddisfatta dei risultati concreti che si stanno ottenendo grazie al progetto Forestami su tutto il territorio metropolitano: “Vediamo i frutti di un progetto ambizioso che punta ad una progressiva riforestazione dell’area metropolitana, con un duplice beneficio per l’ambiente e per la salute di cittadini e cittadine. In questo progetto credo emerga la capacità della Città metropolitana di Milano di tradurre un’idea lungimirante in un’azione concreta, intercettando i finanziamenti e avviando in tempi rapidi l’attività di piantumazione. Vi parliamo solo di un sogno, quello di un territorio più verde, ma anche di una realtà che si sta concretizzando, piantumazione dopo piantumazione. A breve quasi 28.000 alberi saranno messi a dimora: ancora una volta vincono il gioco di squadra e la sinergia di più realtà unite all’insegna del bene comune e dell’ambiente. Un primo traguardo, che ci spinge però ad essere ancora più ambiziosi e a guardare con attenzione a nuove opportunità per coinvolgere sempre più Comuni e sempre più porzioni di questa nostra area metropolitana in progetti di riforestazione che guardano al futuro”.

Le nuove iniziative di coinvolgimento della cittadinanza: 1 milione di piante per i cittadini con la nuova fase del progetto Custodiscimi che prevede la custodia, la cura e la crescita delle piante nei propri spazi

Custodiscimi, iniziativa congiunta di Forestami, ERSAF e Legambiente Lombardia – resa possibile grazie a Deloitte e Fondazione Deloitte -, ha affidato nel mese di marzo 2.500 piante ai cittadini che se sono presi cure presso le proprie abitazioni per 8 mesi, restituendole per procedere con la loro piantagione durante la stagione agronomica 2022-2023.

Il coinvolgimento attivo dei cittadini si estende e si evolve con la nuova fase del progetto Custodiscimi, in partenza con la stagione agronomica 2023-2024 e che proseguirà negli anni a venire, che vedrà un importante incremento dell’affido diretto di alberi e arbusti forestali ai cittadini (scuole, oratori, giardini privati, aziende).

Le tante donazioni dei privati, l’esperienza positiva di Custodiscimi e il supporto volontario che tanti cittadini hanno dato alle piante durante i momenti di forte siccità, ci permettono di dire che Forestami è diventato davvero un progetto di cittadinanza attiva in tutti i municipi del Comune di Milano e nei Comuni della Città metropolitana di Milano che hanno firmato i protocolli d’intesa. Nei prossimi anni, saranno direttamente i cittadini dell’area metropolitana ad essere coinvolti nella presa in cura e piantagione di quelle decine di migliaia di nuovi alberi che ci aiuteranno a ombreggiate le nostre strade e piazze e a pulire l’aria inquinata di Milano. La stessa iniziativa Custodiscimi – ispirandosi a quanto già accaduto con successo in città come New York e Los Angeles – evolverà prevedendo un maggiore e più estesa partecipazione attiva dei cittadini”, commenta Stefano Boeri, Presidente del Comitato Scientifico di Forestami.

Gli effetti della siccità straordinaria

L’analisi condotta dagli esperti diretti da Riccardo Gini, Direttore Tecnico di Forestami, svolta su ogni piantagione avvenuta nell’ultima stagione agronomica ha fatto registrare una moria del 24,5% vs fallanza fisiologica del 10%-15% comune a ogni stagione agronomica passata.

Riccardo Gini, Direttore Tecnico di Forestami, commenta: “L’estate estremamente calda – oltre 2,26 gradi sopra la media italiana – e la straordinaria siccità registrata come la più alta di sempre, hanno portato la media della moria delle piante dal livello fisiologico del 10-15% al 24,5%. Si procederà quindi con la sostituzione delle piantine non attecchite grazie al lavoro delle cooperative sociali che si sono occupate inizialmente della loro messa a dimora e che, a fronte di questa annata eccezionale, si faranno carico del loro risarcimento. In questo modo riusciremo a ripristinare al 94% la copertura arborea”.

I nuovi protocolli d’intesa firmati dai Comuni della Città metropolitana di Milano

Sono 6 i nuovi comuni della Città metropolitana che hanno sottoscritto il protocollo d’intesa le attività di ricerca a cura del Politecnico di Milano: Pozzo d’Adda, Carugate, Cambiago, Pessano con Bornago, Basiano, Gessate. Con i nuovi ingressi i comuni della Città metropolitana coinvolti attivamente in Forestami raggiungono il numero di 62.

Forestami è un progetto collaborativo e incrementale. Il lavoro di ricerca ci permette di dialogare innanzitutto con i Comuni e di immaginare insieme la trasformazione della Città Metropolitana di Milano grazie ai 3 milioni di nuovi alberi entro il 2030. Per questo lavoriamo alla costruzione di una piattaforma che raccoglie le disponibilità delle aree, le piantagioni, e le informazioni relative a ogni sito di piantagione, con le relative specie. Costruiamo un database che racconti quello che abbiamo fatto, e che facciamo, la storia del nostro passato e del nostro futuro”, spiega Maria Chiara Pastore, direttore scientifico di Forestami e responsabile del Future City Lab all’interno del dipartimento DAStU del Politecnico di Milano.

Scuola Forestami

Sono 485 le classi con 9.398 studenti che dall’anno scolastico 2020-21 ad oggi hanno partecipato alle iniziative di Scuola Forestami, il progetto dedicato al coinvolgimento dei più piccoli nelle attività di educazione ambientale attraverso attività quali la “Caccia al Tesoro”, i laboratori “Il Respiro del Pianeta”, le “Uscite in Foresta” e le “ForestAzioni”, realizzato grazie anche ad AXA Italia. E con le visite alla mostra “Dentro le Foreste” a Parco Nord Milano (curata da Giorgio Vacchiano, aperta fino all’8 gennaio 2023) si arriva ad un totale di 11.385 tra bambini e famiglie coinvolte in Scuola Forestami.

Forestami: il supporto di aziende e privati

Numerose sono le aziende che hanno scelto di sostenere Forestami sposando il progetto di forestazione urbana nell’ambito delle proprie attività di Corporate Social Responsibility e rendendolo una realtà concreta al servizio di tutti i cittadini.

“Ci troviamo a vivere un tempo di sfide sociali, economiche e ambientali complesse e fra loro intrecciate. Per questo emoziona constatare quanto siano forti il senso di comunità, la solidarietà e la generosità sul nostro territorio. Fondazione di Comunità Milano ha contribuito con i propri canali alla raccolta delle donazioni private sul Fondo Forestami, riscontrando una partecipazione oltre le aspettative da parte dei cittadini e delle imprese: oltre 2,8 milioni di euro raccolti dall’avvio del progetto, a testimonianza dell’impegno di tutti per un futuro più verde. Perché piantare alberi non ha solo un enorme valore ambientale, ma indubbi effetti positivi sulla salute delle persone e sul benessere della comunità, dunque un impatto significativo a livello sociale”, ha dichiarato Carlo Marchetti, Presidente Fondazione di Comunità Milano.

Molte sono le aziende partner del progetto: Amazon, Armani, AXA Italia, Banijay Italia, B. Braun, Bloomberg, Bulgari, C.P.C Inox, ERA (European Renal Association), Esselunga, Fondazione Snam, Gruppo Prada, HP Italia, IMCD, Intesa Sanpaolo, Loro Piana, LVMH, Maxi Sport, Recordati.

Related Posts