gabriel-garko:-il-suo-saluto-dalla-clinica-e-le-spiegazioni-del-chirurgo-a-giada-lini

Gabriel Garko: il suo saluto dalla clinica e le spiegazioni del chirurgo a Giada Lini

Gabriel Garko in clinica per l’operazione. Giada Lini chiede al chirurgo se potrà ballare

Gabriel Garko operazione

E’ da Storie Italiane che in diretta arriva il saluto di Gabriel Garko, prima e subito dopo l’ingresso in clinica. Oggi Gabriel Garko deve subire l’operazione al braccio, è teso, confida come si sente: “Come ci si sente sempre prima di una operazione ma sono in ottime mani”. La paura è ovvia ma dopo tanto dolore al braccio non vede l’ora che tutto finisca. Garko ringrazia tutti, un grazie veloce ad Eleonora Daniele, a Storie Italiane sempre presente. Il professore che deve operarlo lo attende all’ingresso. C’è anche qualche fa arrivato per sostenerlo, gli altri lo fanno sui social, ha bisogno di tranquillità in questo momento. Nello studio di Storie Italiane c’è la sua maestra di ballo; anche Giada Lini è ovviamente preoccupata per il suo ballerino, non solo per l’amicizia che li lega grazie al dance show ma anche perché hanno un lavoro importante da proseguire. Gabriel Garko e Giada Lini sono i preferiti, possibili vincitori di Ballando con le Stelle. Ma Garko potrà continuare a ballare dopo l’intervento?

A Storie Italiane la preoccupazione della ballerina di Gabriel Garko

Giada deve studiare le coreografie adatte al suo ballerino, ha la possibilità di parlare con il chirurgo che sta per operare Gabriel. Lui vorrebbe tornare subito in pista a Ballando, un ultimo saluto dalla finestra della sua stanza in clinica e mentre si prepara il chirurgo dà delle spiegazioni a Giada.

“Come posso pensare ad una coreografia, come potrà usare il braccio? chiede la ballerina. “Potrà usare il braccio pianino e in modo particolare muovendolo al di sotto dei 90° ed evitando i movimenti che vi descriveremo nel dettaglio…  evitando i movimenti più delicati che sono quelli attivati dal bicipite”.

Il chirurgo è chiaro, sul processo di guarigione c’è da attendere: “Dopo la sesta settimana il processo di guarigione inizia ad essere soddisfacente”.

Related Posts