gli-ordini-esecutivi-di-trump-continuano-a-far-tremare-la-cina.

GLI ORDINI ESECUTIVI DI TRUMP CONTINUANO A FAR TREMARE LA CINA.




Il 5 marzo, FTSE Russell, fornitore globale di indici azionari, ha annunciato la rimozione della società cinese di smartphone Xiaomi e della società cinese di tecnologia big data Luogung Technology Corporation dal suo indice globale.

FTSE Russell ha dichiarato che rimuoverà la Cina Xiaomi e Luogung Technology Corporation dai suoi indici a partire dal 12 marzo, a seguito di un ordine esecutivo del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

In precedenza, FTSE Russell aveva già rimosso China Unicom, SMIC, Panda Electronics e Hikvision dal suo indice nel gennaio di quest’anno.

Questo è l’ultimo sviluppo nella recente ondata di società cinesi che sono state cancellate dal mercato statunitense ed europeo.

Il Nasdaq statunitense ha rimosso China Mobile, China Telecom e China Unicom, le tre maggiori società di telecomunicazioni cinesi, dall’indice all’inizio di quest’anno.

Il 26 febbraio di quest’anno, la Borsa di New York ha anche annunciato l’avvio delle procedure di delisting per la China National Offshore Oil Corporation (CNOOC), un’importante impresa statale cinese, citando un ordine esecutivo del presidente degli Stati Uniti.

Lo scorso 12 novembre, il presidente Trump ha emesso un ordine esecutivo che vieta a società e individui statunitensi di investire in società legate alle forze armate del Partito comunista cinese per motivi di sicurezza nazionale, e molte società cinesi sono state incluse nell’elenco.

L’ordine è entrato in vigore il 12 gennaio di quest’anno. In risposta, Xiaomi si è difesa affermando che la società non ha legami con l’esercito del PCC e ha intentato una causa contro il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti presso la Corte distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto di Columbia ( Corporation ormai in liquidazione ), per chiedere loro di ritirare le loro decisioni.Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha affermato che il Ministero dell’Industria e della Tecnologia dell’Informazione del PCC aiuterà a gestire la politica di integrazione civile-militare del PCC, che ha permesso al PCC di utilizzare società private per aiutare a sviluppare la sua tecnologia militare.

Finora sono state inserite nella lista nera 44 società, con nuove aggiunte a gennaio di quest’anno, oltre a Xiaomi, tra cui Commercial Aircraft Corporation of China (Comac), Advanced Micro-Fabrication Equipment, GOWIN Semiconductor, China National Aviation Holding, LKCO, Grand China Air Co.Ltd., Centro per lo sviluppo e gli investimenti di Zhongguancun, GTCOM, ecc.

Inoltre, anche Huawei e SMIC sono sulla lista nera.Nel frattempo lo scorso lunedi, l’indice blue chip della Cina comunista subisce il maggior calo degli ultimi 7 mesi, per la pubblicazione dei dati sugli obiettivi di crescita economica per il 2021 nettamente inferiori alle attese da parte di Pechino.

L’indice blue chip CSI300 è sceso del 3,5% a 5.080,02, registrando il suo peggior giorno dal 24 luglio 2020.

Lo Shanghai Composite Index ha perso il 2,3% a 3.421,41.In testa al calo, l’indice CSI300 dei beni di consumo di prima necessità e l’indice CSI300 sanitario sono crollati rispettivamente del 5,7% e del 6,4%, mentre l’indice CSI della nuova energia è sceso del 5,3%Come ben sappiamo, perché ce lo insegnano i mercati, la paura è più forte dell’avidità, e questa anticamera del cambiamento strutturale e finanziario mondiale ( il Quantum Financial System ), di certo nei prossimi mesi, ne genererà ancora tanta.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia


Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *