google-non-solo-ha-supportato-la-ricerca-sulle-armi-biologiche,-ma-ha-anche-censurato-le-informazioni-sull’origine-del-covid

Google non solo ha supportato la ricerca sulle armi biologiche, ma ha anche censurato le informazioni sull’origine del Covid


David Feinberg, capo del “dipartimento della salute” di Google, ha recentemente ammesso su un forum del Wall Street Journal che il gigante della tecnologia ha censurato le informazioni che mostravano che il coronavirus di Wuhan (Covid-19) potrebbe provenire da un laboratorio cinese.

A Feinberg è stato chiesto da un giornalista perché Google sta censurando i risultati di ricerca che associano il virus cinese al Wuhan Institute of Virology (WIV), dopo di che Feinberg ha cercato di sostenere che la censura è un bene per gli utenti di Google poiché in precedenza proteggeva la “disinformazione”.

Se Google dovesse mostrare alle persone i risultati di ricerca che stanno cercando, potrebbe “condurre le persone su percorsi che non considereremmo informazioni autorevoli”, ha affermato Feinberg.

Le “informazioni rilevanti” a cui si riferiva Feinberg provenivano dall’imbarazzato capo dell’EcoHealth Alliance Peter Daszak, che ora sappiamo che ha cospirato con Tony Fauci del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) per condurre ricerche illegali sui coronavirus dei pipistrelli al WIV.

Nel febbraio 2020, Daszak ha organizzato una lettera pubblicata su the Lancet affermando che non era assolutamente possibile che il virus cinese provenisse da un laboratorio cinese. Questa lettera chiamava tale idea una “teoria del complotto”.

A quel punto, “molte persone hanno creduto [a Daszak] e hanno smesso di cercare qualsiasi altra possibile verità sulla situazione”, ha detto il conduttore di Fox News Tucker Carlson.

“Era The Lancet, dopotutto”, ha aggiunto Carlson in un recente segmento sullo scandalo.

La vera agenda della plandemia è prendere il controllo del corpo e della mente umani.

Si scopre che i conflitti di interesse finanziari e politici di Daszak sono diffusi. Ma poiché è stato portato alla ribalta da siti come Google come fonte “autorevole” di informazioni sull’influenza di Wuhan, pochi hanno messo in dubbio le sue affermazioni o le sue motivazioni.

Fortunatamente, questo sta cambiando ora che emergono più rivelazioni su come la planemia sia stata essenzialmente organizzata e covata da Fauci, Daszak e molti altri, che hanno tutti beneficiato immensamente del virus cinese.

Ora è un fatto indiscutibile che Daszak sia stato direttamente coinvolto nella ricerca funzionale illecita che ha scatenato l’influenza di Wuhan, come se ne vantava apertamente nel dicembre 2019.

“Allora perché Google ha fatto affidamento su Peter Daszak per decidere cosa potrebbe sapere il resto della popolazione sulle origini del Covid?”, ha chiesto Carlson nel segmento.

Secondo Daszak, Google ha contribuito finanziariamente a questa ricerca, insieme ai contribuenti americani attraverso Fauci. Tutte queste persone e istituzioni erano interessate al virus cinese, quindi stanno cospirando per far avanzare l’agenda della plandemia.

Daszak aveva già pubblicato studi nel 2010 che mettevano Google in relazione con l’acquisizione illegale di ricerche funzionali sui coronavirus dei pipistrelli presso il WIV. Google ha essenzialmente pagato denaro a Daszak e ad altri per condurre la suddetta ricerca, che ci ha portato ad affrontare il virus cinese.

L’affermazione è che tutto questo denaro è stato utilizzato per studiare “le percezioni relative alla trasmissione di agenti patogeni pandemici in popolazioni umane altamente esposte all’interfaccia uomo-animale”.

“L’agenda è prendere il controllo della mente e del corpo umani!” Ha scritto un commentatore della WND sulla vera motivazione dietro il piano.

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione su Patreon o seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita) in qualsiasi modo a loro piaccia gratuitamente. Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.

FONTE: NON SOLO LA RICERCA SULLE ARMI BIOLOGICHE DI GOOGLE FUND, MA HA ANCHE CENSURATO LE INFORMAZIONI SULLE ORIGINI DEL LABORATORIO DI COVID



Segui Database Italia su Google News: Database Italia


Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *