granita-o-sorbetto?-nel-dubbio,-ecco-le-nostre-ricette-piu-buone

Granita o sorbetto? Nel dubbio, ecco le nostre ricette più buone

Quando le temperature si fanno bollenti, uno dei metodi migliori per combattere il caldo è gustarci una fresca granita o un sorbetto. Il gusto più classico è il limone, ma le possibilità sono infinite: fragola, caffè, basilico, mandorla, pistacchio, gelsi e così via.

Una cosa è certa, in estate non possiamo farne a meno, ma siete sicuri di conoscere la differenza fra granite e sorbetti? E soprattutto, come si differenziano dal gelato?

La differenza fra granita e sorbetto

Innanzitutto, partiamo dalla differenza principale: granite e sorbetti non contengono latte o panna, a differenza del gelato, e per questo sono ideali anche per chi segue una dieta vegana o chi soffre di intolleranza al lattosio.

Tecnicamente il sorbetto è a metà strada fra il gelato e la granita, perché ha una consistenza simile a quella del gelato, morbida e priva di cristalli di ghiaccio, ma nella sua preparazione non si utilizza il latte. Insieme al succo o alla purea di frutta, si aggiunge spesso l’albume o la meringa italiana, in modo da incorporare più aria e rendere il sorbetto cremoso.

A differenza del sorbetto, la granita è più granulosa e viene preparata esclusivamente con acqua, zucchero e frutta. In particolare, per preparare la granita si utilizza il succo di agrumi o altri frutti. Per fare la gremolata, invece, si utilizza anche la purea di frutta.

Sia la granita che il sorbetto si possono preparare in casa con l’aiuto di una gelatiera o di una sorbettiera, ma è possibile ottenere un perfetto risultato anche senza questi aiuti: cliccate qui per scoprire come preparare la granita al limone in casa e tante altre ricette.

Non vi resta che passare alla pratica: nella gallery in alto vi aspettano granite e sorbetti per tutti i gusti. Noi amiamo servirle con la panna montata, per non parlare della versione siciliana servita nella mitica brioscia, ma potete anche rimanere più leggeri e gustarle al naturale!

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *