hpe,-facebook-e-microsoft-presentano-low-carbon-patent-pledge

HPE, Facebook e Microsoft presentano Low-Carbon Patent Pledge

Chi sviluppa tecnologie a basse emissioni avrà libero accesso ai brevetti di tre delle più grandi aziende tecnologiche al mondo

HPE, Facebook e Microsoft presentano Low-Carbon Patent Pledge

Gli innovatori che sviluppano tecnologie a basse emissioni di carbonio hanno ora libero accesso ai brevetti di tre delle più grandi aziende tecnologiche del mondo sotto il Low-Carbon Patent Pledge, un impegno per aiutare ad affrontare il cambiamento climatico.

A partire dallo scorso giovedì 22 aprile, HPE, Facebook e Microsoft rendono disponibili i brevetti chiave per accelerare l’adozione di tecnologie a basse emissioni di carbonio. Nell’ambito dell’iniziativa guidata da HPE, centinaia di brevetti che potrebbero sostenere i tecnologi che sviluppano soluzioni a basso contenuto di carbonio per la generazione, lo stoccaggio e la distribuzione di energia a basso contenuto di carbonio saranno disponibili senza royalty.

Mentre il Low-Carbon Patent Pledge fa il suo ingresso, la comunità scientifica globale avverte che le tecnologie innovative saranno vitali per ridurre le emissioni in maniera sufficientemente veloce per evitare il disastro climatico. Circa la metà delle riduzioni necessarie per raggiungere le zero emissioni entro il 2050 richiedono tecnologie che non sono ancora disponibili in commercio, secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia.

I brevetti elencati coprono una vasta gamma di tecnologie preventive o adattive che possono aiutare a combattere il cambiamento climatico. Queste includono la gestione dell’energia, l’abilitazione di fonti di energia a zero emissioni di carbonio, l’architettura efficiente dei data center e la gestione termica.

“Il mondo ha bisogno di una collaborazione radicale per affrontare questo momento critico della crisi climatica, ha detto John Frey, Chief Technologist for Sustainable Transformation di Hewlett Packard Enterprise. Per raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050, dobbiamo lavorare insieme per innovare più velocemente. Grazie a questi brevetti, auspichiamo di contribuire ad accelerare e incoraggiare l’innovazione permettendo ad altri di costruire sulla base del nostro lavoro”.

Con piani di sostenibilità aziendale ben delineati, i partner della coalizione sperano che la concessione dell’accesso pubblico ai brevetti liberi stimolerà i ricercatori e gli scienziati a sbloccare le soluzioni tecnologiche di cui il mondo avrà bisogno per creare un’economia a basse emissioni di carbonio e un futuro sostenibile.

“La storia ha dimostrato che gli impegni volontari di brevetti possono aiutare a promuovere nuove tecnologie e incoraggiare la loro adozione in tutto il mondo, ha detto l’esperto di diritto della proprietà intellettuale Jorge L. Contreras, borsista presidenziale e professore di diritto presso il S.J. Quinney College of Law, Università dello Utah. Questo è esattamente il tipo di iniziativa necessaria per combattere gli effetti potenzialmente catastrofici del cambiamento climatico”.

La lista dei brevetti promessi e i termini d’uso sono disponibili a questo indirizzo e cresceranno man mano che le aziende ne aggiungeranno altri alla lista e altre aziende tecnologiche si uniranno.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *