i

In retrospettiva, l’intervista straordinaria del generale Sergei Surovikin il 18 ottobre subito dopo la sua nomina a primo comandante di teatro per le operazioni in Ucraina solo otto giorni prima è stata probabilmente coreografata per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla criticità della situazione militare nella regione di Kherson.

Il generale Mark Milley, presidente dei capi di stato maggiore congiunti degli Stati Uniti, ha valutato che ci sarebbero volute diverse settimane prima che Mosca completasse l’evacuazione di circa 30.000 soldati russi dispiegati nella città di Kherson, nell’Ucraina meridionale. Ma i russi hanno annunciato che l’evacuazione è stata completata con successo in 2 giorni: sia soldati che oltre 5000 pezzi di equipaggiamento pesante. 

Evidentemente, nell’esecuzione dell’ordine di evacuazione è stata pianificata molto in anticipo. Il comando militare russo ha iniziato a lavorare sull’evacuazione settimane prima dell’annuncio effettivo all’inizio di questa settimana.

Qui sono rilevanti i seguenti estratti dell’intervista:

“Si è creata una situazione difficile. Il nemico bombarda deliberatamente le infrastrutture e gli edifici residenziali a Kherson. Il ponte Antonovsky e la diga della centrale idroelettrica di Kakhovskaya sono stati danneggiati dai missili HIMARS, il traffico è stato interrotto.

“Di conseguenza, la fornitura di cibo in città è difficile, ci sono alcuni problemi con la fornitura di acqua ed elettricità. Tutto ciò complica enormemente la vita dei cittadini, ma rappresenta anche una minaccia diretta per le loro vite.

“La leadership della NATO delle forze armate ucraine richiede da tempo operazioni offensive contro Kherson dal regime di Kiev, indipendentemente dalle vittime, sia tra le stesse forze armate che tra la popolazione civile.

“Abbiamo dati sulla possibilità che il regime di Kiev utilizzi metodi di guerra proibiti nell’area della città di Kherson, sulla preparazione di Kiev per un massiccio attacco missilistico alla diga idroelettrica di Kakhovskaya, sulla conduzione di massicci attacchi missilistici e di artiglieria contro la città senza distinzione.

“Queste azioni possono portare alla distruzione delle infrastrutture di un importante centro industriale e a vittime civili.

“In queste circostanze, la nostra massima priorità è preservare la vita e la salute dei cittadini. Pertanto, l’esercito russo garantirà prima di tutto la partenza sicura, già annunciata della popolazione, secondo il programma di reinsediamento preparato dal governo russo.

“I nostri ulteriori piani e azioni riguardanti la stessa città di Kherson dipenderanno dall’attuale situazione militare-tattica. Ripeto, è già molto difficile oggi.

“In ogni caso, come dicevo, partiremo dalla necessità di proteggere il più possibile la vita dei civili e dei nostri militari.

“Agiremo in modo consapevole e tempestivo,  senza escludere decisioni difficili ”. 

Si possono dire tre cose. In primo luogo, il ritiro da Kherson è stato deciso per ragioni operative. La sua logica è impedire qualsiasi tentativo delle forze ucraine e dei mercenari stranieri di interrompere i lavori in corso per reclutare personale militare addestrato in gran numero (per un totale di quasi 400.000 soldati compresi i volontari) per aumentare gli schieramenti in Ucraina.

Secondo, il Cremlino ha prestato particolare attenzione per effettuare un “atterraggio morbido” per l’amara decisione di lasciare la città di Kherson, che è incisa nella psiche nazionale russa come parte dell’eredità storica di Caterina la Grande. È interessante notare che le reliquie storiche della Russia imperiale nella città di Kherson sono state meticolosamente messe fuori servizio e portate via per essere conservate al sicuro.

L’opinione pubblica russa ha ampiamente accettato la decisione del comando militare, compresi gli “estremisti” dell’establishment come il leader ceceno Ramzan Kadyrov e il gruppo Wagner di appaltatori militari russi. Questo non è stato il caso del ritiro a Kharkov a settembre.

Tre, il più importante, l’intenzione è prevenire qualsiasi minaccia alla Crimea in termini di sicurezza, comunicazioni, acqua, ecc. Le forze russe in ritirata hanno distrutto due grandi segmenti del  ponte Antonivka che  collega la città di Cherson con la riva orientale del Dnepr. Il Dnepr di fatto diventa la “zona cuscinetto” nella regione di Kherson con il 60% del territorio dell’oblast sotto il controllo russo.

Ponte Antonovka sul fiume Dnepr

Andando avanti, prima di tutto, si tratta di un ritiro tattico. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che Kherson rimane una parte della Russia. Ciò implica l’obbligo di recuperare la città di Kherson, poiché le operazioni militari speciali continuano.

In secondo luogo, il comando militare russo non sta contemplando alcuna operazione verso Odessa a breve termine. La priorità sarà il completamento dell’operazione per stabilire il pieno controllo della regione del Donbass (che era l’obiettivo iniziale dell’operazione speciale) e della regione di Zaporozhye (importante per la sicurezza del ponte terrestre che collega la Crimea con l’entroterra russo. ) A Donetsk proseguono intensi combattimenti.

In terzo luogo, a dire il vero, ci sono segnali incipienti di un cambiamento nel pensiero all’interno dell’amministrazione Biden verso il dialogo e le negoziazioni. Non è chiaro quanto siano autentici. 

Secondo la CNN e il New York Times , l’amministrazione Biden è divisa. Le indicazioni suggeriscono che il Pentagono stia spingendo per le trattative. Secondo la CNN , il generale Milley, presidente del Joint Chiefs of Staff, ritiene che i tempi siano maturi per una soluzione diplomatica mentre i combattimenti si avviano verso una pausa invernale, mentre il segretario di stato Antony Blinken e il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan, entrambi ardenti neocon, rimanere scettico.

I russi in gran parte tengono i loro pensieri per se stessi, ma stanno arrivando anche alcuni segnali. L’ambasciatore russo a Washington Anatoly Antonov ha dichiarato in un’intervista a Izvestia , pubblicata venerdì che “trovo ingenuo presumere, a giudicare solo dalle fughe di notizie dei media, che sia in corso qualsiasi trasformazione negli approcci per riportare le relazioni russo-americane su una nuova strada. La nostra relazione sta affrontando una profonda crisi e non c’è ancora luce alla fine del tunnel”.

Il viceministro degli Esteri Sergey Ryabkov ha dichiarato venerdì che non sono previsti incontri a livello di ministro degli Esteri tra Russia e Stati Uniti a margine del G20 a Bali. Peskov ha affermato  che “Il conflitto in Ucraina può essere concluso dopo aver raggiunto i suoi obiettivi (delle operazioni militari speciali) o raggiungendo gli stessi obiettivi attraverso negoziati pacifici, il che è anche possibile. Kiev non vuole negoziati. L’operazione militare speciale continua”.

Agli occhi dei russi, fino a che punto l’amministrazione Biden è disposta a fare pressione su Kiev è il punto controverso. Ryabkov ha affrontato questo aspetto cruciale :

“Posso ribadire che siamo aperti al dialogo senza alcuna precondizione. E siamo pronti da tempo. Su istruzione dei suoi patroni occidentali, Kiev interruppe il dialogo che in generale procedeva e un certo documento era in lavorazione. Ora queste sono cose del passato. E ciò che verrà dopo non dipende più da noi.

“Posso certamente condividere la mia opinione qui che se Kiev ricevesse un ordine da alcune capitali, forse ci sarebbero maggiori possibilità per un tale dialogo. Ma poi di nuovo, qui non abbiamo ostacoli e non dovrebbero esserci presupposti per il dialogo”.

La grande domanda è se l’offensiva russa, che dovrebbe iniziare tra novembre e dicembre, andrà avanti o meno. Come  ha concluso un’analisi della CNN  , “Il successo a Kherson potrebbe anche concedere una tregua alle unità ucraine esauste … Ma la Russia ha un sacco di armi e decine di migliaia di truppe appena mobilitate da inviare in battaglia, e la sua campagna contro le infrastrutture ucraine ha lasciato energia e forniture idriche appese a un filo in molte regioni. L’Ucraina sta lentamente ricevendo difese aeree avanzate dai donatori occidentali, ma ha una vasta area da difendere”.

DI MK BHADRAKUMAR | PUNCHLINE INDIANO | 12 NOVEMBRE 2022

Amici e Lettori di Database Italia, Abbiamo Bisogno del Vostro Sostegno

Related Posts