il-museo-d’israele-diventa-interattivo-grazie-a-juniper-networks

Il Museo d’Israele diventa interattivo grazie a Juniper Networks

Grazie alla soluzione basata su AI il museo inizia il suo percorso di engagement digitale dei visitatori

Il Museo d'Israele diventa interattivo grazie a Juniper

Il Museo d’Israele, la maggiore istituzione culturale di Israele e uno dei più importanti musei di arte e archeologia del mondo, ha scelto una soluzione enterprise Juniper basata sull’intelligenza artificiale per coinvolgere digitalmente i visitatori con esperienze wireless interattive e personalizzate sull’intera area del museo.

Il museo, che accoglie oltre 800.000 visitatori all’anno, ospita opere che vanno dalla preistoria ai nostri giorni e vanta la più completa raccolta al mondo di reperti archeologici relativi alla Bibbia e alla Terra Santa. La collezione comprende oltre 500.000 pezzi, tra cui i Rotoli del Mar Morto. La direzione del museo desiderava aumentare l’appeal per i visitatori migliorando la connettività wireless e arricchendo l’esperienza digitale con esperienze personalizzate su misura di ogni singolo utente in base alla propria posizione all’interno del museo. Allo stesso tempo, la direzione voleva migliorare le comunicazioni WiFi per lo staff sia per supportare il loro lavoro sia per migliorare l’esperienza offerta ai visitatori.

Principali risultati

La rete wireless Juniper, basata su Mist AI, ha reso possibile una serie di vantaggi operativi:

  • Mist AI semplifica la gestione della rete, permettendo al museo di implementare strategie di digital engagement senza aumentare il carico di lavoro di supporto IT. Il museo utilizza l’AI per individuare rapidamente i problemi e scoprirne le cause fornendo raccomandazioni predittive e correzioni proattive.
  • Il Museo d’Israele ha installato Access Point Wireless Juniper che lavorano in unione con gli insight generati dall’AI e aspettative personalizzabili di livello di servizio, permettendo al museo di offrire esperienze di uso della rete dinamiche e di qualità ai visitatori e al personale. Negli Access Point Wireless Juniper convergono le tecnologie WiFi 6, virtual Bluetooth LE e IoT per semplificare la personalizzazione delle esperienze in base alla posizione dell’utente all’interno del museo. La tecnologia vBLE elimina la necessità di beacon alimentati a batteria, rendendo i servizi di localizzazione indoor più accurati e semplici da implementare su larga scala.
  • Il servizio cloud Juniper Mist User Engagement giocherà un ruolo fondamentale per gli ulteriori sviluppi della strategia di digital experience.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *