in-bergamasca-e-allarme-furti-in-farmacia:-17-in-tre-mesi,-la-mappa-dei-colpi-–-bergamonews

In Bergamasca è allarme furti in farmacia: 17 in tre mesi, la mappa dei colpi – BergamoNews

Bergamo. La zona più colpita è per distacco la Bassa Bergamasca, con 5 furti a Romano di Lombardia, 2 a Bariano e Calvenzano, 1 a Caravaggio, Covo e Misano Gera d’Adda. Altri 4 furti sono stati messi a segno tra la città e l’hinterland: 2 a Bergamo, 1 ad Alzano Lombardo e Dalmine. Un colpo anche a Caprino Bergamasco e Sedrina. 

In totale sono 18 ai danni delle farmacie della provincia, 17 concentrati tra il mese di agosto e la prima settimana di novembre. “In un breve lasso temporale si è registrato un incremento importante del fenomeno”, osserva il prefetto Enrico Ricci. Motivo per il quale giovedì (17 novembre) è stata convocata una riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica al quale hanno partecipato i vertici delle forze di polizia, il presidente di FederFarma Bergamo Giovanni Petrosillo e il vicesindaco del Comune Sergio Gandi.

“In diversi casi sono state accertate condotte seriali dei responsabili”, spiegano dalla Prefettura. Il bilancio delle forze dell’ordine parla di 4 persone arrestate, 6 denunciate. A finire per ultimo in manette un 18enne marocchino incensurato, O.R., fermato la notte dell’8 novembre a Bariano. I carabinieri, allertati da alcuni cittadini per i rumori sospetti provenienti dalla farmacia, lo hanno trovato nascosto sotto un’auto parcheggiata. Secondo quanto ricostruito dai militari del comando di Treviglio, sono entrati in azione in tre. Dopo aver sfondato la vetrina con una griglia, hanno prelevato 150 euro dalla cassa e 250 euro in monete dal distributore di medicinali. Il giovane, processato per direttissima, è stato condannato a 9 mesi (con pena sospesa) e 350 euro di multa.

La settimana prima, altri due ragazzini sono stati colti in flagrante dai carabinieri all’interno della farmacia Aiolfi di Romano: si tratta di due maghrebini di 17 anni senza fissa dimora. Un altro colpo, stavolta sventato, dopo i tre messi a segno tra Calvenzano, Caravaggio e Misano 24 ore prima, la notte di Halloween, con modalità praticamente identiche: i ladri hanno forzato porte e saracinesche con dei piedi di porco. Una volta entrati, hanno puntato al registratore di cassa, arraffando solo monete e banconote di piccolo taglio.

Per cercare di arginare il fenomeno, ai gestori delle farmacie è stato chiesto di predisporre “misure di difesa passiva”, come per esempio gli “sportelli notturni” e l’installazione di impianti di videosorveglianza, in modo da consentire la tempestiva acquisizione delle immagini e risalire così agli autori del reato. Altro consiglio è quello di implementare la tenuta dei sistemi di allarme, possibilmente collegati alle Centrali operative in modo da consentire l’attivazione immediata delle forze dell’ordine.

© Riproduzione riservata

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!

Related Posts