in-che-modo-i-marketplace-stanno-alimentando-l'economia-circolare

In che modo i Marketplace stanno alimentando l'economia circolare

Le aziende non possono avere successo da sole: devono unirsi per creare una nuova struttura fatta di catene del valore interconnesse

marketplace

Il mondo sta iniziando a capire che non è sostenibile utilizzare le risorse una sola volta per  poi gettarle. Eppure, solo l’8,6% dei materiali estratti dalla terra finisce per tornare nell’economia per un secondo utilizzo.

Questo avviene perché la maggior parte delle aziende si basa su modelli lineari: prendere, produrre, sprecare. Dare alle aziende e ai consumatori gli strumenti per adottare pratiche più “circolari” – di riduzione, riparazione, riciclaggio – non è un compito da poco. In tutta l’economia, creatori e dirigenti lungimiranti stanno facendo proprio questo.

La spazzatura di una persona è il tesoro di un’altra

La spinta verso pratiche commerciali sostenibili sta creando connessioni insolite tra le industrie, in quanto i rifiuti di uno diventano il punto di partenza per un altro. Prendiamo l’esempio di Biasol, una startup alimentare che produce alimenti da forno e per la colazione e che funziona con Stripe. I suoi fondatori hanno visto un’opportunità nascosta nel boom della birra artigianale negli ultimi dieci anni. “Perché dobbiamo importare i semi di chia? Ci sono molte fibre e proteine ​​nel grano esausto dei birrai, esattamente il grano che buttano via. Abbiamo visto in questo un’opportunità per riciclarlo e creare cibo davvero nutriente. L’avvio dell’attività su Stripe ci ha permesso di essere pagati rapidamente, di gestire il nostro flusso di cassa e di rendere la vita più facile all’intera catena di fornitura”, ha affermato il co-fondatore Ruairi Dooley.

L’azienda di moda responsabile RÆBURN, meglio conosciuta per aver trasformato i paracadute militari in indumenti, è stata fondata su una filosofia simile ed è cresciuta a livello internazionale con Stripe. Il fondatore Christopher Raeburn si concentra sulla riduzione dell’immissione di nuovi materiali, sul rifacimento di oggetti esistenti e sul riciclaggio. “Bisogna iniziare in modo semplice e mantenere le cose che si hanno già in circolazione”, ha dichiarato Raeburn. “Al momento abbiamo accesso a migliori materiali riciclati e rigeneranti, quindi la sfida è trovare nuovi flussi di rifiuti e localizzarli a livello globale”.

Il riciclaggio dei materiali di scarto e la costruzione di catene di approvvigionamento sostenibili su larga scala richiederanno nuove infrastrutture finanziarie e tecnologiche. Laddove domanda e offerta non corrispondano, è probabile che i marketplace online svolgano un ruolo fondamentale nel collegare acquirenti e venditori, consentendo l’emergere di modelli di approvvigionamento sostenibili.

“Le aziende non possono avere successo da sole: devono unirsi per creare una nuova struttura fatta di catene del valore interconnesse”, ha affermato Kristin Hughes, Direttore della circolarità delle risorse al World Economic Forum.

Dal possesso all’affitto

Man mano che gli schemi del settore cambiano, il comportamento dei consumatori si sta evolvendo verso modelli di consumo più sostenibili.

La condivisione e il noleggio sono due esempi fiorenti. Stripe ha registrato un aumento del 550% del denaro speso per l’affitto di abbigliamento, attrezzature e strumenti nei primi tre trimestri del 2022, rispetto allo stesso periodo del 2019. I maggiori mercati del noleggio di abbigliamento, ovvero Stati Uniti, Regno Unito e Australia, sono cresciuti rispettivamente del 1.000% , 3.500% e 5.000%.  Rispetto a soli tre anni fa, migliaia di attività di locazione di vestiti operano su Stripe in questi mercati.

“Si tratta di convenienza e fiducia”, ha affermato Ola Lowden, fondatore di Omocom, azienda che fornisce assicurazioni per la shared economy e le piattaforme di noleggio. “Le persone stanno diventando più aperte all’affitto delle loro cose, perché le piattaforme lo rendono facile e aiutano a controllare i rischi”.

Con il peggioramento delle condizioni economiche, l’affitto e la condivisione sono destinati a diventare ancora più allettanti, sia come alternativa conveniente all’acquisto, sia come fonte di reddito.

“Non è un caso che AirBnB sia stata fondata nel 2008”, ha affermato Lowden. “In condizioni economiche difficili, le persone saranno più incentivate a noleggiare oggetti o a monetizzare le cose di valore che possiedono”.

La chiusura del cerchio

Gli utenti di Stripe includono marchi originariamente circolari come Depop, Vinted e Fat Llama, nonché nomi affermati come Zara e H&M, che si stanno evolvendo da modelli lineari a sistemi più circolari.

“Il vecchio sistema non offre ai marchi un modo per evolversi senza una conseguente crescita delle emissioni. Noi aiutiamo a creare nuovi modelli di business in cui i brand possano rivendere qualcosa più volte e ottenere più valore da ogni articolo che producono”, ha spiegato Andy Ruben, fondatore di Trove, che utilizza Stripe per creare piattaforme di resell per Patagonia, Lululemon e altri.

URBN, che possiede marchi come Urban Outfitters e Anthropologie, ha lanciato la sua piattaforma di moda circolare, Nuuly, nel 2019. Nuuly combina una piattaforma di noleggio, che ospita 300 marche diverse, con un marketplace di rivendita peer-to-peer, alimentato da Stripe, che prolunga il ciclo vitale dei capi oltre l’affitto.

“La maggior parte dei consumatori e delle aziende vuole fare ciò che è giusto per l’ambiente. La cosa difficile è trovare un modello di business circolare che sia finanziariamente sostenibile. Abbiamo visto che il noleggio di abbigliamento sarebbe diventato una parte più importante nel consumo, quindi abbiamo raddoppiato il potenziale di Nuuly, lanciando un marketplace di rivendita basato su Stripe”, ha dichiarato Dave Hayne, Chief Technology Officer di URBN.

I consumatori non sono gli unici a ottenere benefici dagli oggetti usati. Nell’industria automobilistica, i meccanici necessitano di un elenco di costose attrezzature specializzate per completare riparazioni complesse. Per aiutare le officine a limitare i costi e operare in maniera più sostenibile, Toyota ha recentemente lanciato una piattaforma chiamata Mechacomi, che consente di scambiare strumenti già usati anziché lasciarli a prendere polvere.

Motivi per essere ottimisti

Le pratiche circolari fanno bene all’economia e al pianeta, e di questo aziende e consumatori stanno prendendo atto. Il World Economic Forum calcola che la transizione verso modelli più sostenibili potrebbe generare 4,5 trilioni di dollari di produzione economica aggiuntiva entro il 2030. Ma rendersi conto di questo potenziale richiederà cambiamenti radicali sul modo in cui produciamo e consumiamo.

“Un’economia veramente circolare sarà quella in cui nulla viene buttato e in cui i materiali esistenti fluiscono attraverso le industrie quasi senza sprechi”, ha affermato Hughes. “Ma senza un approccio coordinato, le nostre ambizioni di circolarità supereranno di gran lunga le capacità del mercato di tenere il passo”.

Related Posts