isola-budelli,-il-guardiano-solitario-sfrattato-dopo-32-anni

Isola Budelli, il guardiano solitario sfrattato dopo 32 anni

Mauro Morandi, guardiano dell’Isola di Budelli ha vissuto da solo per 32 anni. Ora è costretto a lasciare l’isola

Mauro da Budelli
Mauro Morandi per 32 anni unico guardiano dell’isola di Budelli

Tutto iniziò nel 1989 e un po’ come Cristoforo Colombo che voleva arrivare in India e invece arrivo negli Stati Uniti, così Mauro Morandi che voleva andare in Polinesia arrivò invece a Budelli, nell’arcipelago de La Maddalena e qui ci restò per 32 anni. Ora il guardiano che ha vissuto sempre da solo in questo paradiso disabitato, a 82 anni se ne va, sfrattato dalle autorità locali.

La sua storia è famosa in tutto il mondo, è stato rinominato il Robinson Crusoe d’Italia, e chiunque in questi ultimi 30 anni sia transitato per la meravigliosa isola di Budelli ha avuto il piacere di conoscerlo. Tanto che qualche anno fa una raccolta firme a cui aderirono migliaia di persone evitò che Morandi venisse cacciato dalla sua isola. Questa volta però è lui stesso ad accettare e fare le valigie: ‘mi sono rotto’ ha scritto sul suo seguitissimo account instagram.

L’isola di Budelli: un paradiso incontaminato

L’isola di Budelli fa parte dell’Arcipelago della Maddalena, a nord est della Sardegna appena davanti il porto di Palau, a due passi dalla Costa Smeralda . Si tratta di un Parco Nazionale eppure appena qualche anno fa questa spettacolare isola famosa in tutto il mondo per la sua sabbia rosa era finita nelle mani di un ricco neozelandese. L’isola era infatti finita all’asta e il neozelandese Michael Harte se la accaparò. Fortunatamente nel 2016 il Tribunale di Olbia restituì l’isola al Parco.

Il piccolo isolotto, misura appena 1.6 km quadrati, vanta una vegetazione tipicamente mediterranea fatta per lo più di bassi arbusti e piante aromatiche della zona come il mirto e il ginepro. E bagnata da un mare cristallino e la sua costa si presenta con un’alternarsi di piccole cale. Quello che la rende celebre è la Spiaggia Rosa. Questa spiaggia è formata da frammenti di conchiglie.

“Questa spiaggia è al 90 per cento di carbonato di calcio, quasi uguale alle spiagge delle isole coralline, la cui percentuale è 100 per 100 – aveva spiegato Morandi un’intervista di qualche tempo fa a Lifegate – sono nell’unico luogo nel Mediterraneo praticamente identico alla Polinesia, dove ero diretto”.

Negli anni i turisti hanno danneggiato l’ecosistema dell’isola, così per tutelare l’ambiente è vietato accedere all’isola. Anche il transito delle imbarcazioni è limitato.

Come si vive da soli sull’isola di Budelli: la storia di Mauro

Quando Morandi arrivò da Modena dove viveva a Budelli nell’estate del 1989 non c’era niente sull’isola. Solo una costruzione risalente alla Seconda Guerra Mondiale, adibita a casa per il custode. E proprio quella è stata la sua dimora per questi 30 anni. Dal 1989 Mauro Morandi ha scelto di vivere isolato dal mondo. Il suo compito era quello di controllare che non arrivassero intrusi sull’isola e che non scoppiassero incendi.

“Faccio ogni giorno, se il meteo lo consente, esercizio fisico e poi giro continuamente e scatto foto per raccontare l’isola e ciò che vedo. Per le cose pratiche, tipo la spesa, grazie ad amici mi arriva il necessario una volta ogni 15 giorni. Non vedo nessuno, non ho rapporti che non siano telefonici”. Intanto un anno fa gli è stato portato un gattino a fargli compagnia. Il suo account instagram è seguitissimo, oltre 70 mila follower, con i suoi spettacolari scatti dell’isola.

La solitudine non gli è pesata in questi 32 anni. Intanto perché a fargli compagnia per buona parte della vita c’è stata sua moglie, venuta a mancare qualche anno fa, e poi perché Mauro non ha particolare simpatia per gli altri che considera distruttori dell’ambiente e della natura.

L’addio di Mauro all’isola di Budelli

Nel 2016 il Parco Nazionale della Maddalena dispone la ristrutturazione della casa dove vive Mauro Morandi, per farlo tentano di sfrattare il custode, ma le petizioni riescono a farlo restare lì. Ora però Mauro ha ceduto. Avrebbe voluto restare, ma non c’è verso. Lui ha rivelato di voler continuare a fare il custode, anche gratuitamente, ma non si può assumere personale di più di 81 anni. Nemmeno volontario.

Così Mauro deve lasciare la sua Budelli. Lo fa a malincuore sebbene il vento freddo dell’inverno e i problemi con il frigorifero iniziano a pesargli. Lo aspetta un appartamento nella ‘caotica’, per i suoi gusti, isola de La Maddalena, la più grande e abitata dell’arcipelago.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *