julia-elle,-disperatamente-mamma:-il-caso-dei-figli-e-le-accuse-dell'ex

Julia Elle, Disperatamente mamma: il caso dei figli e le accuse dell'ex

Redazione 07 novembre 2022 13:02

Bufera su Julia Elle. L’influencer meglio conosciuta come Disperatamentemamma ha costruito uno dei personaggi più amati nel mondo del web, merito non solo della sua simpatia, ma anche della storia strappalacrime con l’ex compagno padre dei suoi figli. L’uomo l’avrebbe lasciata durante le sue due gravidanze, una relazione tormentata che Giulia ha trasposto in un libro diventato ben presto un best-seller, che l’ha resa un volto noto con sponsorizzazioni da migliaia di euro. Dopo 5 libri, un grande successo, ospitate in tv, tutto quello raccontato sinora potrebbe non essere vero. A parlare dopo anni di silenzio è Paolo Paone, ex di Giulia e padre dei suoi due figli, che racconta tutta un’altra versione dei fatti. Soprattuto l’uomo sostiene di non essere il padre biologico del secondogenito, Chris.

La storia di Giulia

Ma andiamo per gradi e ricapitoliamo la complicata vicenda di questa famiglia. L’influencer del suo primo libro autobiografico ha raccontato la sua storia di resilienza, che ha conquistato tutti. Giulia ha asserito di essere stata abbandonata dal compagno Paolo quando la prima figlia Chloe era piccola (“Non mi amava più”, scrive nel libro), di essere stata costretta a crescere la bambina da sola e di essere stata abbandonata una seconda volta dopo la notte di passione, in cui è stato concepito Chris, il secondogenito.”Un bicchiere di troppo e abbiamo fatto Chris. Giuro. E va benissimo così perché non potrei vivere senza il mio polpetta adorato”.

Giulia ha cresciuto i due bambini da sola, fino alla conoscenza con l’attuale compagno Riccardo, da cui è nata la terzogenita, Chiara. Per anni la community di Disperatamente mamma ha attaccato Paolo, che pur compariva in alcuni video di Giulia, per averla abbandonata con due figli. L’uomo tuttavia nel weekend ha rotto il silenzio.

La versione di Paolo 

Paolo Paone, produttore musicale e digitale che da anni collabora con Francesco Facchinetti, ha raccontato su Instagram la sua storia, rivelando – a sorpresa – di non essere il padre di Chris e di avere assecondato la 34enne nel suo racconto mediatico: “Non ho mai fatto proclami sui social ma, oggi, in considerazione del fatto che alcuni aspetti della mia vita privata hanno assunto connotati pubblici, mi vedo costretto a questa dichiarazione così da fare chiarezza e sciogliere alcuni spiacevoli equivoci che mi vedono, mio malgrado, coinvolto. Scelgo, pertanto, di rispondere, pubblicamente, una volta per tutte, agli interrogativi che mi vengono continuamente posti circa il fatto che io sarei/sarei stato un padre manchevole nei confronti del mio secondo genito. Purtroppo, per quanto io possa infinitamente amare Chris, non mi viene permesso di vantare alcun diritto nei suoi confronti poiché non sono il suo padre biologico”. A stretto giro è arrivata anche l’endorsement di Francesco Facchinetti, che ben conosce la storia di Julia Elle e l’ex compagno: “Paolo è un uomo, un padre che vuole e deve essere tutelato. Paolo è un bravo papà che si è preso responsabilità che poteva anche non prendere E’ arrivato il momento di raccontare la verità e di fare in modo che Paolo possa continuare a fare la cosa che ama e ha scelto di fare: il padre”, ha scritto Facchinetti su Instagram in difesa del collaboratore.

Giulia ribatte 

Dopo il polverone mediatico sollevato nelle scorse ore Julia Elle è intervenuta sui social a fare chiarezza. Il volto del web ha rispedito le accuse al mittente, incolpando Paone di violenze e soprusi: “Volevo tutelare i miei figli, ma a questo punto devo dire la verità. Quello che ho raccontato nei miei libri è una versione che non voleva mettere nelle mani di chiunque la complessità e le fatiche che la storia di Chloe e Chris porta con sé. Il padre di Chloe è sempre stato violento e ci ha fatto vivere un inferno, finché non siamo riuscite a scappare”. L’influencer ha parlato di insulti, urla e addirittura minacce di morte e proprio dopo un episodio al limite si sarebbe decisa a lasciare l’uomo rivolgendosi ad un centro anti-violenza: “Mi ha puntato un coltello da cucina alla gola e guardando Chloe ho capito che se lo avesse fatto davvero non avrei più potuto difenderla”.

Quanto al contenuto dei libri pare sia stato concordato con lo stesso Paone: “Sapeva che la versione dei libri era all’acqua di rose e a lui andava bene, l’avevamo concordata. Per lui era assicurarsi che la verità non venisse mai fuori, per me era tutelare Chloe”. Del tutto diversa invece la storia del piccolo Chris. “È nato da un altro uomo che ha scelto di non essere padre. I bambini conoscono la loro storia, Riccardo, i miei amici e la mia famiglia conoscono tutto”. A riprova delle sue parole l’influencer ha pubblicato alcuni scambi di messaggi con l’ex compagno risalente alle scorse ore, nei quali l’uomo usa parole durissime e violente.

Related Posts