la-campagna-elettorale-del-sindaco-di-milano-sala

La campagna elettorale del sindaco di Milano Sala

Presentato il programma della campagna elettorale con i suoi quattro pilastri: semplificazione, verde, mobilità sostenibile e welfare.

Sindaco Milano

“Il centrosinistra non ascolterà le sirene di chi vuole un ritorno al passato”, l’annuncio del sindaco Sala, dopo aver svelato i quattro punti focali della sua campagna: semplificazione, verde, mobilità sostenibile e welfare.

Campagna elettorale Sala: il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr)

La svolta decisiva arriverà grazie al denaro del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr): 18 miliardi di euro in sei anni.

Il sindaco dichiara “Avremo l’opportunità di ripensare la città, con tante risorse e procedure più semplificate. Abbiamo tre caratteristiche: la prima è l’incorruttibilità. Gli ultimi dieci anni hanno dimostrato che non c’è stata una sola accusa di corruzione nei nostri confronti, non solo nei miei. Milano non ha bisogno di governanti che rispondano a qualche potentato che l’ha eletto e che è stato scelto da altri, qualcuno che non potrebbe garantire indipendenza.

Io sono la prova. Sono indipendente e continuerò ad esserlo, non ho tessere di partito“.

Campagna elettorale Sala: la capacità del centrosinistra

Sala si elogia “Siamo stati capaci di scaricare la messa a terra di una massa di progetti importanti”. Il claim scelto per la sua campagna è una Milano “sempre più sé stessa”. Inoltre, Sala scredita il centrodestra, il quale vuole dare un’immagine di una città depressa. Ma dobbiamo essere consapevoli che tutte le volte che Milano rischia di fermarsi, smette di essere sé stessa”.

Per questo il primo cittadino ha creato i quattro pilastri per costruire l’amministrazione dei prossimi cinque anni: una “Milano sempre più semplice” per riannodare il rapporto col territorio per mezzo della “città in 15 minuti che non significa perdere la vitalità della città ma significa fare in modo che le domande dei cittadini trovino risposte vicino casa”. E una “Milano sempre più verde” con l’impegno di cambiare i nostri stili di vita.

Inoltre, sembrava doverosa una “Milano sempre più connessa” grazie ai mezzi di trasporto pubblico green e una “Milano sempre più giusta”, affermando “Non esistono più le periferie ma i quartieri”.

Se verrà riconfermato, Sala ha dichiarato “Assumerò 500 vigili urbani che staranno in strada, anche se i dati sui crimini vanno tutti in direzione della diminuzione, non voglio ignorare il problema della sicurezza”. Per concludere il quinto punto della campagna del sindaco ricandidato: “Milano sempre più internazionale” passando “da capitale del forzaleghismo a una metropoli aperta”.

La fiducia di Sala nella sua campagna elettorale

Sala è fiducioso sull’esito della campagna elettorale: gli ultimi sondaggi lo vedono in avanti di nove punti sullo sfidante Bernardo. Beppe Sala conclude “Ai miei sto dicendo: non vi dico che vinceremo, vi dico cosa fare per vincere. Guardo i sondaggi con la giusta attenzione, cerco anche di capire gli umori della gente. Penso che la gente abbia bisogno non di essere scioccamente rassicurata ma di sapere che in un momento cruciale per la storia della città persone capaci incorruttibili e con esperienza la possono guidare“.

LEGGI ANCHE: Comunali 2021: i candidati del Centrosinistra per i Municipi

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *