la-casta-senza-vergogna:-il-senato-ha-deciso-di-restituire-il-vitalizio-al-corrotto-formigoni

La casta senza vergogna: il Senato ha deciso di restituire il vitalizio al corrotto Formigoni

Il condannato in via definitiva per corruzione Roberto Formigoni tornerà a ricevere il vitalizio. La commissione contenziosa del Senato, presieduta da Giacomo Caliendo (Forza Italia) ha infatti annullato la delibera Grasso che prevedeva la sospensione del vitalizio a causa delle condanne. Secondo l’Adnkronos la sua decisione, non riguarderebbe solo Formigoni, ma avrebbe valenza erga omnes, comprendendo anche il caso di Ottaviano Del Turco, l’ex governatore condannato per le mazzette nel caso della sanitopoli abruzzese, che così potrebbe “recuperare” il vitalizio sospeso. Le motivazioni della decisioni saranno depositate stasera. Come anticipato da il Fatto quotidiano nei giorni scorsi, proprio la decisione su Formigoni era strettamente legata a quella di Del Turco.

Formigoni è ai domiciliari dal 22 luglio 2019: è uscito dopo 5 mesi di carcere e doveva scontare in totale 5 anni e 10 mesi. L’ex presidente della Regione, ritenuto colpevole nell’ambito del processo Maugeri-San Raffaele, era andato in carcere a febbraio 2019 dopo la pronuncia della Cassazione, che aveva sancito in via definitiva la sua condanna per corruzione con i soldi fuoriusciti dalla casse dell’istituto Maugeri di Pavia e dell’ospedale San Raffaele di Milano. Il 17 settembre scorso la Corte dei Conti della Lombardia ha condannato in solido l’ex presidente della Regione, gli ex vertici della Fondazione Maugeri, Umberto Maugeri e Costantino Passerino, la Fondazione stessa, il presunto faccendiere Pierangelo Daccò e l’ex assessore Antonio Simone, al risarcimento di un danno erariale di quasi 47,5 milioni per il caso Maugeri a favore della Regione Lombardia.

L’ex governatore della Lombardia aveva presentato un ricorso contro l’annullamento del vitalizio maturato come senatore. In serata dovrebbero uscire le motivazioni della decisione. “Una decisione giusta, che pone rimedio ad un errore clamoroso”, ha detto all’agenzia Adnkronos. L’ex presidente ha detto di aver raccolto la decisione “senza nessuna particolare reazione” perché “ero convinto del mio diritto; per cui ringrazio che si sia posto rimedio ad un errore clamoroso, non solo nei miei confronti, ma anche neri confronti di tanti”.

La decisione dovrebbe riguardare anche Del Turco. A confermarlo è l’avvocato dell’ex presidente Maurizio Paniz: “Ora l’Ufficio di presidenza del Senato dovrebbe prendere atto della decisione della Commissione Contenziosa e disporre la prosecuzione del pagamento del vitalizio all’ex senatore Del Turco, altrimenti sarà la stessa Commissione a disporlo, essendo già stato presentato il relativo ricorso. Spero anche che l’annullamento della delibera Grasso, venga recepito dagli organi giurisdizionali della Camera per eliminare l’omologa delibera Boldrini, impugnata dal alcuni ex parlamentari, tra cui l’ex ministro De Lorenzo che io assisto”. Delibera, ricorda Paniz, che l’ex ministro napoletano “ha impugnato oltre quattro anni fa…”.

L’articolo La casta senza vergogna: il Senato ha deciso di restituire il vitalizio al corrotto Formigoni proviene da Il Fatto Quotidiano.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *