la-conferenza-di-fine-anno-della-premier-giorgia-meloni-–-la-diretta

La conferenza di fine anno della premier Giorgia Meloni – La diretta

La definisce una conferenza di “inizio mandato”, rivendica i passi compiuti – primo fra tutti l’approvazione della legge di bilancio – e guarda al futuro a iniziare dalla riforma del mercato del lavoro e dal Pnrr rimarcando la solidità della sua maggioranza. La premier Giorgia Meloni oggi, 29 dicembre, si presenta così alla conferenza stampa di fine anno organizzata dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti in collaborazione con l’Associazione della stampa parlamentare. La stessa Meloni è iscritta all’Ordine dei giornalisti. E lo ricorda non appena prende la parola: “È anche la mia professione. Ho sempre pensato che la politica dovesse essere un passaggio transitorio”.

“Mi fido dei miei alleati”

L’incontro con la stampa arriva pochi minuti dopo l’ok del Senato alla fiducia sulla legge di bilancio, la prima targata Meloni. Proprio sulla Manovra partono le domande dei cronisti. “Mi fido dei miei alleati al governo. Oltre ai dibattiti naturali in una maggioranza con più partiti, per me contano i fatti. Abbiamo approvato legge di bilancio che non era facile. Avremmo potuto dire ‘scusate siamo appena arrivati e rimandiamo scelte politiche’. Noi abbiamo scelto di fare una Manovra politica. Pur riuscendo a investire gran parte delle risorse sulla priorità che avevamo del caro bollette, siamo riusciti a iniziare a mantenere gli impegni presi. In Consiglio dei ministri l’abbiamo approvata in un’ora. Io ho fatto parte di un altro governo e ricordo dibattiti molto più accesi”.

“Chi ha liberato boss al 41 bis non mi faccia la morale”

Toni pacati da parte della premier, che però lancia accuse ai rivali politici soprattutto quando le domande si spostano sulla giustizia. “Ho sentito – dice Meloni – accuse da chi oggi è opposizione. Io però non mi faccio fare la morale da chi quando era al governo ha liberato i boss al 41 bis con la scusa del contagio Covid. Da chi ha fatto il condono di Ischia e ha fatto quello che abbiamo visto su mascherine e banchi a rotelle oggi al macero”.

Via libera alla Manovra, chi ci guadagna e chi no

“Basta indagati a vita”

Meloni definisce la riforma della giustizia una priorità. Riferendosi all’ordine del giorno approvato dal governo che porta verso l’archiviazione della legge “Spazzacorrotti“, la definisce una norma “di buonsenso. LA prescrizione rimane fondamentale nello Stato di diritto o si rischia un sistema in cui si possono avere indagati a vita per scelte discrezionali. Per la riforma della giustizia serve un governo coraggioso e deciso, ma coraggio e decisione non ci difettano. Questo governo mettendo insieme le anime della maggiornaza ha visione equilibrata materia”.

“Situazione Covid sotto controllo, togliere libertà non funziona”

Passaggio “obbligato” è la domanda sulla nuova allerta Covid, dopo il boom dei casi in Cina. L’Italia, ieri, ha reso obbligatori i tamponi per chi arriva direttamente dal Paese del Dragone. “Oggi – dice Meloni – a situazione è abbastanza sotto controllo. Stiamo monitorando minuto per minuto”.  La premier riporta alcuni numeri: su trenta casi che vengono sequenziati in queste ore, 15 sono Omicron “già presente in Italia, e questo dovrebbe essere abbastanza tranquillizzante”. “Ci siamo mossi subito – ricorda Meloni – ma serve un coordinamento nell’Unione europea. Ritengo utili tamponi e mascherine. Il modello della privazione delle libertà non lo ritengo efficace e lo dimostra molto bene quello che è accaduto in Cina. Lavoriamo prioritariamente sulla responsabilità dei cittadini e non sulla coercizione”.

Covid, i timori per la nuova variante Gryphon e il ritorno dei tamponi: perché torna l’allarme

“Rdc? Non paghiamo chi può lavorare ma non lo fa”

Altro tema è quello del lavoro, partendo dalla stretta al reddito di cittadinanza che ha infiammato il dibattito. “Il lavoro – dice Meloni – lo creano le aziende, lo Stato non può abbattere la povertà per decreto. Noi stiamo lavorando per mettere in condizioni le aziende di assumere. Ci vuole maggiore occupazione, dobbiamo comunque considerare che il mercato del lavoro è cambiato. Bisogna evitare che il lavoro sia fatto in nero. Occorre diversificare le tipologie contrattuale facendo i controlli per evitare distorsioni”.

Meloni ricorda come il governo sul reddito di cittadinanza ha deciso di mantenere le tutele per sette mesi perché “vogliamo affrontare la sfida di trovare posti di lavoro” a chi vuole lavorare. E spiega: “Mentre l’Italia in passato spendeva otto miliardi di euro” per mantenere “persone in grado di lavorare, sempre l’Italia decideva di restituire otto miliardi di euro all’Europa per il fondo sociale europeo. Ora ci sono tredici miliardi per la nuova programmazione e poi i fondi del Pnrr”. “Immagino – prosegue – un meccanismo per il quale quando ci si reca in un centro per l’impiego o in una realtà privata che incrocia domanda e offerta, quel soggetto sia in grado di indicarmi dove è chiesto lavoro e chi mi forma per quel lavoro. Immagino che la formazione sia col fondo europeo e che ci sia volontà di lavorare. Si dice ‘Non voglio un lavoro sottopagato che mi sfrutta’? Sono d’accordo – spiega Meloni -. Se per congruità intendiamo ‘Non considero la mansione offerta all’altezza dei miei studi e delle mie aspettative’ è diverso. Se non accetto un lavoro dignitoso, pagato e tutelato sono libero di farlo ma non posso farlo venendo pagato da chi versa le tasse con un lavoro che ha accettato anche se non era quello dei sogni”.

“Sul Pnrr la staffetta con Draghi ha funzionato”

Capitolo Pnrr. Meloni ricorda il suo predecessore Draghi e parla di “staffetta che ha funzionato”. “Ora – spiega Meloni – entriamo nella parte difficile, trasformare gli obiettivi in cantieri. Abbiamo oltre 120 miliardi di investimenti di opere pubbliche. Stiamo avendo un’interlocuzione con l’Unione europea” sui costi delle materie prime, “e poi c’è il tema della semplificazione” spendere le risorse. “Non + – ribadisce Meloni – un lavoro facile, è la questione a cui stiamo dedicando più tempo.   Dobbiamo utilizzare i fondi del Pnrr per darci delle strategie”. “Facevamo ponti in dieci giorni duemila anni fa – ironizza – Riusciremo a fare le opere”.

“Mai tasse sulla prima casa, è bene sacro”

Meloni risponde ai cronisti e parla delle prossime mosse del suo governo. “L’obiettivo della legislatura – dice – sono i cinque punti di taglio al cuneo fiscale”. E sulla riforma del catasto precisa: “Si può fare una mappatura per migliorare la conoscenza delle costruzioni italiane ma da questo governo non partirà mai un aumento della tassazione sulla casa che considero un bene sacro, non pignorabile”.

“Nessun condono da noi”

È sul tema giustizia e scudo fiscale che il tono di Meloni diventa più piccato. “Confermo – dice – che la mia carriera politica è ispirata a Paolo Borsellino e sono fiera che il primo provvedimento di questo governo sia stato contro la mafia cioè salvare l’ergastolo ostativo e spiace l’atteggiamento dell’opposizione”.

“Non ci sono condoni nella legge di bilancio – rivendica Meloni -. Abbiamo fatto una norma che chiede a tutti di pagare il dovuto, pagare il dovuto con una maggiorazione consentendo una rateizzazione. Le uniche cartelle stralciate sono quelle vecchie più di sette anni e inferiori mille euro, ma perché conviene allo Stato. Costa più la riscossione che lo stralcio”. E attacca: “Spiace non abbiate notato che in Manovra è prevista l’assunzione di 3.900 nuovi funzionari Agenzia delle Entrate e la norma di cui vado fiera contro le contro le aziende ‘apri e chiudi’”.

“Italia non è corruttore d’Europa”

Meloni difende l’Italia sulla narrazione fatta del cosiddetto Qatargate. “Quello che mi innervosisce – dice – è che alcuni colleghi internazionali definiscano i fatti come ‘italian job’. La vicenda non riguarda solo gli italiani, non è una macchia sulla nostra nazione. Il tema riguarda sicuramente una famiglia politica, ma non l’Italia, come se l’Italia fosse il ‘grande corruttore d’Europa’. Lo dico per difendere la dignità dell’Italia di fronte ad attacchi strumentali. Si deve andare fino in fondo senza fare sconti”.

“Blocco navale non è ‘Scateniamo la guerra’”

Il tema migranti e imbarcazioni Ong è stato affrontato dal Governo in un decreto ad hoc. E il tema immigrazione è tra quelli toccati nel corso della conferenza “Il blocco navale – puntualizza Meloni – non è come molti di voi giornalisti lo hanno raccontato. Io non intendo il blocco navale contro la volontà dei Paesi del nord Africa e poi ‘scateniamo la guerra’. Il blocco navale per come lo intendo io è una missione europea per impedire le partenze irregolari”. Secondo Meloni “prima del diritto a emigrare” c’è il diritto “a non farlo. Serve un approccio diverso”.

La premier rilancia l’idea di un “Piano Mattei” per l’Africa: “Con un po’ di risorse spese bene, anche nel nostro Pnrr, si può ragionare con il Nord Africa, ma non solo con il Nord Africa, per produrre l’energia che serve diversificando le fonti di approvigionamento e fare dell’Italia la porta dell’ingresso di questa energia. Serve un approccio non predatorio. Noi non andiamo per portare via qualcosa. Ma per lasciare qualcosa”.

“Situazione in Iran inaccettabile”

“Sono rimasta colpita dalla storia della campionessa di scacchi iraniana che ha partecipato al mondiale togliendosi il velo – dice la premier -. Noi siamo abituati a gesti simbolici che però non hanno conseguenze gravi. Ho concordato con il ministro Tajani la convocazione dell’ambasciatore iraniano per dirgli che quello che sta accadendo è inaccettabile e che non accettiamo tollerarlo oltre. Se non dovessero cessare le repressioni e se non si torna indietro sulla pena di morte a degli innocenti il nostro atteggiamento cambierà e su come cambierà sarà oggetto di una interlocuzione internazionale”. 

Tutte le notizie su Today.it

Related Posts