la-“manina”-italiana-che-traduce-male-il-regolamento-ue-sull’obbligatorieta-del-vaccino

La “manina” italiana che traduce male il regolamento Ue sull’obbligatorietà del vaccino

Spunta di nuovo una “manina” nei documenti italiani. Stavolta su uno che in questo momento è a dir poco fondamentale, soprattutto per il governo, ossia il Regolamento sui vaccini. E in particolare parliamo della sezione relativa all’obbligatorietà dei vaccini. A raccontare come sono andate le cose ci ha pensato Francesco Santoianni su lantidiplomatico.it: “Silenzio tombale dei nostrani media sulla correzione oggi riportata sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea della disinvolta ‘traduzione’ in lingua italiana (effettuata, verosimilmente, da nostri funzionari distaccati nella UE su impulso di qualcuno del nostro Governo) del documento 2021/953 inerente i vaccini”. (Continua a leggere dopo la foto)

Documento che pure riportava la dicitura “è necessario evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone che hanno scelto di non essere vaccinate”. Funzionari che, “visto che le norme emanate dagli Stati membri non possono essere in contrasto con i Regolamenti UE, e che in Italia si è deciso di rendere surrettiziamente obbligatoria la vaccinazione anti-Covid, hanno pensato bene di eliminare la frase ‘o hanno scelto di non essere vaccinate’. È da notare che la mancanza di questa frase è solo nella traduzione in lingua italiana”. (Continua a leggere dopo la foto)

Insomma – scrive Santoianni – un trucco da magliari per rendere inappellabili le roboanti dichiarazioni sulla “obbligatorietà dei vaccini” che ci regalano ogni giorno TV e media. “Alla fine, dopo una serie di ricorsi urgenti, se ne sono accorti i dirigenti della UE che hanno imposto una riscrittura del testo in italiano. Tra l’altro, la solita figuraccia degli italiani all’estero”.

Ti potrebbe interessare anche: A 12 anni finisce in sedia a rotelle dopo il vaccino Pfizer: cosa le è successo

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *