la-nazionalizzazione-del-petrolio-in-due-fasi

LA NAZIONALIZZAZIONE DEL PETROLIO IN DUE FASI

Di Tom LUONGO

Rastrelliera di sangue, filo spinato

Pira funeraria dei politici

Innocenti violentati con il fuoco del napalm

Uomo schizoide del XXI secolo

King Crimson, “Uomo schizoide del 21° secolo”

Mi avete sentito tutti sbraitare sul “Due Passi Straussiano”, che non è altro che una ricostruzione della dialettica hegeliana.

Ecco la definizione formale:

Un metodo interpretativo, originariamente utilizzato per mettere in relazione entità o eventi specifici con l’idea assoluta, in cui ad una proposizione asseribile  (tesi)  si oppone necessariamente una proposizione  (antitesi) altrettanto asseribile e apparentemente contraddittoria),  la reciproca contraddizione essendo conciliata su un livello superiore di verità da una terza proposizione  (sintesi).

Nella politica moderna è usato per creare una falsa realtà affermando qualcosa che è parzialmente vero (nella migliore delle ipotesi) o una verità che tu stesso come persona al potere hai creato.

Nel caso di oggi si tratta di una crisi energetica artificiale in tutto l’Occidente.

Tuttavia, per vedere lo Straussian Two-Step devi lavorare all’indietro. Questo processo non è  una deduzione a priori  o un impeto esaustivo di giornalismo investigativo.

Piuttosto è una conclusione induttiva basata sulla consapevolezza delle motivazioni di coloro che detengono il potere e sul vedere come portano una massa di persone a una conclusione prestabilita. In altre parole, schizo-posting.

Tesi

Quindi, supponiamo che il tuo obiettivo sia legittimare l’acquisizione statale, o fare un altro passo avanti nell’acquisizione statale, di un’industria. Usiamo petrolio e gas per la lezione di oggi.

La prima cosa che fai è creare una crisi che interromperà la fornitura del prodotto che vuoi acquisire. In questo caso, è iniziato con il COVID-19, che ha sconvolto molto più del semplice settore energetico.

Più di 2 milioni di barili al giorno di capacità di raffinazione sono andati persi in tutto il mondo a causa del COVID-19. Data l’attuale ostilità verso le nuove raffinerie (ne parleremo più avanti), quei barili non torneranno.

Non dimenticare che per un “Due Passi Straussiani” così grande dovrai fare il lavaggio del cervello e/o il gaslight a due intere generazioni facendole odiare per il solo fatto di essere ricche, dispendiose, viziate, vive o peggio, semplicemente bianche.

Quindi, sono già pronti a odiare tutte le cose in gioco qui – capitalismo, Big Oil, Banche, Old White Guys (ricchi o poveri) – e fanno arrabbiare i tuoi utili idioti spingendo la loro già tenue presa sulla realtà fino al punto di rottura letterale.

“Non posso nemmeno…” non è la frase più comune pronunciata su Tik-Tok per niente.

Questa è la  parte della tesi  .

Quindi, quando la crisi colpisce grazie all’interruzione del gas naturale, vieti l’acquisto da un determinato paese…

—  Pronto, Vlad? Siamo in un inferno di sottaceti, ti dispiacerebbe invadere l’Ucraina…? Nyet…? Bene, vedremo a riguardo….

— PAGINE MANCANTI DAL RITORNO DEL DR. STRANGELOVE WORKING SCRIPT.

… demonizzi non solo Vlad, ma l’industria stessa per aver truccato i prezzi e depredato durante una guerra.

C’è una parola per questo… faccia tosta.

Antitesi

Com’era prevedibile, allora permetti ai tuoi falsi oppositori politici…

[entra  Cocaine Mitch  dal palco a destra]

… per produrre l’argomento opposto. In questo caso, ovviamente, il contatore è che abbiamo bisogno di mercati liberi per produrre petrolio e gas. Le raffinerie stanno solo rispondendo al mercato.

Quella falsa opposizione, ovviamente, incolpa anche Vlad di questa crisi per assicurarsi che il campione del mercato appaia non solo patriottico ma anche adeguatamente comprato e pagato da Big Oil, Old White Guys, ecc.

Entrambi i lati di questa argomentazione sono stati ora inquadrati a 90 gradi dalla vera fonte del problema, l’intrusione del governo nel flusso di petrolio e gas verso le vostre case.

Questa è una crisi che se lasciata risolta all’ingegno umano e, sì, all’applicazione studiosa dell’avidità, sarebbe finita nel giro di poche settimane poiché le raffinerie chiuse durante il COVID sarebbero tornate online, le catene di approvvigionamento riorganizzate ecc.

Mentre la fase di crisi sarebbe finita rapidamente, il ciclo di investimenti a lungo termine avviato nella raffinazione richiederebbe più tempo per immunizzare strutturalmente il settore contro futuri shock dell’offerta da realizzare.

E se sei abbastanza sciocco da credere che il governo abbia tracciato uno di quei percorsi di investimento sulle loro lavagne bianche nel loro nobile servizio all’umanità, non posso aiutarti…

I prezzi potrebbero non tornare alla normalità per anni, ma il mercato, senza l’intervento di idioti rapaci sia al governo sia che li gestiscano da dietro le quinte, alla fine eliminerebbe quasi completamente l’arbitraggio dall’industria dei combustibili.

Indovina chi vince lì gente? Hai ragione tu. Ma, ancora una volta, ti odi per essere, beh, te stesso.

Una volta che la crisi è arrivata e le basi retoriche gettate dopo mesi passati a ripetere queste bugie sulla causa della crisi –  L’HA FATTO PUTLER –  è facile spostare la conversazione dove vuoi davvero che vada.

Ricorda l’obiettivo. Distruggi il libero mercato, nazionalizza petrolio e gas.

Ciò significa anche preparare la prossima mossa per sbarazzarsi di un altro aspetto del libero mercato concentrandosi sulla crisi attuale. In questo caso teorico, stiamo osservando  i massicci crack spread del diesel delle raffinerie , che alimentano la macchina del moto perpetuo dell’invidia intrinseca del marxismo.

Inoltre, questa situazione è esplosa alla vigilia di un’elezione cruciale per mettere in bocca gli attori della crisi che chiamiamo colloquialmente “membri del Congresso”.

Sintesi

La loro soluzione? Metti le tasse sugli utili inaspettati sulle raffinerie che stanno approfittando dell’uomo comune vulnerabile e bisognoso. Sono malvagi ‘stranitori di prezzo’ accettando le offerte del mercato per i frutti delle loro fatiche, avvenute proprio per aver indotto artificialmente uno shock al sistema.

Nel caso del carburante diesel negli Stati Uniti si tratta chiaramente di una crisi manifatturiera. Il COVID ha portato offline molte raffinerie nel nord-est (PADD-1). E data l’ostilità dell’amministrazione Biden e degli ambientalisti nei confronti dell’industria petrolifera nel suo insieme, come ho accennato in precedenza, quelle raffinerie non torneranno presto online.

Non credermi sulla parola, prendila da  chi possiede le raffinerie.

“Costruire una raffineria è un investimento multimiliardario. Potrebbe volerci un decennio. Non abbiamo una raffineria costruita negli Stati Uniti dagli anni ’70. La mia opinione personale è che non ci sarà mai un’altra raffineria costruita negli Stati Uniti”.

Secondo Wirth, le compagnie petrolifere e del gas dovrebbero soppesare i vantaggi di impegnare capitali tra dieci anni che avranno bisogno di decenni per offrire un ritorno agli azionisti “in un ambiente politico in cui i governi di tutto il mondo dicono ‘non vogliamo questi prodotti da utilizzare in futuro’”.

Perché dovrebbero? Se fossero i tuoi soldi, inizieresti il ​​folle processo per costruire una raffineria di petrolio negli Stati Uniti oggi, anche con crack spread a $ 70+ al barile? Ovviamente no. Nel momento in cui hai presentato il primo modulo di domanda di valutazione dell’impatto ambientale, gli spread potrebbero tornare a $ 20 perché è politicamente vantaggioso per gli “Strussian Two-Steppers” alleviare la pressione per alcuni mesi.

Il governo sta mantenendo il mercato in una discrepanza tra domanda e offerta di proposito. Questa è l’unica conclusione che puoi trarre. Perché se “Biden” volesse risolvere questo problema, non prosciugherebbe l’SPR, annullerebbe le normative sulla raffinazione del petrolio o offrirebbe parte di quei “soldi per le infrastrutture” per aiutare l’industria a ricostruire dopo il COVID.

Non importa quanto ti impegni a salvare il pianeta dai cambiamenti climatici, la civiltà è direttamente a valle della produzione di energia.

Se volesse abbassare i prezzi del gas non cercherebbe di espandere i sussidi ai poveri, assecondando i loro voti, andrebbe al tavolo dei negoziati con Putler e elaborerebbe una soluzione reciprocamente poco appetibile per gli interessi di tutti in Ucraina.

L’offerta alta vince il premio

La domanda di carburante diesel è per lo più anelastica, poiché è semplicemente necessario per la nostra vita quotidiana. Qualsiasi interruzione dell’offerta causerà enormi picchi di prezzo perché le persone cadranno su se stesse facendo un’offerta sul prezzo dell’offerta disponibile per ottenere ciò che possono.

Questa è l’unica cosa  che gli idioti di  sinistra non riescono a capire. I produttori non stanno trattenendo l’offerta e “aumentando i prezzi” in un’economia di mercato aperta. Questa è propaganda. La realtà è che i consumatori fanno aumentare il prezzo per tutto ciò che è richiesto o rifiutano quelle offerte quando il costo/beneficio non è a loro favore.

Non è necessario controllarlo. Le cose sotto shock dell’offerta fluiranno a coloro che hanno i mezzi per fare offerte per loro e i produttori riceveranno il segnale che c’è denaro da fare per aumentare l’offerta. È questo dare e avere che allevia sempre le carenze, a meno che non sia loro consentito farlo perché “regole”.

Come il grande Gary North ci ha detto più e più volte: “È tutto in vendita, l’offerta più alta vince”. Se hai qualcuno da incolpare per un aumento del crack spread del diesel, devi solo guardarti allo specchio. Perché ormai potremmo avere capacità di raffinazione di riserva se non fosse proibitivo, anche a questi prezzi, riportare in linea gli impianti inattivi.

Ricorda, tutto è in vendita e l’offerta alta vince. Ognuno fa l’analisi costi/benefici.

Questa è la dinamica in gioco quando uso il termine  inflazione spinta dai costi.   Una carenza di offerta spinge le offerte per i beni di base per necessità e versare denaro nel sistema attraverso elemosine del governo non fa che accelerare questo effetto.

Il flusso di dollari a basso costo o gratuito verso le cose di cui le persone hanno più bisogno e questa è la principale fonte della nostra inflazione odierna.

Quindi, quando vedi i titoli pieni di allarmismo come se negli Stati Uniti fossero rimasti solo 20 giorni di carburante diesel, questo è alla base delle offerte per una fornitura limitata. I mercati dei futures sono privati ​​del loro potere di coordinare l’offerta nel tempo e i produttori sono bloccati a essere demonizzati da agitprop di bassa qualità da artisti del calibro di AOC e Lizzie Slapaho.

Nazionalizzazione: il prossimo passo

Le tasse sugli utili sono già in arrivo in Germania, il 90% di tutti i profitti è stato tassato allo stato. La produzione di energia, quando la bolletta passerà, sarà nazionalizzata in Germania. La fine della tariffazione razionale dell’energia sarà finita.

La Germania diventerà un altro inferno di sussidi energetici come quello che vediamo in tutto il mondo.

La scelta di fronte alle compagnie energetiche tedesche ora è il destino di Uniper, nazionalizzazione attraverso il salvataggio, o rimanere “privati” ma su un modello di business cost-plus imposto dal governo i cui profitti non supereranno mai la curva di ammortamento.

Oggi negli Stati Uniti i Democratici stanno spingendo per la completa nazionalizzazione di tutta la produzione di petrolio e gas. Quello era l’obiettivo da sempre, la  tesi .  La falsa  antitesi  è la folla di “Drill baby, Drill”, a Capitol Hill, che piange lacrime di coccodrillo per la perdita dell’oleodotto Keystone XL per più di un decennio.

La  sintesi  questa volta sarà finalmente superare la loro tanto agognata  tassa miliardaria  sotto forma di una tassa inaspettata che inizia con il malvagio Big Oil. Anche se non lo capiscono, non è che non abbiano altre cose nelle loro liste di cose da fare per farlo.

Stanno ricominciando da qui perché sanno che nessuno prenderà seriamente in considerazione la nazionalizzazione a titolo definitivo (la prossima  sintesi)  a meno che non ci sarà una guerra con la Russia…

tomluongo.me

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Related Posts