la-nuova-vita-dei-tessuti-di-arredamento

La nuova vita dei tessuti di arredamento

LÙSac è un progetto sostenibile di riuso creativo

Andare incontro al futuro senza dimenticare il passato. Questa è la visione di Luisa Vanzini, l’architetto e home designer che nel 2019 ha dato vita al progetto LÙSac. LÙ come Luisa, Sac perché porta con sé l’idea del viaggio e della libertà. Luisa Vanzini come architetto ha frequentato i laboratori artigianali ed ha imparato ad apprezzare il vero del lavoro fatto a mano e su misura che permette di donare un’anima di bellezza agli oggetti della nostra vita quotidiana; come donna ha sempre creduto nel valore del recupero e del riutilizzo creativo. Da queste sue due anime è nato LÙSac.

Nessun destino è segnato, neanche quello di una pezza. Ieri era un avanzo, un campione di tessuto fuori produzione; oggi ha incontrato Luisa “LÙ” ed è diventato una “Sac”, la LÙSac: un pezzo unico come Te.

LÙSac di Luisa Vanzini: dare una nuova vita ai tessuti di arredamento

LÙSac è un brand sostenibile e made in Italy che a partire da una pezza e un semplice laccio di cuoio realizza borse dal design lineare, snelle ed eleganti nella loro estrema semplicità. L’idea nasce dalle ceste piene di scampoli, ritagli e avanzi di stoffe in disuso, pezze che sono state protagoniste dei tanti arredi pensati da Luisa, e dalla voglia di dare loro una nuova vita. Ogni LÙSac è un pezzo unico, è diversa dalle altre perché è una sacca o borsa realizzata con la sapienza artigianale delle mani di preziose sarte scegliendo tra gli avanzi di tessuto di arredamento ai quali viene data una nuova funzione.

Leggi anche: Himalayan Skin: lusso e sostenibilità su misura

Il cuoio utilizzato per realizzare i lacci è un cuoio di selleria, tagliato e cucito a mano e trattato con concia 100% vegetale. Le pezze per le LÙSac possono essere scelte direttamente nell’atelier-studio o selezionate via web tramite l’invio diretto di foto dopo aver scelto il modello preferito. Diversi sono i modelli disponibili: dalla Minimini (formato 30×30) alla Maxi (45×55), fino alla JO (borsa da viaggio a due manici) e allo zaino unisex. A queste si aggiungono le neonate clutch bags, da portare a mano: Minima, Mia e Piccola. Anche il packaging con cui vengono consegnate le borse rispetta il principio del riutilizzo creativo: viene realizzato con i ritagli di ciò che rimane dopo le lavorazioni. In un mondo che ha sempre voglia di nuovo, che scarta e inquina, un mondo in cui si dimentica, riprendere e riusare con creatività è un modo per non dimenticare il passato, ma anche per andare incontro al futuro sapendo di avere fatto la propria parte.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *