la-ricetta-della-frutta-frizzante-che-scoppietta-in-bocca

La ricetta della frutta frizzante che scoppietta in bocca

Questa idea è nata negli Stati Uniti e sta avendo molto successo. Viene chiamata Fizzy Fruit e può essere preparata in casa in modo semplice, utilizzando qualsiasi tipo di frutta. È un modo simpatico e originale per gustarla, cui ricorrere per qualsiasi occasione: per una festa, per un dopo cena o come aperitivo. Gli ospiti e i parenti ne rimarranno stupefatti! Poiché in Italia è quasi sconosciuta, in questo articolo vi proponiamo, la ricetta della frutta frizzante che scoppietta in bocca da preparare a casa.

Ecco la ricetta della frutta frizzante che scoppetta in bocca

Per questa preparazione si può usare qualsiasi tipo di frutta. È ottima servita da sola o assieme ad un dolce.

Cosa serve

Smartwatch

a) ghiaccio secco;


b) frutta;


c) refrigeratore.

Consigli da seguire

Raccomandiamo di utilizzare ghiaccio secco per uso alimentare.

I frutti che si prestano meglio a questa preparazione sono la mela, l’uva, la banana e agrumi come arance e andarini.

Procedimento

Tagliare la frutta a fettine se si tratta di una mela, solo gli acini se è uva, e gli spicchi se sono agrumi. Metterla nel refrigeratore e sistemarla assieme al ghiaccio secco avvolto in uno strofinaccio. Avvolgere il refrigeratore con della pellicola per cucina facendo diversi giri. Posizionarlo in frigo e aprirlo dopo un lasso di tempo di circa 12-14 ore. Il ghiaccio secco alla temperatura di -78°, sciogliendosi all’interno del contenitore, rilascia del gas, rendendo così la frutta carbonata. Questo procedimento rende la frutta dissetante, frizzante e che pizzica il palato. Si consiglia di lasciarla sempre in frigorifero. Così si farà in modo che rimanga frizzante per qualche ora. Quindi, si avrà l’occasione di assaporare la frutta con un gusto completamente diverso. Inoltre, se si mangia la frutta frizzante assieme ad un dolce, la sua effervescenza rupulirà il palato dallo zucchero e dai grassi presenti.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *