le-materie-prime-continueranno-a-brillare-grazie-agli-investimenti-green

Le materie prime continueranno a brillare grazie agli investimenti green

Nelle ultime settimane ferro, rame e legno hanno raggiunto i prezzi più alti mai registrati nella loro storia, in un trend che riguarda un gran numero di materie prime e che sta causando, e continuerà a causare nei prossimi mesi, diversi problemi. Aumenti di prezzi così importanti ed estesi a svariati settori sono spiegati dalla domanda repressa durante la pandemia, che si sta riprendendo in modo impetuoso in questi mesi, grazie alle riaperture di molti Paesi e ai piano di stimolo dei governi che hanno immesso denaro nell’economia. Il rally delle materie prime sta facendo pressione sulle catene di approvvigionamento di svariati settori e alimentando i timori su una crescita troppo repentina dell’inflazione, in quanto un numero crescente di aziende si trova costretta ad aumentare i prezzi, non avendo abbastanza materia prima per soddisfare la propria domanda. Sull’aumento dei prezzi di alcune materie non incide però solo il particolare contesto della pandemia: la decarbonizzazione e gli investimenti green renderanno necessario un significativo incremento nell’utilizzo di alcune materie prime.

“L’obiettivo dell’Accordo di Parigi di azzerare le emissioni nette entro il 2050 è un altro fattore che depone a favore della domanda di materie prime utilizzate nella costruzione di infrastrutture verdi, in particolare rame, alluminio e litio – componente fondamentale delle batterie delle auto elettriche”, ha commentato Peter van der Welle, strategist di Robeco Asset Management. “In questo caso, la decarbonizzazione è una lama a doppio taglio, poiché anche il lato dell’offerta è interessato dalle ambizioni climatiche dell’Accordo di Parigi – ha aggiunto van der Welle – Data l’alta intensità energetica della produzione di alluminio e il desiderio della Cina di raggiungere il picco delle emissioni entro il 2030, i livelli globali di produzione potrebbero diminuire proprio in una fase in cui è necessaria un’offerta più elevata”.

Secondo uno studio di Citigroup Global Markets, la domanda da generazione di energia rinnovabile, batterie, veicoli elettrici, stazioni di ricarica e relativa infrastruttura di rete rappresenta circa un quinto del consumo di rame globale. Con i governi che mirano a obiettivi aggressivi di zero emissioni nette nei prossimi decenni, e quindi più elettricità green, questo cambiamento probabilmente richiederà un consumo elevato di rame dato il fabbisogno di rete da 28,7 trilioni di dollari. “L’aumento del consumo di rame per la decarbonizzazione potrebbe guidare una crescita della domanda annuale fino al 3%”, ha affermato Max Layton, responsabile della Commodities Research presso Citigroup Global Markets.

Bisogna inoltre considerare che mentre i prezzi elevati significano che le aziende hanno un incentivo ad aumentare gli investimenti nel settore minerario, il che aiuterebbe gli approvvigionamenti, il rovescio della medaglia è il tempo necessario per avviare e rendere operativi i progetti. Alcuni esperti evidenziano come anni di prezzi bassi abbiano spinto i produttori a frenare la spesa per nuovi progetti e l’espansione, comprimendo l’offerta. “Credo che ci aspetta un nuovo superciclo. Non abbiamo molti progetti pronti per aumentare in poco tempo l’offerta”, ha affermato Ivan Glasenberg, CEO di Glencore, una delle più grandi società minerarie al mondo.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *