l’infettivologo-massimo-galli:-“ho-il-reparto-invaso-dalle-nuove-varianti-del-covid.-presto-problemi-piu-seri,-serve-un-lockdown”

L’infettivologo Massimo Galli: “Ho il reparto invaso dalle nuove varianti del Covid. Presto problemi più seri, serve un lockdown”

“Siamo tutti d’accordo che vorremmo riaprire tutto quello che si può aprire. Però guardi caso io mi ritrovo ad avere il reparto invaso da nuove varianti, e questo riguarda tutta quanta l’Italia e fa facilmente prevedere che a breve avremo problemi più seri. Questa è la realtà attorno alla quale è inutile fare ricami”. L’allarme è stato lanciato da Massimo Galli, autorevole primario infettivologo dell’ospedale  Sacco di Milano e docente all’università Statale che è intervenuto a ‘Mattino 5’ sul pericolo varianti di Sars-CoV-2 e sulla necessità di valutare un nuovo lockdown rigoroso come quello disposto per tutta Italia nel marzo scorso.

“Le avvisaglie” di come sta evolvendo l’epidemia di Covid-19 in Italia “vengono guardando semplicemente un pochino al di là del nostro naso – ha continuato l’esperto – vedendo che cosa è successo e sta succedendo negli altri Paesi europei, e considerando che ci sono queste nuove varianti, piaccia o no. Le varianti non ce le siamo inventate noi – ha precisato Galli – Le varianti ci sono e sono maggiormente contagiose, quindi vuol dire che hanno maggiore facilità a diffondersi in determinate condizioni che non sono situazioni da ritenersi sicure. Questo è molto spiacevole, ma è un dato di fatto. Non possiamo metterci a un tavolo e fare una trattativa politica o sindacale con il virus. Il virus segue le sue regole e le sue modalità di diffusione”.

Quanto alle polemiche nate dopo le dichiarazioni di Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, per Galli “è chiaro che chi, compreso il sottoscritto, vi dice che ‘attenzione bisogna chiudere di più’ può correre il rischio di esagerare nel fare queste affermazioni. Ma il rischio di esagerare, ahimè – ha ammonito l’infettivologo – è inferiore alla probabilità di avere purtroppo, per l’ennesiama volta, ragione”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *