l’isola-del-tesoro:-“nei-nostri-laboratori-sostenibilita-e-inclusione-sociale”

L’Isola del Tesoro: “Nei nostri laboratori sostenibilità e inclusione sociale”

Con l’impegno e il lavoro quotidiano è possibile costruire una società più giusta, inclusiva ed ecosostenibile. Lo dimostrano realtà come “L’Isola del Tesoro”, centro diurno coordinato e gestito dalla cooperativa Biplano, che opera per l’accoglienza, la valorizzazione e il reinserimento sociale delle persone con disagio psichico.

Nella sua sede, a Gorle in via Roma 9, sono attivi laboratori artigianali in cui materiali usati di diversa natura prendono nuova vita. Invece di essere gettati in discarica vengono reinventati: a volte subiscono un restyling e tornano al loro antico splendore, mentre altre volte si trasformano assumendo una funzione diversa da quella che avevano in precedenza.

I settori in cui si articolano le attività de “L’Isola del Tesoro” sono molteplici e spaziano tra falegnameria e restauro di mobili, cucito, trasformazione di vecchie biciclette, impagliatura di sedie e molto altro ancora. La produzione, originale e variegata, comprende arredi e complementi d’arredo, abbigliamento, collane e braccialetti, borse, cesti e sacchetti portapranzo ma anche dischetti levatrucco riutilizzabili e accessori vari fino ad arrivare ai tiragraffi per i gatti: in base alle proprie preferenze è possibile ordinare su commissione o acquistare al negozio adiacente al laboratorio tutto ciò di cui si ha bisogno.

“Le attività de L’Isola del Tesoro – evidenzia Licia De Angelis, presidente della Cooperativa Biplano – uniscono sostenibilità e inclusione sociale. Da un lato, infatti, diffondono la cultura ecologica del riciclo e del riutilizzo, e dall’altro permettono di valorizzare le persone che vi partecipano. Dall’ideazione alle varie fase di realizzazione, tutti gli oggetti sono frutto della loro creatività e costituiscono un’occasione per poter esprimere il loro talento. Per esempio, nella sezione dedicata al cucito, ritagli di stoffe e jeans vengono recuperati per creare borse, bavaglie per bambini e dischetti levatrucco lavabili”.

Queste esperienze hanno tanti effetti positivi per tutti. “I laboratori – osserva De Angelis – sono percorsi riabilitativi di propedeutica al lavoro: i partecipanti vengono stimolati a esprimere la propria fantasia e al tempo stesso, gradualmente, si abituano ai ritmi di lavoro e alle dinamiche di socializzazione e lavoro in gruppo. I clienti, invece, hanno l’opportunità di acquistare oggetti belli, utili e sostenibili, considerando che la pratica del riutilizzo consente di evitare gli sprechi e ridurre i rifiuti. Con i proventi relativi alla vendita di questi prodotti, infine, vengono finanziate le attività dei laboratori”.

“L’Isola del tesoro” è a Gorle in via Roma 9. Per avere ulteriori informazioni consultare il sito internet www.isolabiplano.it, telefonare al numero 3202956929 oppure inviare un’e-mail a isoladeltesoro@cooperativabiplano.it.

Rimani aggiornato sulle novità seguendo la pagina Facebook e il profilo Instagram.

© Riproduzione riservata

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *