lo-strano-fenomeno-dei-comaschi-che-odiano-como:-una-vicenda-social

Lo strano fenomeno dei comaschi che odiano Como: una vicenda social

Redazione 26 novembre 2022 17:17

“Buongiorno gruppo, con la mia fidanzata abitiamo in un paese vicino a Bergamo e pensavamo spostarci a Como. Qualsiasi sia la cosa che potete e volete dire, un consiglio, una raccomandazione… sarà benaccetta, vi ringrazio!”

Una domanda semplice e educata posta sul gruppo Facebook Sei di Como se…e che, come sempre, finisce in bufera e polemica. Il consiglio della maggior parte dei comaschi è sempre lo stesso e risuona all’unisono: “Resta dove sei!”.

Comaschi che odiano Como verrebbe da dire leggendo le risposte a questa amichevole domanda fatta dal giovane pieno di speranze e buona volontà che si vorrebbe trasferire nel nostro capoluogo. Il ragazzo chiede consigli ma quello che gli viene detto dalla maggior parte delle persone è piuttosto scoraggiante: “Como è cara, c’è traffico, stai dove sei che si sta meglio”. La percezione generale può essere riassunta con una delle risposte (una delle più gentili ): “Como non offre niente a parte le bellezze naturalistiche e costa più di Milano” oppure “Como non ha molte frecce nel suo arco. Non offre praticamente nulla (no, il Lago non vale, il Lago è lì da prima di Como)”.

E non è la prima volta. La storia sembra ripetersi all’infinito e quando qualcuno spinto da curiosità o dalla necessità di trasferirsi chiede informazioni o consigli viene in qualche modo demotivato. “Se volete passare la vostra vita a lavorare e basta senza nessun altro obiettivo allora è la città giusta”, commenta una comasca. E ancora: “Se consideri gli svaghi offerti, gli stipendi base italiani e i prezzi della città, non puoi permetterti molto altro (vivendo sola). E poi, a parte qualche locale cosa puoi fare a Como dopo le 22? Chiedo proprio con curiosità, non per criticare. Abito qui da 25 anni ma a me sembra sia diventata esosa nei prezzi e con pochissima attrattiva…”

Ma fortunatamente c’è ancora qualcuno che ama la sua città e sa descriverla senza rancore e senza eccessivo pessimismo e mostra benevola accoglienza verso chi qui, a Como, vorrebbe abitare: 

“Come avrai ben compreso i comaschi sono, in gran parte, poco calorosi ed estremamente lamentosi. La maggior parte di loro giudica “invivibile” una città che, negli ultimi dieci anni, si è invece risollevata da un torpore medievale grazie al turismo internazionale. Però sai, i turisti disturbano….

Peccato che il 90% di chi si lamenta e parla male della nostra città sia uscito dalla convalle molto raramente nella sua vita e non abbia certo girato il mondo per fare confronti.

Personalmente ti dico che Como è una città molto piacevole, con buoni servizi e buone opportunità. È vicina a Milano, alla Svizzera, a Malpensa. A seconda delle tue esigenze possono esserci quartieri più o meno adatti. Se vuoi qualche informazione più dettagliata, sono a tua disposizione. Scrivimi pure in privato e…. Benvenuti a Como!”

Questa risposta, anche a detta degli altri utenti, è quella che sembra riassumere meglio la situazione o almeno cerca di dare una visione lucida e non disfattista delle cose. Como, con i suoi mille difetti, resta una città tra le più belle del mondo, con un’atmosfera unica, inconiciata dal lago e dalle montagne. Qualcosa che forse gli stessi comaschi che la criticano ferocemente e che ogni volta che qualcuno chiede consigli ricordano solo i lati negativi dovrebbero ogni tanto notare anche la bellezza. Che non è poco. Una passeggiata in riva al lago e con i panorami che offre è gratis. A volte varrebbe anche la pena ricordarselo che viviamo in uno dei luoghi più belli del mondo. 

Related Posts