meloni:-«mi-preparo-a-governare-la-nazione.-sulle-chiusure-draghi-e-piu-rigido-di-conte»

Meloni: «Mi preparo a governare la nazione. Sulle chiusure Draghi è più rigido di Conte»

Giorgia Meloni, ospite di Lucia Annunziata a Mezz’ora in più, chiarisce la posizione di Fratelli d’Italia anche sulle candidature alle amministrative

Giorgia Meloni esce allo scoperto e davanti alle telecamere di Mezz’ora in più su Rai3, intervistata da Lucia Annunziata lancia segnali inequivocabili.

«C’è bisogno d un partito di destra, di un partito che difenda l’interesse nazionale italiano». Secondo la leader di Fratelli d’Italia «la Lega è più legata alla dimensione territoriale, mentre FdI è legata a una dimensione nazionale. Ad esempio la Lega difese l’indipendenza della Catalogna, ma per me questa cosa non esiste. Esiste lo Stato nazionale, vi sono punti di contatto, ma FdI ha un ancoraggio maggiore» alla visione di uno Stato nazionale. In ogni caso, «ci sono punti di contatto – ha precisato – e credo che governeremo insieme».

Forte dei mumeri che danno Fratelli d’Italia in continua ascesa Giorgia Meloni ha aggiunto a Lucia Annunziata: «Il centrodestra dovrebbe reagire, con un coordinamento, un intergruppo per ragionare insieme. Dall’opposizione Fratelli d’Italia può fare un lavoro prezioso,perchè non è vincolata alla maggioranza». Fratelli d’Italia«prende consenso a 360 gradi perchè dice noiosamente sempre lestesse cose, e nell’attuale panorama politico ha un valore. Se non porto avanti quello che dico, la gente che mi vota a fare? È per questo che c’è una crescita di Fratelli d’Italia. Il principio di coerenza è la base stessa della democrazia. Fratelli d’Italia dà delle certezze che tutti gli altri non danno».

Il giudizio su Mario Draghi e i suo governo è negativo. Per Giorgia Meloni è in «tragica continuità con il governo precedente. Anzi, Draghi è più rigido di Conte sulle chiusure. Non ho nostalgie di Conte, ma mi aspettavo qualcosa di più coraggioso. Non mi aspetto molto dalla sua maggioranza, ma per l’autorevolezza che Draghi ha, pensavo che potessero esservi iniziative più coraggiose».  L’unico merito che riconosce al presidente del Consiglio è sul piano vaccini: «È un punto a favore, ma sul resto Draghi è ostaggio della sinistra. Draghi pende più a sinistra su riaperture, sul cashback, sui ristori».  Sul futuro di Draghi la leader di Fratelli d’Italia aggiunge: «Se andasse al Quirinale si andrebbe a votare, ragionevolmente, immediatamente. Questo è un punto a suo favore» per la carica di presidente dellaR epubblica. Aggiungendo: «Il centrodestra dovrà fare questa valutazione».

E a proposito di centrodestra sul nodo candidature per le prossime amministrative Giorgia Meloni chiarisce:  «Mi aspetto di incontrare Salvini eTajani per chiudere sulle candidature» per la carica di sindaco a Roma e a Milano. «Abbiamo altre opzioni, altri nomi che non dico».

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *