milano-riparte-dal-mobile.-arriva-l’ok:-il-salone-si-fa

Milano riparte dal Mobile. Arriva l’ok: il Salone si fa

29 Aprile 2021 – 06:00

L’apertura il 5 settembre per una edizione ridotta. La inaugurerà Mattarella. Sala: “Una bella notizia”

Milano riparte dal Mobile. Arriva l'ok: il Salone si fa

Milano non rinuncia la «suo» Salone e il Salone non perde l’occasione di far di nuovo parlare di sè. Nell’anno cruciale perchè simbolo della rinascita del Paese dopo la pandemia, la kermesse del design più importante al mondo conferma la sua presenza nel polo espositivo di Rho Fiera dal 5 al 10 settembre. E lo farà con una veste inedita, seppur ridotta, sotto la guida di un curatore di fama internazionale e forse di un nuovo compagno di viaggio, la Triennale. Questa la decisione all’unanimità presa dal Cda di FederlegnoArredo Eventi spa, dopo una settimana di passione, tra dubbi, spaccature, incertezze sul futuro e le dimissioni del presidente del Salone Claudio Luti per «la mancata volontà di fare squadra».

«Nel costruttivo dibattito interno si sono analizzati i punti di forza della Manifestazione, i valori storici e simbolici – recita il comunicato – quelli attuali e prospettici, la coerenza con il programma di rilancio dell’economia del Paese sotto la guida del nuovo Esecutivo, la rilevante condivisione della collettività, le aspettative sia di un pubblico professionale sia di quello generalista in Italia e nel mondo».

Il pressing del governo, dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella al premier Mario Draghi, dai ministri ai vertici delle istituzioni locali, forti del valore economico della manifestazione da 1,3 miliardi di euro e 200 milioni di indotto per la città, ha convinto quella fetta di espositori che si stavano sfilando nel timore di in un flop. L’incertezza che buyer e visitatori internazionali potessero venire in Italia dopo l’estate, a fronte di allestimenti che valgono mille euro al metro quadrato, facevano propendere per un rinvio.

Sulla testa degli organizzatori anche la spada di Damocle della penale da 9 milioni di euro, che si sarebbe dovuta pagare a Fiera spa in caso di annullamento.

Ecco quindi che non solo si è deciso di organizzare l’evento, ma anche di realizzarlo con «una veste inedita, attenta a valorizzare le novità, le tecnologie e i progetti delle aziende», che vedrà sotto le vele di Fuksas mostre e percorsi tematici integrati in dialogo con la piattaforma digitale. «Sono fiducioso che grazie al supporto ricevuto dalle istituzioni, in primis dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e dalla Presidenza del Consiglio, così come dagli altri Ministeri commenta Gianfranco Marinelli, Presidente di FLA Eventi SpA e alla volontà delle aziende di dare un contributo alla riuscita della manifestazione, daremo vita a un Salone innovativo e attrattivo».

Esulta il sindaco Beppe Sala (nella foto): «Il fatto che Milano ospiterà il Salone è di per sè un messaggio di speranza e fiducia di grandissimo valore, in vista della ripresa». E il governatore della Lombardia Attilio Fontana: «Un segnale forte e soprattutto importante. Ringrazio tutte le parti che hanno contribuito al raggiungimento di questo risultato».

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *