milano,-sala-smentisce-gli-aumenti-per-l

Milano, Sala smentisce gli aumenti per l

Un aumento per Area C? “Lo vedremo più avanti, in questo momento negli equilibri di bilancio che abbiamo approvato oggi e che certificano la spesa totale al momento non abbiamo preso questo tipo di decisione. Lo escludo sicuramente in tutta la prima parte dell’anno”. A dirlo è il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, a margine degli auguri di fine anno del questore Giuseppe Petronzi.

Nei giorni scorsi era stato ipotizzato l’aumento da 5 a 7,5 euro del ticket d’ingresso alla zona centrale di Milano per i non residenti per compensare l’aumento delle spese nel bilancio comunale. La misura, per ora, quindi non sarà applicata.

“Vogliamo vedere se poi arriveranno più fondi dal governo, quello che spesso succede, e che ci permetteranno di non fare aumenti. Quelli che ci saranno sono relativi ad aumenti Istat”, aggiunge Sala, riferendosi all’incremento del biglietto singolo dell’Atm per bus, tram e metrò che dal 9 gennaio passerà da 2 a 2,20 euro a causa dell’adeguamento all’inflazione.

. “Gli assessorati – continua – avranno a disposizione un budget di spesa in sostanza come quello dell’anno scorso. Ci sono costi più alti dovuti all’energia in particolare e dovranno lavorare per limare i livelli di servizio che daranno. La situazione è sufficientemente sotto controllo ma questa è una città che vuole continuare a crescere e quindi è chiaro che abbiamo bisogno di un maggiore intervento del governo. Sul trasporto pubblico noi stiamo facendo molti più chilometri di servizio rispetto a dieci anni fa e abbiamo meno soldi da governo e così non può funzionare”.

Il sindaco sottolinea che “potranno esserci degli aumenti sulle mense scolastiche legati ai parametri Istat. Sono aumenti però contenuti perchè capiamo le difficoltà del momento. Noi ad oggi se i conti rimassero questi non so se riusciremmo a garantire il funzionamento delle case vacanze del Comune nella misura di tutti gli anni. Il 12 gennaio vorremmo deliberare definitivamente sul bilancio per poi consegnarlo alle commissioni consiliari”.

Related Posts