mugello,-ritrovato-il-bambino-scomparso:-l’annuncio-della-prefettura

Mugello, ritrovato il bambino scomparso: l’annuncio della Prefettura

Una storia a lieto fine: il bambino scomparso al Mugello nella notte di lunedì scorso è stato finalmente ritrovato. L’annuncio

Bambino Mugello
web source

E’ stato ritrovato vivo Nicola, il bambino scomparso pochi giorni fa nella zona del Mugello, più precisamente a  Palazzuolo sul Senio. A darne l’annuncio è stata la Prefettura di Firenze che, dopo ore di ricerche, ha finalmente localizzato il piccolo che si era presumibilmente allontanato da casa sua in autonomia.

Il bimbo è in buone condizioni di salute nonostante si trovasse, al momento del ritrovamento, a circa tre chilometri di distanza da casa sua. Nicola vive insieme alla sua famiglia in una zona molto isolata, in un casolare sull’Appennino. A ritrovarlo, a quanto pare, sarebbe stato un giornalista che tornando verso casa sua avrebbe udito dei rumori e dei lamenti.

LEGGI ANCHE: MORTE SAMAN, SCOPERTO IL LUOGO DELLA SEPOLTURA: DECISIVA LA TESTIMONIANZA DEL FRATELLO

Mugello, storia a lieto fine: dopo tante ricerche Nicola è stato ritrovato vivo

Unità cinofila
web source

Nicola era scomparso nella notte tra il 21 e il 22 giugno dopo che, secondo le ricostruzioni, i genitori avevano messo a dormire sia lui che il suo fratellino di 4 anni. La mattina successiva, quando il babbo e la mamma erano andati a svegliarlo, avevano trovato il letto vuoto e avevano quindi sporto denuncia ai carabinieri.

La zona in cui vive la famiglia è davvero impervia, tanto che è raggiungibile solo tramite una mulattiera. Vivendo in campagna Nicola ha sviluppato presto autonomia nei movimenti, abituato a muoversi da solo oltre i margini dell’abitazione e le immediate vicinanze.

LEGGI ANCHE: DENISE PIPITONE, PIERA MAGGIO STREMATA: LO SFOGO DELLA DONNA A CHI L’HA VISTO

La prefettura ha attivato subito le procedure per ritrovare il bimbo: sul posto sono arrivati circa 40 vigili del fuoco muniti anche di un elicottero, carabinieri, soccorso alpino, volontari del soccorso alpino e volontari della protezione civile. I sub hanno anche scandagliato un laghetto adiacente senza aver fortuna.

Stamattina l’annuncio del ritrovamento che ha fatto esplodere di gioia la famiglia: in quella zona infatti non c’è nemmeno segnale per quel che riguarda i telefoni cellulari, rendendo davvero difficile la comunicazione. Una storia a lieto fine

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *