nier-replicant-ver1.22474487139…:-molto-di-piu-di-un-semplice-“remake”:-rinnovati-grafica,-sonoro-e-sistema-di-combattimento

NieR Replicant ver.1.22474487139…: molto di più di un semplice “remake”: rinnovati grafica, sonoro e sistema di combattimento

Nier Replicant è sicuramente un prodotto affascinante, non solo per la storia che racconta ma per la vita del prodotto stesso. Il gioco originale uscito ormai undici anni fa su PlayStation3 ed Xbox360 metteva i giocatori davanti a una trama complessa e misteriosa che seduceva e incuriosiva, nonostante il comparto tecnico debole e un sistema di combattimento non troppo immediato; negli anni diventa un fenomeno di nicchia, che però rimane semi sconosciuto fino all’arrivo del suo seguito, Nier Automata, che forte del sistema di combattimento sviluppato dal team di Platinum games riesce a fare breccia nel cuore dei giocatori occidentali, portando cosi alla decisione di creare un “aggiornamento” del primo capitolo, ma migliorandolo sotto ogni punto di vista. Replicant ver .1.22474487139 racconta la storia di un giovane ragazzo e della sua sorellina Yonah, colpita da una terribile malattia con il nome di Necrografia; alla ricerca di una cura per questo male ignoto il ragazzo si imbatterà in un libro di nome Grimoire Weiss, leggenda narra che questo libro abbia il potere di realizzare qualsiasi cosa, ma per poterlo fare, dovremo recuperare le parole mancanti in possesso dalle ombre disperse per il mondo.

Tecnicamente i miglioramenti rispetto all’originale sono tangibili, grazie al nuovo motore grafico che porta i 60 frame fissi e texture ripulite, ed un comparto audio incredibile forte di nuovi arrangiamenti e registrazioni ex novo di colonna sonora e doppiaggio. Oltre al comparto visivo e sonoro sono state apportate numerose migliorie al gameplay che grazie alla supervisione di Platinum Games – veri esperti del genere action – ha permesso di rinfrescare completamente il sistema di combattimento originale, punto debole della prima versione.

Se a una prima occhiata Replicant può sembrare una mera operazione di restauro commerciale, poco più in profondità troveremo un gioco enormemente cambiato dalle sue origini, che ha pescato a piene mani dal suo seguito per riscrivere una storia molto più omogenea e ricca di dettagli narrativi inediti, con dialoghi e missioni aggiuntive fino ad arrivare a un finale completamente inedito che si allaccia a Nier Automata; un lavoro incredibilmente dettagliato che per chi ama la profondità dei dialoghi di Yoko Taro e che non mancherà di affascinare anche chi si avvicina per la prima volta alle sue produzioni, con picchi di narrativa emozionanti e commoventi, molto rari nelle uscite degli ultimi anni.

Dal punto di vista della rigiocabilità ci troviamo davanti un gioco che se compreso può durare ben sopra la media, grazie ai cinque finali sbloccabili nelle diverse run di gioco, che oltre ad aggiungere nuove armi portano tantintissimi nuovi tasselli alla storia, permettendo al giocatore non solo di non annoiarsi nel rigiocare alcune parti già fatte ma apportando modifiche a ogni run successiva, andando a completare un quadro generale più ampio di quello che sembra e che porterà a tantissime nuove componenti di storia, cosi da capire fino in fondo il complesso racconto che l’autore con questo gioco vuole raccontarci.

In definitiva Nier: Replicant ver 1.22474487139 è un gioco dalle mille sfaccettature che seppur mantenga qualche piccola sbavatura dell’originale riesce a creare nel giocatore curiosità e divertimento come in pochi giochi d’azione, assolutamente consigliato per chiunque stia cercando un buon action game con una trama solida e complessa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un’informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

YouTube, in arrivo una funzione per la traduzione automatica di titoli, sottotitoli e descrizioni dei video

next

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *