nuova-vita-per-l’ex-nina-a-grazie,-c’e-il-progetto-per-una-locanda

Nuova vita per l’ex Nina a Grazie, c’è il progetto per una locanda

GRAZIE (Curtatone) – Se ne parlava da tempo ed ora il recupero dell’ex trattoria Nina di Grazie è realtà: il consiglio comunale ha votato la variante al Pgt che permette di intervenire nell’area, da tempo dismessa e degradata, accanto al Foro Boario, in via Francesca. Al posto dell’attuale edificio sorgerà una nuova locanda.

L’accordo tra Curia e privato e c’è ed ora c’è anche l’ok del consiglio comunale – arrivato durante la seduta svoltasi giovedì sera – alla variante del Pgt, necessaria per poter procedere con i lavori.

Un’opera importante che darà nuovo lustro ad un’area centrale di Grazie, proprio affianco al Foro Boario (sistemato alcuni anni fa) divenuto poi infopoint del borgo (inserito, come noto, nel circuito dei Borghi più belli d’Italia).

Cambia, dunque la destinazione della storica Nina che diventerà una locanda con tanto di piccoli alloggi e ristorante riservato alla clientela. Il progetto che, inoltre, prevede la realizzazione di un giardino, bagni esterni ed un parcheggio in direzione di via Pozzarello (dietro le scuole) dove si trova attualmente anche il campus dei madonnari ed utilizzato ogni anno in occasione della Fiera delle Grazie. Struttura, dunque che andrebbe a beneficio non solo dei clienti della locanda ma anche dei residenti e degli artisti del gessetto: il parcheggio, infatti, sarebbe destinato sia all’uso pubblico che alla clientela.

Un intervento, quello in questione, che, come spiegato dall’assessore Cinzia Cicola durante il consiglio comunale, non andrebbe però a modificare la volumetria ma che permetterebbe, al parallelamente, di valorizzare un’area centrale di Grazie, proprio all’ingresso del piccolo borgo.

Un progetto che, seppure non di diretta realizzazione da parte del Comune, si inserisce nel piano di recupero delle aree degradate del territorio che l’amministrazione comunale sta portando avanti in un’ottica di miglioramento del territorio e del decoro urbano e di rivitalizzazione del suolo produttivo. Un processo che guarda alla ripartenza economica ed alla creazione di nuovi posti di lavoro.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *